20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/12/2016, 08.44

    IRAQ

    Sacerdote irakeno: la mia vocazione è nata a Mosul, sull’esempio dei martiri cristiani



    P. Rayan Nabil Bakos è stato ordinato lo scorso 25 novembre a Erbil dal patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako. L’impegno nella pastorale “per aiutare quanti sono nel bisogno”. Da mons. Rahho e p. Ragheed un esempio di testimonianza. La comunità cristiana irakena, vittima di persecuzioni, ha bisogno di pastori che “preghino per loro e con loro”.

    Baghdad (AsiaNews) - Una vocazione nata “sin da piccolo”, che si è rinnovata raccogliendo le parole, pronunciate nel corso di un’omelia, dall’allora arcivescovo di Mosul mons. Rahho, morto nelle mani di rapitori integralisti. E ancora, gli anni giovani trascorsi “in un ambiente a maggioranza musulmana”, che non gli ha impedito di “partecipare alle attività della Chiesa”, e l’impegno nel settore della pastorale “perché la nostra gente ha bisogno di persone” nelle quali credere e alle quali affidarsi. È la storia di p. Rayan Nabil Bakos, neo sacerdote caldeo ordinato a fine novembre a Erbil, nel nord dell’Iraq. I fedeli e la comunità irakena, racconta ad AsiaNews, vittima di persecuzioni e tormentata da sofferenze, ha bisogno di pastori che “preghino per loro e preghino con loro”.

    Per p. Rayan, è importante “mostrare alle persone l’importanza della solidarietà come gesto effettivo”. Essa è il punto di riferimento “di ogni azione nella nostra vita” e un insegnamento da mostrare “a tutto il mondo”. Un criterio, aggiunge, che deve muovere anche “il nostro lavoro verso i profughi” di Mosul e della piana di Ninive. Persone che hanno abbandonato ogni bene e si apprestano a vivere il terzo Natale lontane dalle loro case e dai loro beni, e che per questo “hanno bisogno di tutto il nostro sostegno nell’opera di ricostruzione della loro vita e delle loro case. Sono persone che hanno perso tutto”.

    P. Rayan è nato a Mosul il 30 gennaio del 1986. Al termine degli studi, nel 2007 egli ha fatto li suo ingresso nel seminario di Ankawa, a Erbil, capitale del Kurdistan irakeno; si è laureato in Teologia e filosofia presso il Babel College a Baghdad. Parla l’arabo, il caldeo e l’inglese e svolge al momento l’incarico di vice-parroco nella parrocchia di san Giorgio, nella capitale irakena.

    Egli ha ricevuto l’ordinazione sacerdotale assieme a un altro neo-sacerdote dalle mani del patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako, durante una cerimonia che si è svolta il 25 novembre scorso a Erbil. Assieme al primate della Chiesa irakena hanno celebrato il rito mons. Bashar Warda, arcivescovo di Erbil, e mons. Jacques Ishaq, della diocesi di Baghdad, assieme a numerosi sacerdoti, suore e fedeli.

    Durante l’omelia il patriarca Sako ha ricordato che il prete deve essere “al servizio” della comunità e il suo messaggio “è il messaggio di Cristo”. Egli deve essere “testimone di apertura e di speranza” e deve essere pronto a operare “per il bene di tutti”.

    “Ho sentito la chiamata di Dio - racconta il neo sacerdote ad AsiaNews - molte volte, sin da piccolo. Poi, crescendo, in gioventù ho pensato potesse essere solo un desiderio, senza una reale vocazione alle spalle”. Tuttavia, ha continuato a frequentare “la chiesa in cui celebrava l’allora vescovo” di Mosul, mons. Paul Faraj Rahho, deceduto nel corso di un sequestro nel marzo 2008, e ricorda ancora le parole pronunciate dal prelato durante l’omelia: “Cari giovani, se nutrite il desiderio di diventare sacerdoti non abbiate esitazioni di sorta”. Da quel momento, egli capisce che “Dio mi stava chiamando, di nuovo”. “Decido - prosegue p. Rayan - di parlare con lui [mons. Rahho] ed egli è stato ben felice di consigliarmi e di darmi tutto il suo aiuto”.

