27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/08/2012, 00.00

    CINA

    Saga di Chongqing: La moglie di Bo Xilai accetta le accuse di omicidio



    La notizia è stata diffusa dai media di Stato cinesi. Essi sono gli unici ammessi al processo contro Gu Kailai iniziato lo scorso 9 agosto. La donna avrebbe giustificato l'omicidio di Neil Heywood con un crollo mentale dovuto alle minacce subite dal figlio. Sospetti su un accordo fra Bo e i vertici di Pechino per evitare nuovi scandali. Per gli esperti la moglie del leader di Chongqing starebbe seguendo un copione indicatole dal Partito comunista cinese.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Gu Kailai, moglie dell'ex leader del partito comunista di Chongqing Bo Xilai, avrebbe ammesso l'omicidio del faccendiere britannico Neil Heywood, trovato morto in un hotel nel novembre 2011. Lo riferiscono i media di Stato cinesi, gli unici ammessi all'interno dell'aula.

    Al processo contro di lei, iniziato lo scorso 9 agosto, la donna avrebbe giustificato il gesto con "un crollo nervoso" dovuto al pericolo di vita per il figlio, che, secondo Gu, avrebbe subito minacce da parte del britannico. Durante l'udienza Gu Kailai ha affermato che accetterà qualsiasi verdetto della corte. Nella seduta sono emersi anche dettagli sul coinvolgimento di Wang Lijun, capo della polizia di Chongqing. Egli avrebbe pianificato con Gu l'uccisione di Heywood. I suoi quattro vice, anch'essi sotto processo, lo avrebbero aiutato a insabbiare il caso.  

    "Lo scorso novembre - avrebbe confessato Gu - ho avuto un crollo mentale dopo aver scoperto che mio figlio Bo Guagu era in pericolo". Secondo una ricostruzione il giovane aveva avuto una disputa con Heywood per questioni di denaro. "Sono io la causa di questa tragedia - ha continuato la donna - che purtroppo non ha coinvolto solo Neil, ma anche altre famiglie. Il caso ha avuto gravi conseguenze per il Partito comunista in tutto il Paese. Da parte mia avrei dovuto assumermi prima questa responsabilità...accetterò con serenità qualsiasi verdetto". Durante l'udienza gli avvocati di Gu non avrebbero contestato la versione che accusa la moglie di Bo Xilai di aver avvelenato Heywood con del cianuro nella camera da letto dell'uomo. Secondo tale racconto, lo scorso novembre Gu Kailai ha fatto visita a Nei Heywood nel Nanshan Lijing Holiday Hotel e ha bevuto con lui alcol e tè. Ubriacatosi, Heywood ha vomitato e ha chiesto un bicchiere d'acqua. Gu glielo ha porto, ma era un veleno portato dal suo inserviente Zhang Xiaojun. Ieri, Tang Yigan funzionario della corte dell'Hefei nella Cina orientale ha detto ai giornalisti che il verdetto del tribunale sarà comunicato nelle prossime settimane.

    Intanto, anche i quattro poliziotti accusati di aver nascosto l'assassinio di Neil Heywood, ad opera di Gu Kailai, non avrebbero contestato le accuse contro di loro. La prima udienza del processo iniziato ieri  nell'Anhui a Hefei, stessa città dove è avvenuto il processo a Gu Kailai. Essi sono: Guo Weiguo, vicecapo della polizia di Chongqing; Li Yang, ex capo della squadra investigativa criminale; Wang Pengfei e Wang Zhi, responsabili di alcuni distretti della megalopoli.  

    Gli esperti notano che al processo contro Gu Kailai nessuno degli imputati ha fatto il nome di Bo Xilai. Joseph Cheng, docente di scienze politiche alla City University di Hong Kong, è convinto che le autorità abbiano raggiunto un accordo con l'ex leader di Chongqing. Stupisce anche la rapidità delle sedute e la grande collaborazione degli imputati. Infatti, per evitare di coinvolgere importanti membri del Partito comunista, i vertici avrebbero dato precisi ordini di procedura con l'obiettivo di concludere l'imbarazzante processo prima del cambio ai vertici dell'establishment cinese, che avverrà in autunno in occasione del 18mo congresso del Partito comunista cinese. "Il processo contro Gu - continua - è andato troppo liscio, seguendo una sorta di copione..tutti sono stati attenti a non fare il nome di Bo e le accuse di corruzione mosse contro di lui".

    I sospetti sull'omicidio di Neil Heywood erano emersi in febbraio. In marzo è scoppiato il caso di Bo Xilai che ha messo in seria crisi il partito comunista cinese. La sua caduta è uno dei più spettacolari drammi politici della Cina dai tempi di Tiananmen. Fino a poche settimane dalla sua epurazione, avvenuta lo scorso 15 marzo,  egli era visto come un uomo di successo, destinato a entrare nel Comitato permanente del Politburo. La sua campagna populista di rivitalizzare il maoismo distribuendo ricchezze ai poveri era condivisa anche da varie frange del Partito, fra cui alcuni "principini" come Xi Jinping, successore in pectore del presidente Hu Jintao. Nel suo tentativo di "pulire Chongqing" dalle triadi mafiose, egli ha usato metodi poco legali e ha arrestato anche centinaia di membri del Partito.

    La facciata di populismo maoista non ha impedito a Bo e alla sua famiglia di accumulare enormi ricchezze in patria e all'estero. Secondo illazioni, proprio la minaccia di rivelare ai media l'entità di tali ricchezze, ha segnato il destino di Heywood, considerato fino ad allora "un vecchio amico di famiglia". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/08/2012 CINA
    Saga di Chongqing: processo a poliziotti e a Wang Lijun. Silenzio su Bo Xilai
    I quattro poliziotti sono accusati di aver aiutato la moglie di Bo Xilai nel nascondere l'assassinio di Heywood. Gu Kailai ha avvelenato il faccendiere britannico dopo averlo ubriacato. Il verdetto della sentenza è atteso in questi giorni. La donna non ha contestato le accuse e avendo collaborato, riceverà una pena mite. Fra alcuni giorni vi sarà il processo di Wang Lijun, ex braccio destro di Bo Xilai, per "tradimento". In nessun caso si pronuncia il nome dell'ex segretario del Partito di Chongqing. Timori della leadership di far emergere il mondo corrotto dei "principini" e del Partito, prima del Congresso di autunno.

    06/09/2012 CINA
    Pubbliche accuse contro Wang Lijun. Ancora silenzio su Bo Xilai
    Il già potente ex capo della polizia di Chongqing è accusato di fuga, abuso di potere, nascondere prove e corruzione. Pur essendo stato stretto collaboratore di Bo Xilai, il nome di quest'ultimo non viene fatto in relazione a a nessuna accusa. Grazie a Wang i è scoperto l'intrigo dell'uccisione del faccendiere Heywood. Ma il Partito lo accusa di "tradimento", forse proprio perché a reso pubblico il marciume della leadership.

    28/09/2012 CINA
    Bo Xilai è la quintessenza del Partito comunista cinese
    L'ex segretario di Chongqing è stato espulso oggi dal Partito, dopo un travaglio durato più di nove mesi. Con il suo allontanamento, il Partito lo addita come una "deviazione" dai suoi ideali. Ma in realtà corruzione, violenza, disprezzo per i diritti della persona, manipolazione delle masse fanno parte dell'essenza del Partito comunista cinese. Il problema è la dittatura del Partito che non viene mai messa in discussione. Senza eliminare il monopolio del potere, ci saranno sempre nuovi Bo Xilai. Una riflessione del grande statista Bao Tong.

    20/09/2012 CINA
    L'ombra di Bo Xilai nel processo a Wang Lijun
    Un resoconto della Xinhua cita - di traverso - l'ex capo del Partito di Chongqing, al quale Wang Lijun aveva comunicato i suoi sospetti sulla moglie, assassina del faccendiere Heywood. E Bo ha preso a schiaffi Wang. Forse a breve ci sarà un processo contro Bo. La data del Congresso non è stata ancora comunicata.

    24/09/2012 CINA
    Wang Lijun condannato a 15 anni. Forse ora tocca a Bo Xilai
    Wang ha ringraziato la corte e non farà ricorso in appello. Grande cautela prima del 18mo Congresso del Partito. Si ipotizza che Bo Xilai, ex capo di Chongqing, verrà espulso e processato dopo l'importante raduno.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®