22/03/2004, 00.00
cambogia
Invia ad un amico

Rinasce congregazione di suore cambogiane distrutta dai Khmer Rossi

Kompong Cham (AsiaNews/Ucan) – Una congregazione cambogiana i cui membri erano stati tutti trucidati circa 30 anni fa dai Khmer Rossi o erano scomparsi ha ripreso vita grazie alla professione temporanea di due nuove suore.

Domenica scorsa, 21 marzo, le suore Ang Songvat e Bouang Buntharin hanno infatti preso i loro voti temporanei come membri della Congregazione delle Amanti della Croce della prefettura apostolica di Kompong Cham, cittadina a 75 km a nord di Phnom Penh, dove ha avuto luogo l'evento.

Monsignor Antonysamy Susairay, prefetto apostolico di Kompong Cham, che sovrintende alla comunità cattolica dell'area orientale della Cambogia, ha accettato i voti.

La cerimonia ha segnato il primo passo verso la rinascita di questa congregazione religiosa, che era stata fondata in Cambogia nel 1772 e che nel1942 contava 115 membri.

Nel maggio del '70, quasi tutte le suore furono espulse dal paese, guidato dal governo militare del gen. Lon Nol.

Lon Nol , ex ministro cambogiano della difesa, il 18 marzo del '70 aveva orchestrato un colpo di stato per esautorare il principe Norodom Sianouk. Per rafforzare il nazionalismo, fa espellere dalla Cambogia tutta la popolazione di etnia vietnamita. La maggior parte delle suore Amanti della Croce erano vietnamite, anche se molte di essere erano nate in Cambogia.

 

Due delle suore cambogiane decidono di non lasciare il paese insieme alle altre. Una delle due è stata uccisa durante il regime comunista guidato da Pol Pot, arrivato al potere nel 1975. Pol Pot era a capo dei Khmer Rossi, un gruppo radicale ritenuto responsabile della morte di circa 2 milioni di cambogiani. Nel '79, l'invasione dell'esercito vietnamita lo caccia dal potere.

 

L'altra suora ha continuato nella fede della Chiesa e nella fedeltà alla sua congregazione in tutti quegli anni, aiutando i poveri e visitando i cristiani. È morta pochi anni fa a Phnom Penh, ad un'età molto avanzata.

La preparazione delle due suore è stata fatta da quattro suore missionarie inviate in Cambogia da suor Estella Siripon Jitsanore, segretaria della Congregazione delle Amanti della Croce di Ubon Ratchathani, in Tailandia.

Allo "storico evento" era presente anche una delegazione di membri della congregazione guidata dalla superiora generale, suor Jovanna Wanida Thavorn. Suor Siripon ha detto che la congregazione continuerà ad occuparsi del tirocinio delle suore cambogiane e a sostenerle finché diventeranno indipendenti e potranno guidare esse stesse la rinata congregazione, con altri nuovi membri.

L'ordine di queste suore ha una lunga storia. E' stato il vescovo Pierre Lambert de la Motte, missionario francese che nel 1666 arrivò a Tonkin (fa ora parte del nord del Vietnam), a fondare ufficialmente la Comunità delle Amanti della Croce nel 1670 a Tonkin, vicino Hanoi. In seguito la congregazione estese la sua presenza e fondò altre ramificazioni in Vietnam, Cambogia, Tailandia e Laos. Oggi questa congregazione è attiva in diverse diocesi di Stati del Sudest Asiatico ed anche negli Stati Uniti. La congregazione cambogiana è stata edificata nel 1772 da Padre Nicholas Levavasseur, delle Missioni estere di Parigi (MEP).

Nel 1996, padre Andre Lessouef, del MEP ed allora prefetto apostolico di Kompong Cham, ha creato una casa di formazione per poter far rivivere quella comunità dissolta. Solo nel 1999 si sono fatte avanti due postulanti, ora suor Ang e Bouang, per cominciare il loro processo formativo. Hanno cominciato il noviziato nel 2002.

Le comunità presenti nel Sudest Asiatico e negli Stati Uniti hanno leggi comuni approvate dalla Santa Sede, ma ognuna, creata in una diocesi o in una prefettura ecclesiastica, ha un proprio regolamento.

Ogni congregazione autonoma è guidata da una superiore generale con una sua organizzazione, che risponde al capo della Chiesa locale.  

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
È morto il vicario di Thủ Thiêm: ha difeso la parrocchia dagli espropri
03/05/2019 14:31
Ho Chi Minh City, festa della Madonna di Fatima nella parrocchia minacciata dal governo
13/12/2016 11:26
Ho Chi Minh City, buddisti e protestanti in difesa di una scuola cattolica: Non demolitela
27/10/2015
Card Marx: Difendiamo le suore Amanti della Santa Croce di Thủ Thiêm e la libertà religiosa
19/01/2016 12:57
Papa: in Cambogia una Chiesa che rinasce dopo "le tenebre"
07/01/2013