    Pur essendo cresciuto in un ambiente “a maggioranza musulmana”, prosegue p. Rayan, “ho sempre cercato di restare vicino alla mia chiesa, partecipando a tutte le attività che essa proponeva. Dalla messa domenicale al catechismo, ho potuto mantenere vivo il legame con la mia fede senza essere influenzato dall’ambiente circostante” che si presentava sempre più difficile e ostile per i cristiani. Del resto Mosul è una delle città dell’Iraq in cui si è osservato da tempo un clima di ostilità e violenze anti-cristiano, culminato nella seconda metà degli anni duemila nell’uccisione del vescovo e di p. Ragheed Ganni. Violenze e attacchi mirati che hanno spinto molti fedeli e centinaia di famiglie a fuggire, in attesa di un luogo più sicuro.

    Nonostante le difficoltà, quello di Mosul e dell’infanzia vissuta in città resta un ricordo sempre vivo nella memoria del novello sacerdote. “Della mia infanzia e giovinezza - racconta - ricordo la mia chiesa, la parrocchia, i miei amici del catechismo con i quali ho condiviso il sacramento della Prima comunione”. E ancora, il tragitto verso la scuola e “i giochi con i compagni, sia all’interno dell’istituto che a casa, quando facevamo i compiti in compagnia”.

    Per il futuro, p. Rayan intende operare nel campo della pastorale “per aiutare quanti sono nel bisogno”, esortandole a “condividere problemi e difficoltà, ansie e sofferenze” per far sentire loro “la presenza e la vicinanza della Chiesa”. E per un futuro di pace e di convivenza, egli intende approcciare per primi i bambini “insegnando loro l’amore senza discriminazione, il perdono, che siamo tutti cittadini di un’unica nazione che chiamiamo Iraq”. “Che siamo fratelli di un’unica nazione - conclude - e che dobbiamo operare per costruire un avvenire migliore”.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/05/2017 12:49:00 IRAQ
    Piana di Ninive, no del patriarcato caldeo all'enclave cristiana rilanciata da vescovi siri

    Un prelato siro-cattolico e due siro-ortodossi rilanciano l’idea di un’area protetta per i cristiani nel nord. E chiedono autonomia amministrativa e protezione internazionale. Una posizione che non rappresenta la linea del patriarca Sako. Dai caldei e dalla Chiesa irakena l’invito all’unità territoriale, contro la trappola dei ghetti.

     



    10/03/2015 IRAQ
    Patriarca caldeo: in Iraq in atto una “catastrofe umanitaria”, urge intervenire
    In una nota ufficiale mar Sako esprime “profonde preoccupazioni” per i civili innocenti nelle aree teatro di conflitti. Lo Stato islamico brucia ogni cosa, “esseri umani, pietre e civiltà”. Necessario agire e offrire assistenza alla popolazione inerme. Nuova offensiva di peshmerga contro lo Stato islamico a Kirkuk.

    22/11/2010 IRAQ
    Uccisi due fratelli cristiani a Mosul
    Nuovo attacco alla comunità religiosa: commando spara e uccide a sangue freddo due commercianti. L’appello: “Pregate per noi cristiani perseguitati d’Iraq”.

    25/11/2014 IRAQ
    Mosul, lo Stato islamico distrugge il convento delle suore del Sacro Cuore (il video)
    I jihadisti hanno usato a lungo la struttura come base logistica per auto e truppe. Ieri la decisione di farlo saltare in aria; prima di agire i miliziani hanno avvisato gli abitanti della zona. Salvo, per ora, il monastero di San Giorgio. La struttura era stata costruita nel 1984 dal governo irakeno e accoglieva anziani e disabili.

    14/06/2017 14:18:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: entro fine mese il rientro dei primi profughi cristiani a Karamles, nella Piana di Ninive

    Don Paolo racconta i lavori di ricostruzione della cittadina della piana di Ninive, affidati a operai locali. I progetti riguardano un primo settore di case con danni solo parziali. Se continueranno gli aiuti l’opera dovrebbe proseguire “senza intoppi”. Ma servono altri fondi per la sistemazione delle abitazioni con i danni maggiori. Le famiglie: “Risorgeremo quando torneremo”. 

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®