29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/08/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Sacerdote pakistano: comunità di base, luogo di incontro e valorizzazione della fede

    Jibran Khan

    P. Benjamin Joseph è il primo prete locale dell’arcidiocesi di Lahore. Ha lavorato in parrocchie, centri e scuole in tutto il Punjab. Egli sottolinea l’importanza delle comunità di base e auspica maggiore collaborazione fra sacerdoti e catechisti. In passato ha promosso pellegrinaggi a santuari mariani e campi estivi per giovani.

    Lahore (AsiaNews) - Rinnovare la comunione fra i fedeli in Pakistan, rafforzando i legami all'interno delle comunità di base; promuovere l'educazione, quale via privilegiata per il progresso e il miglioramento delle condizioni di vita; rafforzare la collaborazione fra preti e catechisti, per un migliore insegnamento della religione cristiana. Secondo p. Benjamin Joseph sono questi gli obiettivi che ogni sacerdote dovrebbe perseguire, nello svolgimento quotidiano della propria missione. Ordinato l'8 gennaio del 1967, egli è il primo prete locale dell'arcidiocesi di Lahore e negli anni ha lavorato al servizio di numerose parrocchie, istituti educativi e comunità sparse per la provincia del Punjab.

    P. Benjamin (al centro nella foto) è convinto dell'importanza delle Comunità ecclesiali di base, che devono essere in grado di "sostenersi" e contribuire allo sviluppo della fede e della persona umana. Per questo egli lancia un appello agli istituti educativi e al comitato per l'istruzione, invitandoli a "prestare ascolto alla gente" e a contribuire al loro sviluppo. E auspica al contempo una migliore "preparazione" dei catechisti, che devono operare a stretto contatto coi sacerdoti, per un'opera di evangelizzazione che sia davvero "efficace".

    Nel corso della sua missione, p. Benjamin Joseph ha osservato in prima persona i cambiamenti nel Paese e l'impatto del cristianesimo in Pakistan, dove i fedeli sono una esigua minoranza - spesso perseguitata - rispetto alla larghissima maggioranza musulmana.

    I primi anni di sacerdozio li ha trascorsi a Kasur, dove ha vissuto - almeno all'inizio - una situazione di emarginazione rispetto ai missionari stranieri anche per questioni di natura linguistica. In seguito, questo limite iniziale si è trasformato in una risorsa, che gli ha permesso di svolgere il ruolo di mediatore linguistico e occuparsi di questioni legali con la polizia e i giudici.

    Da sempre egli promuove la partecipazione attiva dei laici nella vita della Chiesa, un fattore determinante per la diffusione della fede. P. Joseph ha insegnato, contribuito allo sviluppo di scuole e istituti educativi, uniti a campi estivi per giovani (il primo nel 1976, nel Punjab) per aiutarli a crescere in comunione e unità. E nel mese di maggio, dedicato alla Madonna, ha guidato a più riprese pellegrinaggi al Santuario mariano di Mariamabad. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/01/2005 pakistan
    Primo cristiano pakistano assolto dall'accusa di blasfemia

    Ma deve rimanere nascosto per timore di persecuzioni. Il governo ammette l'uso improprio della legge.



    14/04/2014 PAKISTAN
    Lahore, terzo rinvio per l'appello di Asia Bibi. Minacce islamiste ai giudici
    Questa mattina l’Alta corte ha aperto e subito rinviato l’udienza; forse domani verrà decisa la nuova data di un processo atteso da anni. I legali della donna mostrano ottimismo e sperano in una scarcerazione a breve. Ma restano le minacce dei gruppi fondamentalisti. Sacerdote a Lahore: "La situazione peggiora ogni giorno, per le minoranze e per le donne".

    02/04/2014 PAKISTAN
    Pakistan, cattolici e musulmani in digiuno e preghiera per Sawan Masih e Asia Bibi
    Oggi a Lahore e Islamabad manifestazioni pacifiche per mostrare solidarietà ai “cristiani perseguitati” e chiedere giustizia per le vittime della “legge nera”. Sacerdote a Lahore: “incoraggiante” risposta della società civile. Attivista musulmano: “disgustato”, vicini ai “nostri fratelli cristiani in segno di solidarietà”.

    28/03/2014 PAKISTAN
    Cristiano condannato a morte per blasfemia. Vescovo di Islamabad: Preghiamo per i perseguitati
    La sentenza contro il giovane Sawan Masih è giunta al termine di un processo che si è svolto in prigione. Alto il rischio di attentati da parte di estremisti islamici. La difesa annuncia il ricorso in appello. Ira e indignazione nei leader religiosi e società civile. Mons. Rufin Anthony: "Accuse false, è un abuso”. Il 14 aprile fissata udienza di appello per Asia Bibi.

    18/04/2014 PAKISTAN
    Venerdì Santo in Pakistan: digiuno e preghiera per Asia Bibi, Sawan Masih e le vittime della blasfemia
    Comunità cristiana e società civile vicine alle vittime della “legge nera”. La solidarietà del vescovo di Islamabad. Attivista musulmano: uniti ai “nostri fratelli e sorelle cristiani nelle celebrazioni del Venerdì Santo”. Appello al governo: “serie iniziative per combattere l’intolleranza e l’abuso”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®