30 Aprile 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/06/2012, 00.00

    ASIA

    Scendono le borse asiatiche dopo che Moody's degrada 15 banche



    Seoul è a meno 2,2; Hong Kong a meno 1,08. Per le banche i giudizi di Moody's sono "arbitrari", "opachi", e "deludenti". Intanto, la Fed ha dichiarato che la crescita Usa sarà ridotta di mezzo punto rispetto alle previsioni.

    Hong Kong (AsiaNews) - Le borse asiatiche sono scese oggi, dopo le perdite di Wall Street di ieri e soprattutto dopo che l'agenzia Moody's ha degradato 15 banche internazionali.

    La borsa di Hong Kong nel primo pomeriggio era a meno 1,08; quella di Tokyo a meno 0,29; Seoul a meno 2,22.

    Ieri Moody's ha degradato il "credit rating" di 15 banche: quattro sono state declassate di un livello; 10 di due livelli; una di ben tre livelli. Le 15 banche sono: Bank of America, Barclays, Citigroup, Credit Suisse, Goldman Sachs, HSBC, JPMorgan Chase, Morgan Stanley, Royal Bank of Scotland, BNP Paribas, Credit Agricole, Deutsche Bank, Royal Bank of Canada, Societé Generale and UBS. Moody's afferma che esse rischiano perdite massicce e che sono troppo esposte alla crisi finanziaria e l'una rispetto all'altra.

    Come era da prevedere, le banche colpite si sono affrettate a criticare l'agenzia di rating.

    Citigroup ha definito il giudizio di Moody's "ingiustificato", "arbitrario", "opaco" e "sproporzionatamente ingiusto" verso le banche statunitensi, in confronto a quelle europee. Bank of America e Morgan Stanley hanno invece difeso la salute dei loro conti, accusando Moody's di non essere a conoscenza di tutte le riforme che esse hanno intrapreso. Credit Suisse, la più degradata, ha definito "deludenti" i giudizi dell'agenzia di rating.

    Ad accrescere i problemi dei mercati asiatici e mondiali, vi sono le cattive previsioni sulla crescita cinese, che mostra segni di contrazione, e le dichiarazioni della Fed americana, che per quest'anno ha previsto una crescita Usa più ridotta di quasi mezzo punto rispetto alle previsioni fra l'1,9 e il 2,4.

    Ieri Wall Street ha chiuso con un meno 1,96; il Nasdaq a meno 2,44.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/11/2011 ASIA-ITALIA
    Salgono le borse asiatiche, sperando sull’Italia e Mario Monti
    Hong Kong a più 2,4; Tokyo a più 1,21; Seoul a più 2,11. Per gli analisti ciò è dovuto alla nomina del nuovo premier italiano, che saprà frenare le falle del debito sovrano in Italia e in Europa. Ma molti si domandano se questo “sequestro” della sovranità nazionale non sia in funzione di un governo mondiale della finanza internazionale.

    06/12/2011 ASIA - EUROPA
    Standard & Poor’s e le banche europee contro l’euro
    L’agenzia di rating avverte della possibile abbassamento del livello del credito per 15 Paesi, fra cui Germania e Francia. Eppure l’economia europea è cresciuta in questi tre mesi. S&P sembra interessarsi meno alla crisi di Usa e Giappone. Le banche europee svendono euro.

    05/04/2012 ASIA
    Borse asiatiche in discesa: timori per il debito europeo, mentre il petrolio si alza
    Tokyo, Seoul, Hong Kong perdono almeno l'1%. Anche Shanghai in discesa, a causa delle banche statali, colpite dal "no" al monopolio di Wen Jiabao. La Fed restia a nuove misure di stimolo.

    07/11/2012 USA - ASIA
    La vittoria di Obama preoccupa i mercati, ma potenzia il matrimonio gay
    Mitt Romney ha riconosciuto la sconfitta. I mercati asiatici sono quasi immobili. Preoccupazione per il "fiscal cliff", l'incremento delle tasse e il tetto del debito Usa da decidere alla fine del 2012. Legalizzati con il voto alle urne i matrimoni dello stesso sesso nel Maine e nel Maryland.

    17/04/2012 CINA - USA
    Cresce il debito Usa nelle mani della Cina. Scendono gli investimenti diretti dall'estero
    Pechino possiede ora 1178,9 miliardi di dollari. Nel 2011 aveva ridotto la sua posizione, tornata ad aumentare quest'anno. Gli investimenti diretti stranieri sono scesi del 6,1%. La Cina sconta il rafforzamento dello yuan e la competizione di altri Paesi come Vietnam e Indonesia.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®