28 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/06/2012
ASIA
Scendono le borse asiatiche dopo che Moody's degrada 15 banche
Seoul è a meno 2,2; Hong Kong a meno 1,08. Per le banche i giudizi di Moody's sono "arbitrari", "opachi", e "deludenti". Intanto, la Fed ha dichiarato che la crescita Usa sarà ridotta di mezzo punto rispetto alle previsioni.

Hong Kong (AsiaNews) - Le borse asiatiche sono scese oggi, dopo le perdite di Wall Street di ieri e soprattutto dopo che l'agenzia Moody's ha degradato 15 banche internazionali.

La borsa di Hong Kong nel primo pomeriggio era a meno 1,08; quella di Tokyo a meno 0,29; Seoul a meno 2,22.

Ieri Moody's ha degradato il "credit rating" di 15 banche: quattro sono state declassate di un livello; 10 di due livelli; una di ben tre livelli. Le 15 banche sono: Bank of America, Barclays, Citigroup, Credit Suisse, Goldman Sachs, HSBC, JPMorgan Chase, Morgan Stanley, Royal Bank of Scotland, BNP Paribas, Credit Agricole, Deutsche Bank, Royal Bank of Canada, Societé Generale and UBS. Moody's afferma che esse rischiano perdite massicce e che sono troppo esposte alla crisi finanziaria e l'una rispetto all'altra.

Come era da prevedere, le banche colpite si sono affrettate a criticare l'agenzia di rating.

Citigroup ha definito il giudizio di Moody's "ingiustificato", "arbitrario", "opaco" e "sproporzionatamente ingiusto" verso le banche statunitensi, in confronto a quelle europee. Bank of America e Morgan Stanley hanno invece difeso la salute dei loro conti, accusando Moody's di non essere a conoscenza di tutte le riforme che esse hanno intrapreso. Credit Suisse, la più degradata, ha definito "deludenti" i giudizi dell'agenzia di rating.

Ad accrescere i problemi dei mercati asiatici e mondiali, vi sono le cattive previsioni sulla crescita cinese, che mostra segni di contrazione, e le dichiarazioni della Fed americana, che per quest'anno ha previsto una crescita Usa più ridotta di quasi mezzo punto rispetto alle previsioni fra l'1,9 e il 2,4.

Ieri Wall Street ha chiuso con un meno 1,96; il Nasdaq a meno 2,44.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/11/2011 ASIA-ITALIA
Salgono le borse asiatiche, sperando sull’Italia e Mario Monti
di Paul Hong
06/12/2011 ASIA - EUROPA
Standard & Poor’s e le banche europee contro l’euro
05/04/2012 ASIA
Borse asiatiche in discesa: timori per il debito europeo, mentre il petrolio si alza
07/11/2012 USA - ASIA
La vittoria di Obama preoccupa i mercati, ma potenzia il matrimonio gay
17/04/2012 CINA - USA
Cresce il debito Usa nelle mani della Cina. Scendono gli investimenti diretti dall'estero

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate