21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/09/2017, 12.51

    ONU - MYANMAR

    Rohingya, segretario generale dell’Onu: ‘Incubo per i diritti umani’



    Antonio Guterres teme che le violenze nel Rakhine settentrionale si diffondano nella regione centrale dello Stato. Ieri il Consiglio di sicurezza dell’Onu. Gli Usa chiedono al Myanmar di punire i militari responsabili delle violenze. Washington non minaccia più di ripristinare le sanzioni. Cina e Russia esprimono il loro sostegno al governo di Aung San Suu Kyi.

    New York (AsiaNews/Agenzie) – La crisi dei rifugiati Rohingya è “un incubo per i diritti umani”. È quanto afferma il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres (foto), intensificando le pressioni dell’organismo internazionale sul Myanmar, per risolvere l’emergenza umanitaria al confine con il Bangladesh.

    Durante la  riunione pubblica del Consiglio di sicurezza dell’Onu sul Myanmar, la prima in otto anni, Guterres ha dichiarato ieri che le violenze contro i Rohingya nel Rakhine settentrionale rischiano di diffondersi nella regione centrale dello Stato, dove risiedono 250mila musulmani.

    Nikki Haley, ambasciatrice Usa all’Onu, chiede al governo di Naypyidaw di punire i militari colpevoli delle uccisioni e degli abusi contro la minoranza islamica. Haley invoca inoltre la sospensione delle spedizioni di armi straniere alle Forze di sicurezza del Myanmar. “Non dobbiamo aver paura – ha affermato – di chiamare le azioni delle autorità birmane come ciò che sembrano essere: una brutale, prolungata campagna per ripulire il Paese da una minoranza etnica”.

    È la prima volta che gli Stati Uniti sollecitano provvedimenti contro i militari dietro la repressione. Tuttavia, Washington non minaccia più di ripristinare le sanzioni, sospese dall’amministrazione Obama. Il Consiglio di sicurezza non ha disposto alcuna azione immediata. Cina e Russia hanno espresso il loro sostegno al governo della leader democratica Aung San Suu Kyi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/11/2017 09:09:00 MYANMAR
    Vertice Asean, crisi Rohingya: Aung San Suu Kyi a colloquio con Onu e Usa

    Washington, cauta nelle sue dichiarazioni, evita critiche aperte alla Signora. L’esercito birmano dispone la rimozione del generale a capo delle truppe in Rakhine. Domani la visita del segretario di Stato Usa in Myanmar.



    14/09/2017 09:08:00 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi annuncia un suo discorso sui Rohingya il 19 settembre

    La Signora “parlerà per la riconciliazione nazionale e la pace”. Sarà il suo primo intervento pubblico dall’inizio delle violenze. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito ieri. La leader birmana criticata per carenza di leadership morale e compassione. L’esercito interessato al fallimento del processo democratico.



    13/09/2017 08:48:00 MYANMAR - ONU
    Yangon, Aung San Suu Kyi non andrà all'Assemblea generale dell’Onu

    Il vicepresidente del Myanmar Henry Van Thio prenderà il posto della Signora. L'annuncio arriva dopo le accuse dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. Al Consiglio di sicurezza il Myanmar spera in Russia e Cina. Le accuse alla leader birmana. I sospetti sul ruolo dell’esercito nelle tensioni etniche.



    15/09/2017 14:38:00 MYANMAR
    Rohingya, ‘comprensione’ per la delicata posizione di Aung San Suu Kyi

    Commenti positivi di Rex Tillerson e personalità britanniche. Sul governo della Signora, le ombre dell’esercito. Colpire Aung San Suu Kyi mette a rischio la transizione democratica. Aung Shin, portavoce del partito: “I Paesi stranieri fanno loro ipotesi basate su fatti discutibili”.



    07/10/2016 15:36:00 ONU
    Antonio Guterres nuovo segretario generale dell'Onu

    E’ stato Alto commissario per i rifugiati e premier portoghese. Nominato all’unanimità per acclamazione dal Consiglio di sicurezza dell'Onu il 5 ottobre.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®