29 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/08/2012, 00.00

    CINA

    Saga di Chongqing: processo a poliziotti e a Wang Lijun. Silenzio su Bo Xilai

    Wang Zhicheng

    I quattro poliziotti sono accusati di aver aiutato la moglie di Bo Xilai nel nascondere l'assassinio di Heywood. Gu Kailai ha avvelenato il faccendiere britannico dopo averlo ubriacato. Il verdetto della sentenza è atteso in questi giorni. La donna non ha contestato le accuse e avendo collaborato, riceverà una pena mite. Fra alcuni giorni vi sarà il processo di Wang Lijun, ex braccio destro di Bo Xilai, per "tradimento". In nessun caso si pronuncia il nome dell'ex segretario del Partito di Chongqing. Timori della leadership di far emergere il mondo corrotto dei "principini" e del Partito, prima del Congresso di autunno.

    Hefei (AsiaNews) - Si è aperto oggi il processo contro quattro poliziotti, accusati di aver nascosto l'assassinio di Neil Heywood, ad opera di Gu Kailai (a sin. e a destra nella foto), la moglie dell'ex boss di Chongqing, Bo Xilai. Il loro processo avviene subito dopo quello della donna, conclusosi ieri in sei ore, il cui verdetto sarà pubblicato a breve.

    Secondo fonti del South China Morning Post in questi giorni vi sarà anche il processo contro Wang Lijun, ex braccio destro di Bo, colpevole di "tradimento" per essersi rifugiato nel consolato Usa di Chengdu, temendo per la sua vita, dopo aver scoperto che Heywood era stato assassinato. Nessuno però parla o accusa Bo Xilai, silurato dal suo posto di segretario del Partito di Chongqing, fermato nella sua scalata al potere del Politburo, ma per ora solo sotto inchiesta per alcune vaghe "irregolarità disciplinari".

    I quattro poliziotti vengono anch'essi processati nell'Anhui a Hefei, stessa città dove è avvenuto il processo a Gu Kailai, famosa per la sua obbedienza al potere centrale e lontana dall'influenza della rete amica di Bo a Chongqing. Essi sono: Guo Weiguo, vicecapo della polizia di Chongqing; Li Yang, ex capo della squadra investigativa criminale; Wang Pengfei e Wang Zhi, responsabili di alcuni distretti della megalopoli. Tutti sono accusati di aver tentato di proteggere Gu "dall'essere perseguita per le sue responsabilità criminali".

    Da parte sua, Gu Kailai ieri non ha contestato le accuse di omicidio, e anzi ha collaborato in precedenza rivelando nomi di altre persone implicate. Ciò le permetterà di avere una sentenza più clemente e diversi avvocati pensano che sfuggirà alla pena di morte e riceverà solo 10-15 anni di prigione.

    Al processo celebratosi ieri erano presenti solo giornalisti scelti fra le testate statali. Gli altri hanno dovuto accontentarsi del racconto fatto da personale incaricato. Secondo tale racconto, lo scorso novembre Gu Kailai ha fatto visita a Nei Heywood nel Nanshan Lijing Holiday Hotel e ha bevuto con lui alcol e tè. Ubriacatosi, Heywood ha vomitato e ha chiesto un bicchiere d'acqua. Gu glielo ha porto, ma era un veleno portato dal suo inserviente Zhang Xiaojun.

    Heywood aveva minacciato di rivelare al pubblico i traffici economici illeciti fatti insieme e che avevano arricchito la famiglia di Gu e Bo. Eppure al processo mai una volta è stato pronunciato il nome di Bo Xilai.

    È probabile che il silenzio su Bo domini anche al processo contro Wang Lijun, che si celebrerà a Chengdu fra qualche giorno. Wang è stato stretto collaboratore di Bo nella sua campagna neomaoista, fatta di gesti populisti, revival di canti e fermezza contro triadi e quadri corrotti. Lo scorso febbraio - si dice per aver scoperto che Heywood era stato assassinato - si è rifugiato nel consolato americano a Chengdu per chiedere lo status di rifugiato politico. Non avendolo ottenuto, è stato arrestato e portato via dalla polizia.

