26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/02/2009
CINA
Rinviato il processo a Huang Qi, che difende i terremotati del Sichuan
Nel terremoto del 12 maggio 10mila scolari sono morti per il crollo di scuole mal costruite. Da allora il governo promette giustizia ma colpisce chi protesta. Torna a casa Gao Zhisheng, “scomparso” per oltre due settimane.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il Tribunale di Chengdu rinvia il processo a Huang Qi, difensore dei diritti dei genitori degli scolari morti per il terremoto nel Sichuan del 12 maggio.

Ieri la Corte ha detto alla moglie Zeng Li che oggi il marito sarebbe stato processato, con accuse ancora non indicate. Ma oggi il Tribunale ha rinviato il processo a data da destinarsi, per dare agli avvocati tempo sufficiente per preparare la difesa. Da quattro mesi a Zeng Li proibiscono di vedere Huang.

Se accusato di “possesso illegittimo di segreti di Stato” rischia una condanna fino a 3 anni senza alcuna effettiva possibilità di difesa. Infatti, secondo quanto dice Nicholas Bequelin di Human Rights Watch, la definizione di cosa sia “segreto” è molto flessibile e può essere applicata praticamente a ogni questione. Nemmeno gli avvocati e i giudici hanno diritto ad avere migliore notizia di perchè queste notizie siano segrete, nè possono contestare tale qualità.

Huang aveva offerto aiuto legale ai genitori delle migliaia di scolari morti in Sichuan sotto il crollo delle scuole. Allora le famiglie hanno protestato che le scuole erano mal costruite. E’ stato arrestato senza accuse il 10 giugno, dopo avere ospitato sul suo sito web 64tianwang.com le richieste di indagini e di risarcimento di 5 genitori di bambini morti sotto la Scuola media Dongqi ad Hanwang.

Le autorità hanno cercato di impedire ogni protesta e hanno assicurato indagini rapide e pubbliche, di cui ancora non si conoscono gli esiti.

Huang, fondatore del Centro Tianwang per i Diritti Umani e di un sito web che critica le restrizioni contro i diritti umani, e’ stato già in carcere tal 2003 al 2005 per “istigazione alla sovversione del potere dello Stato”.

Intanto Hrw dice che e’ tornato a casa Gao Zhisheng, avvocato che difende i diritti umani, scomparso il 19 gennaio. Gao, che ha difeso molti piccoli proprietari immobiliari contro la violazione dei loro diritti da parte delle autorità, è già stato arrestato nell’agosto 2006, e nel settembre 2007 per avere denunciato in una lettera al Congresso Usa la situazione dei diritti nel Paese.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/08/2008 CINA
In prigione perché difende le vittime del terremoto del Sichuan
09/06/2010 CINA
Tan Zuoren, 5 anni di carcere per avere cercato la verità sulle scuole crollate nel Sichuan
13/08/2009 CINA
Processato Tan Zuoren: ha cercato la verità sulla morte di migliaia di scolari
11/05/2011 CINA
A 3 anni dal terremoto del Sichuan, nessuna giustizia per gli scolari morti
30/07/2008 CINA
Repressione continua: quattro anni di carcere per avere difeso i diritti degli espropriati

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate