19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/01/2015, 00.00

    IRAQ

    Sacerdote irakeno: Lo Stato islamico ha distrutto la fiducia dei cristiani nei musulmani

    Dario Salvi

    P. Youhanna Issa lavora con centinaia di profughi fuggiti da Mosul e accolti ad Aqra. L’inverno acuisce l’emergenza, fra case fatiscenti e mancanza di cibo. L’incertezza sul futuro alimenta il desiderio di espatriare. Furti, ruberie e violenze hanno minato i rapporti coi musulmani. L’opera “fondamentale” della Chiesa, per una crisi “destinata a durare”.

    Erbil (AsiaNews) - Dopo aver subito in prima persona le violenze delle milizie dello Stato islamico, i rifugiati cristiani hanno "perso la fiducia" e si chiedono, "come sia possibile convivere con i musulmani"; anche con quanti, un tempo, erano "vicini di casa e, nei giorni successivi alla fuga, hanno depredato le loro case e si sono impossessati dei loro beni". È quanto racconta ad AsiaNews p. Dinkha Issa, 50enne sacerdote originario di Mosul, appartenente all'Ordine antoniano di Sant'Ormisda dei caldei. Egli è amministratore apostolico della diocesi (vacante) di Aqra, fra Erbil e Duhok, e si occupa dei profughi che hanno abbandonato Mosul e i villaggi cristiani della piana di Ninive - Tilkief, Karemles, Qaraqosh - in seguito all'avanzata dei jihadisti. Il villaggio di Mella Baruan, dove vive, era formato da 70 famiglie; in questi mesi la popolazione è più che raddoppiata: almeno 80 nuovi nuclei, più di 400 persone che hanno stravolto la quotidianità dell'area. Altre 50 famiglie hanno trovato ospitalità in un villaggio vicino: "Sono arrivati fra il 6 e il 7 agosto - racconta p. Issa - con la seconda ondata di profughi, quando Mosul è caduta nelle mani dei terroristi". 

    Ancora oggi, a distanza di tempo, la situazione resta difficile; la Chiesa è in prima linea nella distribuzione di cibo, aiuti, generi di prima necessità, coperte per ripararsi da un inverno che comincia a farsi pungente, per il freddo e la pioggia. Le temperature si avvicinano allo zero, in molti vivono in alloggi di fortuna, vi sono tanti problemi quotidiani. "I cristiani soffrono molto" spiega. "Vivono in case abbandonate, fatiscenti, il cibo ogni tanto scarseggia, mancano i soldi per provvedere alle necessità quotidiane di base. La crisi è destinata a durare, non si risolverà in poche settimane". 

    Le famiglie trascorrono le giornate in un clima di perenne attesa, incerte sul futuro, desiderose - da un lato - di rientrare nelle loro case, ma dall'altro sempre più orientate alla fuga all'estero, al grande salto in Europa, Canada, Australia, da amici o parenti che hanno già lasciato da tempo l'Iraq. "Con l'arrivo dell'Isis - racconta p. Issa - non credono più in una convivenza possibile con i musulmani". I rapporti, gli equilibri sono cambiati ed è evidente che "è venuta meno la fiducia".

    In passato, sotto il regime di Saddam Hussein, un governo forte e un esercito saldo garantivano per alcuni aspetti il rispetto della legge e del diritto; non vi erano divisioni di natura confessionale, il regime spegneva sul nascere tensioni e conflitti. Le due guerre promosse dagli Stati Uniti hanno stravolto gli equilibri e fatto deflagrare in tutta la loro portata tensioni etnico-religiose latenti fra sunniti, sciiti, curdi, fra musulmani e cristiani. "Quando non c'è legge, quando non c'è diritto - sottolinea il sacerdote - quando i cristiani diventano vittime, qui nasce il problema". A differenza del Kurdistan irakeno, dove (oggi) la convivenza è possibile, i profughi "non riescono a vedere più una prospettiva analoga a Mosul e nei villaggi della regione. I musulmani li hanno derubati, hanno distrutto i loro oggetti... lo Stato islamico, già attivo nella zona dal 2013 e capace di sfruttare il risentimento verso l'America e il malcontento per la situazione economica, ha cambiato tutto". 

    Ad aiutare le decine di famiglie sfollate, come nelle altre aree del Kurdistan irakeno in cui hanno trovato rifugio, vi è la Chiesa locale, che ha svolto un "lavoro enorme" pur fra notevoli difficoltà. "Senza la Chiesa - sottolinea p. Issa - questi cristiani sarebbero stati perduti, e invece hanno ricevuto un aiuto fondamentale". Tuttavia, la mancanza di prospettive, di un lavoro, della possibilità di educare i figli alimentano il risentimento e la sfiducia. "Alcuni profughi sono arrabbiati, altri aspettano la grazia del Signore, ovvero fuggire, altri ancora mostrano pazienza e vogliono credere in un cambiamento". "Per l'Iraq - conclude il sacerdote - si prospetta un futuro di conflitti e divisioni sempre più nette, che porteranno il Paese allo smembramento, se non emergerà un governo forte e una presenza militare salda e in grado di controllare il territorio". 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/01/2015 IRAQ
    Alqosh: una Chiesa di frontiera, più forte della minaccia dello Stato islamico
    P. Joseph, superiore generale “pro tempore” del monastero di Nostra Signora delle Messi, racconta la vita di una comunità cristiana “di frontiera”. La cittadina ha accolto un centinaio di profughi; ogni giorno si combatte contro “la paura” di un attacco del Califfato. Nel presepe le foto di mons. Rahho e p. Ganni, per ricordare il loro “martirio”. Ma la volontà è quella di restare.

    08/01/2015 IRAQ
    Da Erbil a Duhok, viaggio nel Kurdistan irakeno fra mire autonomiste e derive islamiste
    Un percorso che attraversa antiche divisioni e nasconde nuove contraddizioni. Una realtà in espansione economica e sociale, che vuole affrancarsi da Baghdad ma deve guardarsi dalle infiltrazioni estremiste. Polizia e check-point ricordano che, a poche decine di chilometri, incombe la minaccia dello Stato islamico.

    09/01/2015 IRAQ
    Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
    Originario di Karamles, all'arrivo dello Stato islamico il giovane fuggito con la famiglia. Ora è ospite di un campo profughi, dove promuove attività per i bambini. In molti, anche fra amici e conoscenti, sono emigrati all'estero; ma "le nostre radici, la nostra vita, il nostro futuro sono in Iraq".

    14/11/2017 09:17:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: per cristiani di Mosul va peggio di quando arrivò l’Isis

    Gli scontri arabo-curdi e sunniti-sciiti ostacolano il rientro dei profughi. Alto il pericolo di nuove violenze, le famiglie trascorrono la notte in macchina e i bambini sono traumatizzati. P. Samir: gravi problemi economici, mancano cibo e kerosene, mentre governi e Ong hanno sospeso gli aiuti. Serve “un miracolo”.

     



    07/08/2015 IRAQ
    Mar Sako: ad un anno dalla tragedia di Mosul, solo unità e riconciliazione salveranno l’Iraq
    Nel primo anniversario del grande esodo dalla piana di Ninive, il patriarca caldeo invia una lettera appello al governo e al Parlamento. Egli denuncia le difficili condizioni in cui vivono ancora oggi cristiani e yazidi, e le migliaia di morti fra i musulmani. La pace unica risposta alla violenza dei gruppi estremisti che “sfruttano la religione”.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®