    Egli è accusato di "tradimento" per aver cercato di fuggire dal Paese e per questo rischia la condanna a morte. Ma anche lui ha collaborato durante le inchieste e forse riceverà una pena meno pesante.

    Rimane la questione di cosa avverrà a Bo Xilai. Figlio di uno dei gradi rivoluzionari, della stirpe dei "principini", ricchi e potenti grazie alla loro discendenza, egli è stato emarginato nella lotta di potere per il controllo del Politburo, che dovrebbe essere rinnovato quasi al completo in autunno.

    Diversi analisti indicano nella saga di Chongqing un segno della lotta interna al Partito. Ieri, mentre la corte si riuniva per giudicare Gu Kailai, alcuni sostenitori di Bo hanno manifestato contro quello che essi definiscono un processo truccato e già confezionato in precedenza. La polizia li ha presi e allontanati.

    Rimane il fatto che il Partito - al suo minimo storico come credibilità - teme che scavando nella vita di Bo emerga il marcio di una classe politica che si è arricchita in modo superlativo a spese della popolazione. Per questo le notizie dei processi sono controllati; i commenti sui blog sono oscurati; i giornali nazionali danno solo il resoconto ufficiale del processo diffuso dalla Xinhua. Tutto deve finire in fretta per poter celebrare in autunno la gonfia retorica del 18mo Congresso del partito comunista cinese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/08/2012 CINA
    Saga di Chongqing: La moglie di Bo Xilai accetta le accuse di omicidio
    La notizia è stata diffusa dai media di Stato cinesi. Essi sono gli unici ammessi al processo contro Gu Kailai iniziato lo scorso 9 agosto. La donna avrebbe giustificato l'omicidio di Neil Heywood con un crollo mentale dovuto alle minacce subite dal figlio. Sospetti su un accordo fra Bo e i vertici di Pechino per evitare nuovi scandali. Per gli esperti la moglie del leader di Chongqing starebbe seguendo un copione indicatole dal Partito comunista cinese.

    06/09/2012 CINA
    Pubbliche accuse contro Wang Lijun. Ancora silenzio su Bo Xilai
    Il già potente ex capo della polizia di Chongqing è accusato di fuga, abuso di potere, nascondere prove e corruzione. Pur essendo stato stretto collaboratore di Bo Xilai, il nome di quest'ultimo non viene fatto in relazione a a nessuna accusa. Grazie a Wang i è scoperto l'intrigo dell'uccisione del faccendiere Heywood. Ma il Partito lo accusa di "tradimento", forse proprio perché a reso pubblico il marciume della leadership.

    28/09/2012 CINA
    Bo Xilai è la quintessenza del Partito comunista cinese
    L'ex segretario di Chongqing è stato espulso oggi dal Partito, dopo un travaglio durato più di nove mesi. Con il suo allontanamento, il Partito lo addita come una "deviazione" dai suoi ideali. Ma in realtà corruzione, violenza, disprezzo per i diritti della persona, manipolazione delle masse fanno parte dell'essenza del Partito comunista cinese. Il problema è la dittatura del Partito che non viene mai messa in discussione. Senza eliminare il monopolio del potere, ci saranno sempre nuovi Bo Xilai. Una riflessione del grande statista Bao Tong.

    20/09/2012 CINA
    L'ombra di Bo Xilai nel processo a Wang Lijun
    Un resoconto della Xinhua cita - di traverso - l'ex capo del Partito di Chongqing, al quale Wang Lijun aveva comunicato i suoi sospetti sulla moglie, assassina del faccendiere Heywood. E Bo ha preso a schiaffi Wang. Forse a breve ci sarà un processo contro Bo. La data del Congresso non è stata ancora comunicata.

    24/09/2012 CINA
    Wang Lijun condannato a 15 anni. Forse ora tocca a Bo Xilai
    Wang ha ringraziato la corte e non farà ricorso in appello. Grande cautela prima del 18mo Congresso del Partito. Si ipotizza che Bo Xilai, ex capo di Chongqing, verrà espulso e processato dopo l'importante raduno.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®