1 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/06/2012
ASIA
Scendono le borse asiatiche dopo che Moody's degrada 15 banche
Seoul è a meno 2,2; Hong Kong a meno 1,08. Per le banche i giudizi di Moody's sono "arbitrari", "opachi", e "deludenti". Intanto, la Fed ha dichiarato che la crescita Usa sarà ridotta di mezzo punto rispetto alle previsioni.

Hong Kong (AsiaNews) - Le borse asiatiche sono scese oggi, dopo le perdite di Wall Street di ieri e soprattutto dopo che l'agenzia Moody's ha degradato 15 banche internazionali.

La borsa di Hong Kong nel primo pomeriggio era a meno 1,08; quella di Tokyo a meno 0,29; Seoul a meno 2,22.

Ieri Moody's ha degradato il "credit rating" di 15 banche: quattro sono state declassate di un livello; 10 di due livelli; una di ben tre livelli. Le 15 banche sono: Bank of America, Barclays, Citigroup, Credit Suisse, Goldman Sachs, HSBC, JPMorgan Chase, Morgan Stanley, Royal Bank of Scotland, BNP Paribas, Credit Agricole, Deutsche Bank, Royal Bank of Canada, Societé Generale and UBS. Moody's afferma che esse rischiano perdite massicce e che sono troppo esposte alla crisi finanziaria e l'una rispetto all'altra.

Come era da prevedere, le banche colpite si sono affrettate a criticare l'agenzia di rating.

Citigroup ha definito il giudizio di Moody's "ingiustificato", "arbitrario", "opaco" e "sproporzionatamente ingiusto" verso le banche statunitensi, in confronto a quelle europee. Bank of America e Morgan Stanley hanno invece difeso la salute dei loro conti, accusando Moody's di non essere a conoscenza di tutte le riforme che esse hanno intrapreso. Credit Suisse, la più degradata, ha definito "deludenti" i giudizi dell'agenzia di rating.

Ad accrescere i problemi dei mercati asiatici e mondiali, vi sono le cattive previsioni sulla crescita cinese, che mostra segni di contrazione, e le dichiarazioni della Fed americana, che per quest'anno ha previsto una crescita Usa più ridotta di quasi mezzo punto rispetto alle previsioni fra l'1,9 e il 2,4.

Ieri Wall Street ha chiuso con un meno 1,96; il Nasdaq a meno 2,44.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/11/2011 ASIA-ITALIA
Salgono le borse asiatiche, sperando sull’Italia e Mario Monti
di Paul Hong
06/12/2011 ASIA - EUROPA
Standard & Poor’s e le banche europee contro l’euro
05/04/2012 ASIA
Borse asiatiche in discesa: timori per il debito europeo, mentre il petrolio si alza
07/11/2012 USA - ASIA
La vittoria di Obama preoccupa i mercati, ma potenzia il matrimonio gay
17/04/2012 CINA - USA
Cresce il debito Usa nelle mani della Cina. Scendono gli investimenti diretti dall'estero

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate