21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/02/2018, 11.52

    PAKISTAN

    San Valentino: proibito ai musulmani. La Chiesa divisa

    Kamran Chaudhry

    L’autorità nazionale per le telecomunicazioni ha vietato la promozione su tutti i canali. Le edizioni paoline non hanno ordinato biglietti di auguri, “soppiantati” dai social digitali. Il bando è inutile perché “la Chiesa non festeggerà la ricorrenza che coincide con il Mercoledì delle Ceneri”.

    Lahore (AsiaNews) – L’autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni del Pakistan (Pemra, Pakistan Electronic Media Regulatory Authority) ha vietato la promozione di tutte le attività legate alla festa di San Valentino, che si celebra domani. Per i musulmani più osservanti, l’evento conosciuto in tutto il mondo come la “festa degli innamorati”, è contrario alla dottrina islamica.

    Ad AsiaNews esponenti delle Chiese esprimono pareri contrastanti sull’ordinanza. Secondo il rev. Irfan Jamil, vescovo anglicano di Lahore, la ricorrenza non ha alcun legame con il cristianesimo. “Il bando non ci interessa – afferma –. L’amore non deve essere celebrato un solo giorno all’anno”. P. Nasir Williams, direttore della Commissione per le comunicazioni sociali della diocesi di Islamabad-Rawalpindi, la pensa in maniera diversa: “Il bando è l’ultimo [esempio] di ignoranza. Nel nostro Paese la libertà di pensiero è già limitata”. Il sacerdote lamenta: “Quale sarà la prossima decisione? Verranno confiscati i telefoni cellulari o messe al bando gli sceneggiati sulle love stories in televisione? Nessuno forza le persone a comprare regali. Il tentativo di controllare le persone o oscurare una parte dei media non porterà grandi cambiamenti”.

    La festa di San Valentino, martire cristiano del III secolo, è un evento che divide la società musulmana. Ogni anno gruppi di radicali islamici organizzano proteste e distribuiscono volantini invitando la popolazione a non celebrare la festività.

    Il bando è imposto per il secondo anno consecutivo sui social media e sui canali d’informazione digitali e della carta stampata. La sentenza dispone che “nessun evento è consentito, né in via ufficiale né negli spazi pubblici”. Muhammad Tahir, manager della Pemra, ha avvisato tutti i canali e i distributori di servizi [pubblicitari]: “Astenetevi dal promuovere la festa di San Valentino sulle vostre reti”. Nonostante il divieto, nei centri commerciali e nei negozi è molto comune trovare stand dedicati alla vendita di peluche a forma di cuore e di orsacchiotto, palloncini e altri gadget rossi (v. foto, scattata all’Emporium Mall di Lahore).

    Per quest’anno il centro per la distribuzione delle edizioni paoline della diocesi di Lahore non prevede la vendita di biglietti augurali. Suor Irshad Maqsood spiega che “la tradizione di scambiarsi biglietti è morta. Di solito ne ordinavamo in stock, ma ora le persone si sono convertite ai mezzi digitali”.

    P. William sottolinea l’inutilità del bando: “La Chiesa cattolica non celebrerà la festa degli innamorati perché quest’anno essa coincide con la ricorrenza del Mercoledì delle Ceneri [che apre il periodo di Quaresima, ndr]”. Infine ricorda: “Noi non incoraggiamo le relazioni illegali. Le persone hanno bisogno di essere educate e imparare la spiritualità dell’amore”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2016 12:57:00 PAKISTAN
    Lahore, le autorità chiudono 11 canali televisivi cristiani “illegali”

    La “Pakistan media regulatory authority” ha chiesto ai dirigenti delle televisioni di interrompere le trasmissioni perché “sprovvisti di licenza”. Direttore della Catholic Tv: “Non cerchiamo di convertire nessuno, non dovremmo essere visti come una minaccia. Molte televisioni islamiche operano senza permessi”. Dirigente di Isaac Tv: “È vero, non abbiamo la licenza, ma non sarà il bando delle trasmissioni via cavo a fermarci”.



    28/01/2017 09:03:00 PAKISTAN
    Pakistan mette al bando un presentatore televisivo: diffonde “discorsi d’odio” contro gli attivisti scomparsi

    Aamir Liaquat Hussain conduce un programma sul canale Bol News. In passato è stato al centro delle polemiche per aver distribuito bambini abbandonati a coppie senza figli e per aver ospitato radicali islamici critici degli ahmadi. I suoi commenti rischiano di provocare reazioni violente contro coloro che chiedono il ritorno a casa dei cinque intellettuali spariti.



    27/11/2017 08:51:00 PAKISTAN
    Islamabad, vittoria dei manifestanti islamici: il ministro della Giustizia rassegna le dimissioni

    Le tensioni ieri hanno costretto i cristiani a cancellare la processione per la festa di Cristo Re. Le preghiere per la pace. Sono sette le persone rimaste uccise negli scontri e 250 i feriti. È un segnale delle divisioni nel Paese.



    24/12/2010 INDONESIA
    Vescovi indonesiani: gli islamici radicali stanno colonizzando il Paese
    Il vescovo di Padang mette in guardia contro la diffusione dell’ideologia islamica radicale, in modo sistematico e organizzato. Sotto accusa le autorità politiche, incapaci di frenare le violenze. Intanto la polizia dovrà vigilare per timore di violenze anticristiane per il Natale.

    26/01/2018 11:47:00 PAKISTAN
    Studente pakistano uccide ‘per blasfemia’ il suo preside

    L’alunno ha ucciso Sareer Ahmed il 22 gennaio. Il ragazzo segnato come “assente” per aver partecipato alle proteste dei radicali islamici a Islamabad. “Le persone cercano rifugio nella religione per sfuggire ai guai economici, ma vengono radicalizzate”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®