21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/12/2017, 14.38

    IRAQ

    Sacerdote caldeo: Natale, la rinascita della Piana di Ninive liberata dall’Isis



    Don Paolo racconta il clima di attesa per le 270 famiglie rientrate nelle loro case a Karamles. La priorità è bonificare i terreni per procedere alla semina e proseguire nella ricostruzione degli edifici. L’appello a quanti sono fuggiti: tornate per far rinascere la regione. Un torneo di calcio fra giovani cristiani e musulmani per celebrare un difficile ritorno alla normalità. 

     

    Karamles (AsiaNews) - Le persone vivono “l’attesa del Natale con gioia, come se avessero lasciato il carcere” dopo aver trascorso gli ultimi anni “rifugiati nei centri di accoglienza a Erbil e nel Kurdistan irakeno”. La speranza è che “quanti sono fuggiti” in altri Paesi della regione o in Occidente “possano tornare a casa” e contribuire “in prima persona alla rinascita della nostra terra”. È quanto racconta ad AsiaNews don Paolo Thabit Mekko, sacerdote caldeo di Mosul, che nei giorni scorsi ha celebrato per la prima volta la festa di Santa Barbara a Karamles, nella piana di Ninive, per tre anni nelle mani dei miliziani dello Stato islamico (SI, ex Isis). “Abbiamo organizzato una festa solenne - sottolinea - per mostrare che, seppur lentamente e a fatica, vogliamo tornare alla normalità e vivere appieno questo periodo di Avvento in preparazione alla nascita di Gesù”. 

    Lo Stato islamico, dichiarato sconfitto lo scorso fine settimana dal premier irakeno Haider al-Abadi, “è diventato storia, fa parte del passato”, racconta don Paolo, ma “restano ancora dei problemi legati ad alcune milizie (sciite)” che sono fonte di tensione. Vi è inoltre la questione primaria “legata alla ricostruzione delle case” e questo vale “per Karamles come per molte altre cittadine della piana, prima fa tutte Qaraqosh”. 

    Nei giorni scorsi la comunità ha festeggiato Santa Barbara (nella foto) con una celebrazione eucaristica e una fiaccolata, partita dalla chiesa della Vergine Maria e terminata al santuario dedicato alla santa. Conclusi i riti e le funzioni, la comunità si è riunita per un momento conviviale, cui è seguita la “prima partita” a calcio nel rinnovato stadio del Karamles Sporting Club cui hanno partecipato giovani cristiani e musulmani. 

    “In previsione della festa - racconta il sacerdote - abbiamo completato i lavori di ripristino del santuario. In molti sono accorsi per partecipare alla festa e sono rimasti stupiti dalla solennità delle celebrazioni. Cerchiamo di mostrare il ritorno alla normalità e, in questo contesto, si inserisce anche la partita a pallone in un centro di nuovo pronto a ospitare eventi sportivi. Ora vogliamo promuovere una sorta di campionato per giovani cristiani e musulmani dei villaggi vicini”. 

    “Finora sono 270 le famiglie tornate a Karamles - spiega don Paolo - e la Chiesa prosegue nel lavoro di ricostruzione delle case bruciate o distrutte, anche se non è un’opera facile”. Le famiglie devono “ricostruirsi una vita” e per farlo “servono servizi pubblici, elettricità che viene rifornita solo 4 ore al giorno, riscaldamento”. La vita “sta riprendendo e si cerca di tornare alla normalità”, aggiunge “ma servono tempo e soldi perché Daesh [acronimo arabo per lo SI] ha distrutto tutto”.

    “Di recente - prosegue - abbiamo inaugurato un asilo che accoglie 70 bambini, aperto anche ai non cristiani. E ancora, ci sono i danni della guerra da riparare, primo fra tutti l’abbattimento dei muri di terra eretti da Peshmerga (le milizie curde) e jihadisti come barricate; dobbiamo spianare il terreno, per procedere poi alla semina di frutta e verdura. A questo si aggiunge la bonifica dei terreni dalle mine lasciate dall’Isis. Molti contadini non si fidano ad avventurarsi per i campi a causa del pericolo nascosto”. 

    In questi giorni fervono i lavori per l’allestimento del presepe, l’addobbo delle strade, la sistemazione della chiesa e del salone principale del centro culturale, che ospiterà la messa della notte di Natale. “Fra le persone - confida don Paolo - vi è ancora un clima di freddezza, di timore, per il ricordo del dramma vissuto in questi ultimi anni: le violenze jihadiste, la fuga dalla propria terra, l’esilio, l’esodo di molti all’estero in cerca di una nuova vita. Sto cercando di coinvolgere i giovani nei lavori di preparazione; a Karamles abbiamo aperto una casa per studenti cristiani che frequentano l’università di Mosul, originari di altre cittadine e villaggi. Per Natale stiamo pensando di organizzare una festa per loro, per farli sentire meno lontani dalle loro case, dalle loro famiglie”. 

    Nonostante le difficoltà “i fedeli vogliono vivere la ricorrenza, un momento speciale caratterizzato da tradizioni che vogliamo rispettare”. Tuttavia, i bisogni “sono ancora molti” e “l’aiuto dall’esterno resta fondamentale”, ricorda don Paolo che vuole chiudere con un augurio: “Che la nascita di Cristo sia occasione per far rinascere la piana di Ninive e i suoi villaggi, non solo Karamles, per offrire a quanti sono fuggiti l’opportunità di ritornare”.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/12/2017 09:18:00 IRAQ
    Cristiani di Karamles: il Natale a casa, un ‘nuovo inizio’ dopo la barbarie dell’Isis

    Giovial Maslob, insegnante, racconta gli anni di esilio e il ritorno nella casa e nella terra di origine. La nascita di Gesù oggi riveste “un sapore e un significato speciali”. Sono “giornate bellissime”, caratterizzate da “un senso profondo di spiritualità e semplicità”. Il rientro di quanti hanno deciso emigrare “essenziale per garantirci un futuro”.



    20/12/2017 10:27:00 IRAQ
    Patriarca caldeo: Natale, dai cristiani irakeni preghiere e solidarietà per Gerusalemme

    Nel messaggio ai fedeli mar Sako rivolge un pensiero alla “città santa per cristiani, musulmani ed ebrei”. All’Iraq da poco liberato dall’Isis l’invito a restaurare case e città. Cristiani e musulmani devono ricostruire la loro patria “mano nella mano” in un’ottica di “tolleranza e coesistenza, pace e sicurezza”. 

     



    22/12/2017 10:02:00 IRAQ
    Natale fra i profughi di Mosul: dove la fede in Cristo ha vinto la follia dell’Isis (video)

    AsiaNews ha incontrato due famiglie fuggite dalla ex roccaforte del Califfato, ancora oggi esuli nel Kurdistan irakeno. Il grazie alla Chiesa locale che “ci ha fatto sentire a casa” e ha contribuito a livello materiale e spirituale. La nascita di Gesù fonte di speranza. Un appello ai cristiani irakeni emigrati all’estero: tornate e contribuite alla ricostruzione del Paese.

     



    16/12/2017 09:28:00 IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)

    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.



    20/12/2013 IRAQ
    Patriarca caldeo: Fra guerra e crisi, il Natale è la vera speranza per il Medio Oriente
    Mar Louis Raphael I Sako, nel primo Natale da Patriarca, si rivolge ai cristiani d’Iraq, del Medio oriente e della diaspora. Egli sottolinea che il volto di Gesù Bambino è fonte di benessere e prosperità anche per i nostri “fratelli musulmani”. Ai sacerdoti e ai fedeli il compito di rendere le chiese “una vera grotta”, animata dall’amore e dal calore della fede.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®