18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/10/2007, 00.00

    IRAQ

    Sale l’allarme colera, mentre a Baghdad rimangono a guardare



    L’epidemia scoppiata ad agosto nel nord dell’Iraq varca i confini con l’Iran, dove si registrano 43 casi. Il ministero della Sanità non interviene, mentre dalla regione di Niniveh arriva il racconto disperato della popolazione: l’acqua non è potabile, la struttura sanitaria non esiste e i medici hanno paura di lavorare.

    Kirkuk (AsiaNews) - L’epidemia di colera esplosa in Iraq ad agosto continua diffondersi in modo allarmante senza che il governo centrale o le organizzazioni internazionali adottino serie misure per affrontarla. La denuncia arriva dall’interno dello stesso ministero iracheno della Sanità. Alcuni funzionari – citati in forma anonima dal sito internet Azzaman – parlano di una situazione “senza speranza” in un conteso già tragico come quello dell’Iraq.

    L’epidemia, che finora ha interessato il nord del Paese, ha varcato da poco i confini arrivando fino in Iran, dove i casi registrati lungo la zona di frontiera sono 43. Lo ha riferito il Mohsen Zahrai, responsabile iraniano per il controllo delle infezioni dall'acqua, secondo il quale ''per il momento in territorio iracheno non vi e' speranza di contenere l'epidemia''.

    “Senza speranza” è anche la popolazione, raccontano fonti di AsiaNews nella provincia di Niniveh. Qui nei piccoli villaggi si ammassano i numerosi profughi che fuggono dalle violenze di Baghdad e Mosul. “I centri medici, non chiamiamoli ospedali, - dicono - sono pochi e mancano di tutto, dal materiale sanitario al personale: i dottori non lavorano perché hanno paura, essendo tra le categorie più colpite da uccisioni e sequestri”. Ma il problema è molto più esteso: “L’acqua, arriva un giorno sì e uno no, e non è potabile; la scarsa fornitura di elettricità (2 ore al giorno) e l’assenza di gruppi elettrogeni non permettono di poter alimentare i frigoriferi e conservare sano il cibo, soprattutto la carne”. “Nessuno si interessa a questa emergenza – continuano le fonti dal nord del Paese – la struttura sanitaria è praticamente assente, il governo non esiste, non vediamo aiuti neppure dalle grandi organizzazioni internazionali”. “Aspettiamo ancora l’arrivo di 150 milioni di tavolette al cloro per purificare l’acqua – riferiscono dal ministero della Sanità – ma finora non si è visto niente”.

    La settimana scorsa l'Organizzazione mondiale della sanità ha diffuso i dati ufficiali sul colera in Iraq. Dopo la prima apparizione, il 14 agosto a Kirkuk, l'infezione risulta ormai diffusa in 9 delle 18 province del Paese, con 3.315 casi accertati di contagio da vibrio cholerae tra gli oltre 30mila malati di dissenteria acuta. Il tasso di mortalità rimane basso, solo 14 finora i decessi, ma l'epidemia è ancora in espansione nelle regioni di Kirkuk e Sulaymaniah e resta stabile a Bassora, Baghdad, Dahuk, Mosul e Tikrit.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2017 08:44:00 YEMEN
    Yemen, emergenza colera: 115 vittime, oltre 8500 le persone contagiate

    Epicentro dell’epidemia la capitale Sana’a e la confinante provincia Amanat al-Semah. Condizioni igieniche precarie e povertà hanno favorito la diffusione. Oms: meno del 45% degli ospedali e delle cliniche funzionano a pieno regime. La guerra ha danneggiato o distrutto almeno 300 strutture mediche.

     



    13/07/2017 08:54:00 YEMEN - ONU
    Onu: parti in lotta e potenze straniere loro alleate responsabili dell’epidemia di colera

    Il sotto-segretario agli Affari umanitari delle Nazioni unite parla di “scandalo” causato “interamente dall’uomo”. I belligeranti e quanti li sostengono oltreconfine “dirigono, riforniscono, combattono e perpetrano” le violenze. I casi di contagio sono saliti a 320mila, almeno 1740 le vittime. Servfono 250 milioni di dollari per fronteggiare l’emergenza, finora raccolti 47.



    26/06/2017 08:48:00 YEMEN - ONU
    Onu: in Yemen è in atto la peggiore epidemia di colera al mondo

    Una nota congiunta degli esperti di Unicef e Oms. I casi sospetti hanno superato quota 200mila, le vittime oltre 1300; di queste, un quarto erano bambini. Vi sono 5mila nuovi casi al giorno. Quasi 19 milioni di persone su 28 milioni bisognose di assistenza. Sette milioni sono sull’orlo della carestia. Il sistema sanitario è al collasso, a rischio le scorte di acqua potabile. 

     



    16/06/2017 08:51:00 YEMEN - ONU
    Onu: Contro la crisi umanitaria in Yemen cessate il fuoco immediato e porti aperti agli aiuti

    Il Consiglio di Sicurezza approva all’unanimità un appello rivolto a tutte le parti coinvolte nel conflitto. Fondamentale garantire l’accesso al porto di Hodeida, che rappresenta una “fondamentale ancora di salvezza”. Dall’inizio dell’emergenza colera morte 923 persone, i casi sospetti hanno superato quota 124mila.

     



    09/06/2017 08:55:00 YEMEN
    Yemen, prosegue l’emergenza colera: quasi 800 morti e oltre 100mila contagiati

    I casi si sono registrati in 19 diverse province. Oms: entro sei mesi fino a 250mila persone colpite. Oxfam: Una vittima ogni ora, nazione “sull’orlo del precipizio”. Fermare la guerra e ripristinare gli aiuti umanitari. A favorire la diffusione le pessime condizioni igienico-sanitarie e la carenza di strutture mediche.

     





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®