27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/06/2012, 00.00

    MYANMAR – BANGLADESH

    Rakhine, violenze etniche: tre condanne a morte per lo stupro-omicidio della donna



    La Corte distrettuale ha comminato la pena capitale a carico di tre musulmani: Htet Htet, Mahmud Rawphi e Khochi. Il primo si è suicidato la scorsa settimana in carcere, ma il tribunale ha voluto emettere una condanna postuma. L’assassinio di Thida Htwe ha scatenato gli scontri fra musulmani e buddisti. Dhaka continua i respingimenti di profughi Rohingya.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) - La Corte distrettuale di Kyaukphyu, nello Stato di Rakhine, nel Myanmar occidentale, ha condannato a morte tre musulmani, ritenuti responsabili dello stupro e dell'uccisione di Thida Htwe; il decesso della giovane buddista Arakanese, a fine maggio, ha originato i violenti scontri interconfessionali islamo-buddisti nella regione, che hanno causato almeno 50 morti, migliaia di case incendiate e la fuga di centinaia di profughi della minoranza musulmana Rohingya verso le coste del Bangladesh. Tuttavia, il governo di Dhaka ha adottato una rigida politica di respingimenti verso i rifugiati (nella foto): anche ieri, infatti, circa 130 birmani Rohingya sono stati intercettati, posti sotto fermo giudiziario per interrogatorio e, in un secondo momento, allontanati in direzione Birmania. Il numero complessivo di respingimenti o arresti, dall'inizio delle violenze nello Stato, supera quota duemila.

    Il sito dissidente Democratic Voice of Burma (Dvb) riferisce che ieri il giudice distrettuale ha ritenuto colpevoli di stupro, omicidio e furto Htet Htet (meglio noto come Rawshe), Mahmud Rawphi (soprannominato Hla Win) e Khochi (il nome completo è Myint Swe). Il 28 maggio scorso i tre hanno aggredito la giovane buddista Rakhine Thida Htwe, del villaggio di Thabyaychaung, nella cittadina di Ramee, mentre stava rientrando a casa. La Corte si è basata sulle testimonianze di otto persone, fra cui il fratello della vittima.

    Htet Htet, sospettato di aver architettato l'aggressione sfociata nello stupor-omicidio, si è suicidato la scorsa settimana, mentre si trovava in carcere. La giuria ha voluto condannarlo lo stesso, con sentenza postuma, in accordo al Codice penale birmano. Buona parte dell'opinione pubblica si dice soddisfatta della celerità del procedimento e del fatto che i colpevoli siano stati condannati. Tuttavia, membri della società civile ed esponenti di organizzazioni pro diritti umani diffidano della sentenza e auspicano un'inchiesta più approfondita per evitare casi di giustizia sommaria. I due uomini hanno ora una settimana di tempo per appellare la sentenza; la vicenda dovrà comunque essere esaminata dalla Corte suprema per il verdetto finale. Per gli esperti di diritto è "molto difficile" che venga davvero applicata la pena capitale, dato che in Myanmar non si registrano più esecuzioni di condanne a morte dal 1988.

    Nei giorni seguenti lo stupro e l'omicidio della donna, una folla inferocita ha accusato alcuni musulmani uccidendone 10 che viaggiavano su un autobus ed erano del tutto estranei al fatto di sangue. La spirale di odio, sfociata in una vera e propria guerriglia, è quindi continuata nei giorni successivi e ha causato la morte di altre 29 persone, di cui 16 musulmani e 13 buddisti, altri 38 i feriti. Secondo le fonti ufficiali sono andate in fiamme almeno 2600 abitazioni. Della tensione fra buddisti dell'Arakan e musulmani Rohingya ha parlato anche Aung San Suu Kyi, in Europa per un tour ufficiale: la leader della Lega nazionale per la democrazia (Nld) ha rivendicato la "supremazia della legge", alla quale tutti i cittadini si devono uniformare. E aggiunge che è necessaria una sorveglianza "responsabile" lungo il confine fra Birmania e Bangladesh.

    Il Myanmar, composto da oltre 135 etnie, ha avuto sempre difficoltà a farle convivere e in passato la giunta militare ha usato il pugno di ferro contro i più riottosi. I musulmani in Myanmar costituiscono circa il 4% su una popolazione di 60 milioni di persone. Secondo l'Onu, nel Paese vi sono 750mila Rohingya, concentrati in maggioranza nello Stato di Rakhine. Un altro milione o più sono dispersi in altre nazioni: Bangladesh, Thailandia, Malaysia. Lo stato di emergenza è il primo intervento eccezionale ad opera di Thein Sein, presidente da oltre un anno, che sta traghettando il Paese dalla dittatura militare a una democrazia almeno minima.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/06/2012 MYANMAR
    Usa e Ue chiedono la fine delle violenze fra buddisti e musulmani birmani
    Resta alta la tensione nello Stato occidentale Rakhine, teatro da giorni di un conflitto etnico-religioso. Attivisti criticano il governo e auspicano libero accesso all’area di organismi indipendenti. Le Nazioni Unite trasferiscono il personale; il Bangladesh rafforza i controlli alla frontiera. Almeno 12mila gli sfollati.

    11/06/2012 MYANMAR
    Myanmar, stato di emergenza per fermare gli scontri fra buddisti e musulmani
    Oltre una settimana fa una donna buddista è stata violentata e alcuni musulmani sono stati uccisi perché sospettati di essere gli autori. Nei giorni scorsi almeno 500 case sono state bruciate e distrutte. Timori per la fragile e apparente democrazia. Nello Stato di Rakhine ha origine l'oleodotto e gasdotto che porta energia nello Yunnan cinese.

    13/06/2012 MYANMAR – BANGLADESH
    Dhaka respinge un migliaio di birmani Rohingya. Sittwe pattugliata dall’esercito
    Il Bangladesh ha impedito lo sbarco di circa mille profughi, a bordo di tre imbarcazioni. Nei giorni scorsi altri 500 rifugiati rispediti in Myanmar. Forze di sicurezza occupano le strade della capitale dello Stato Rakhine, teatro degli scontri fra buddisti e musulmani. La situazione di calma apparente potrebbe sfociare in nuove violenze.

    02/08/2012 MYANMAR – BANGLADESH
    Hrw: il governo birmano complice delle violenze contro i musulmani Rohingya
    Le autorità non sarebbero intervenute per fermare gli scontri. E, in un secondo momento, avrebbero autorizzato il fuoco dei militari contro la minoranza etnica impegnata a salvare case e beni personali. Appello alla comunità internazionale. Intanto Dhaka blocca le attività di tre enti a favore dei profughi.

    28/09/2012 MYANMAR – ONU
    Thein Sein all’Onu: con Aung San Suu Kyi, in Myanmar una “società armoniosa”
    Il ruolo “cruciale” della leader dell’opposizione. Ricordato il valore della “diversità” per la ricchezza della nazione. Tre gli obiettivi: stabilità, Stato di diritto e crescita economica, con previsioni del 7,7% entro il 2015. Una Commissione indipendente e interreligiosa per indagare sulle violenze contro i Rohingya.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®