2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/08/2012
PAKISTAN
Sacerdote pakistano: comunità di base, luogo di incontro e valorizzazione della fede
di Jibran Khan
P. Benjamin Joseph è il primo prete locale dell’arcidiocesi di Lahore. Ha lavorato in parrocchie, centri e scuole in tutto il Punjab. Egli sottolinea l’importanza delle comunità di base e auspica maggiore collaborazione fra sacerdoti e catechisti. In passato ha promosso pellegrinaggi a santuari mariani e campi estivi per giovani.

Lahore (AsiaNews) - Rinnovare la comunione fra i fedeli in Pakistan, rafforzando i legami all'interno delle comunità di base; promuovere l'educazione, quale via privilegiata per il progresso e il miglioramento delle condizioni di vita; rafforzare la collaborazione fra preti e catechisti, per un migliore insegnamento della religione cristiana. Secondo p. Benjamin Joseph sono questi gli obiettivi che ogni sacerdote dovrebbe perseguire, nello svolgimento quotidiano della propria missione. Ordinato l'8 gennaio del 1967, egli è il primo prete locale dell'arcidiocesi di Lahore e negli anni ha lavorato al servizio di numerose parrocchie, istituti educativi e comunità sparse per la provincia del Punjab.

P. Benjamin (al centro nella foto) è convinto dell'importanza delle Comunità ecclesiali di base, che devono essere in grado di "sostenersi" e contribuire allo sviluppo della fede e della persona umana. Per questo egli lancia un appello agli istituti educativi e al comitato per l'istruzione, invitandoli a "prestare ascolto alla gente" e a contribuire al loro sviluppo. E auspica al contempo una migliore "preparazione" dei catechisti, che devono operare a stretto contatto coi sacerdoti, per un'opera di evangelizzazione che sia davvero "efficace".

Nel corso della sua missione, p. Benjamin Joseph ha osservato in prima persona i cambiamenti nel Paese e l'impatto del cristianesimo in Pakistan, dove i fedeli sono una esigua minoranza - spesso perseguitata - rispetto alla larghissima maggioranza musulmana.

I primi anni di sacerdozio li ha trascorsi a Kasur, dove ha vissuto - almeno all'inizio - una situazione di emarginazione rispetto ai missionari stranieri anche per questioni di natura linguistica. In seguito, questo limite iniziale si è trasformato in una risorsa, che gli ha permesso di svolgere il ruolo di mediatore linguistico e occuparsi di questioni legali con la polizia e i giudici.

Da sempre egli promuove la partecipazione attiva dei laici nella vita della Chiesa, un fattore determinante per la diffusione della fede. P. Joseph ha insegnato, contribuito allo sviluppo di scuole e istituti educativi, uniti a campi estivi per giovani (il primo nel 1976, nel Punjab) per aiutarli a crescere in comunione e unità. E nel mese di maggio, dedicato alla Madonna, ha guidato a più riprese pellegrinaggi al Santuario mariano di Mariamabad. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/01/2005 pakistan
Primo cristiano pakistano assolto dall'accusa di blasfemia
di Qaiser Felix
14/04/2014 PAKISTAN
Lahore, terzo rinvio per l'appello di Asia Bibi. Minacce islamiste ai giudici
di Jibran Khan
02/04/2014 PAKISTAN
Pakistan, cattolici e musulmani in digiuno e preghiera per Sawan Masih e Asia Bibi
di Jibran Khan
28/03/2014 PAKISTAN
Cristiano condannato a morte per blasfemia. Vescovo di Islamabad: Preghiamo per i perseguitati
di Jibran Khan
18/04/2014 PAKISTAN
Venerdì Santo in Pakistan: digiuno e preghiera per Asia Bibi, Sawan Masih e le vittime della blasfemia
di Jibran Khan

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate