02/03/2007, 00.00
COREA
Invia ad un amico

Riprendono le riunioni di famiglie divise fra Nord e Sud

I rappresentanti delle due Coree si sono incontrati nella capitale del Nord ed hanno accettato di riprendere, da maggio, i cicli di incontri al confine fra i parenti divisi dalla guerra civile. Scontro sui nuovi invii di aiuti umanitari dal Sud.

Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Dopo quattro giorni di dialoghi a Pyongyang, i governi delle due Coree hanno accettato di riprendere il programma di riunificazioni familiari, che prevede un ciclo di incontri al confine fra i parenti divisi dal confine militarizzato.

Gli incontri dovrebbero aver luogo all’inizio di maggio presso un albergo alle pendici del monte Kumgang (vetta contesa sin dalla fine della guerra civile coreana (1950-1953) ma de facto governata da Pyongyang), e sono organizzati dalla Croce rossa di entrambi i Paesi.

Le prime “riunificazioni” sono avvenute esclusivamente tramite teleschermi sin dai primi anni ’80. Nel 2003, invece, sono iniziati gli incontri fisici fra i familiari, che hanno potuto passare una giornata insieme al confine.

I rappresentanti di Seoul e Pyongyang, che si sono incontrati per la prima volta dopo la crisi innescata ad ottobre dall’esperimento nucleare condotto dal regime stalinista, si sono confrontati  inoltre sulla ripresa del programma di aiuti umanitari sudcoreano, al momento in fase di stallo a causa della “provocazione missilistica” nordcoreana.

Lo scorso luglio, infatti, il regime stalinista ha lanciato alcuni missili sia sulla penisola che verso il Giappone: per questo, Seoul ha interrotto l’invio annuale di aiuti alla popolazione del nord, composto da 500mila tonnellate di riso e 350mila tonnellate di fertilizzante. In risposta, Pyongyang si è rifiutata di tornare al tavolo delle trattative per le riunificazioni familiari.

In realtà, il mese successivo si è svolta lo stesso una nuova fase di incontri fra i familiari divisi, programmata da tempo. Da allora, però, i colloqui si erano interrotti.

La Corea del Sud intende riprendere gli invii di riso e fertilizzante solo dopo aprile, quando sarà chiaro se Kim Jong-il onora i patti stipulati durante l’ultimo colloquio a 6 sul disarmo nucleare, mentre il Nord chiede con insistenza di ripartire entro questo mese.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pyongyang interrompe gli incontri di riunificazione familiare
20/07/2006
Dopo il test nucleare, la Caritas "continuerà il suo lavoro a favore della popolazione del Nord"
20/10/2006
Corea: gestiti dalla Croce Rossa, partono gli aiuti per il Nord
31/08/2006
Seoul ripensa l'unificazione, Pyongyang ruba i beni umanitari
25/10/2006
Corea: si incontrano le famiglie divise, ma la tensione cresce
21/03/2006