03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/07/2012, 00.00

    VATICANO - CINA

    Scomunica per il vescovo illegittimo di Harbin, apprezzamento per mons. Ma Daqin



    Una dichiarazione della Santa Sede ricorda che prima dell'ordinazione il candidato era stato avvertito che sarebbe andato contro la volontà del Papa. Auspicio che le autorità cinesi non favoriscano "gesti contrari al dialogo" con il Vaticano.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Scomunica per il vescovo Giuseppe Yue Fusheng, ordinato illecitamente a Harbin, richiesta di spiegazioni ai presuli che hanno partecipato all'ordinazione, auspicio che le autorità cinesi non favoriscano "gesti contrari al dialogo" con il Vaticano, "apprezzamento e incoraggiamento" per l'ordinazione del vescovo ausiliare di Shanghai, Taddeo Ma Daqin.

    E' quanto esprime una dichiarazione della Santa Sede sulla vicenda dell'ordinazione di Harbin, diffusa oggi. Nel documento c'è un implicito riferimento alla Nota della Congregazione per l'Evangelizzazione dei popoli diffusa il 4 luglio, due giorni prima della data prevista per l'ordinazione illecita, nella quale si ricordava a colui che doveva essere ordinato e ai vescovi che avrebbero preso parte al rito la sanzione della scomunica.

    Il Vaticano, infine, ricorda a "tutti i cattolici in Cina", che essi "sono chiamati a difendere e a salvaguardare ciò che appartiene alla dottrina e alla tradizione della Chiesa".

     

                          Questo il testo della dichiarazione:

     

    Riguardo all'ordinazione episcopale del Rev. Giuseppe Yue Fusheng, avvenuta ad Harbin (provincia di Heilongjiang) venerdì 6 luglio corrente, si precisa quanto segue:

    l) Il Rev. Giuseppe Yue Fusheng, ordinato senza mandato pontificio e quindi illegittimamente, è incorso automaticamente nelle sanzioni previste dal canone 1382 del Codice di Diritto Canonico. Di conseguenza, la Santa Sede non lo riconosce come Vescovo dell'amministrazione apostolica di Harbin, ed egli è privo dell'autorità di governare i sacerdoti e la comunità cattolica nella provincia di Heilongjiang.

    Il Rev. Yue Fusheng era stato informato da tempo che non poteva essere approvato dalla Santa Sede come candidato episcopale, e più volte gli era stato richiesto di non accettare l'ordinazione episcopale senza il mandato pontificio.

    2) I Vescovi, che hanno preso parte all'ordinazione episcopale illegittima e si sono esposti alle sanzioni, previste dalla legge della Chiesa, devono riferire alla Santa Sede circa la loro partecipazione alla cerimonia religiosa.

    3) Un apprezzamento va a quei sacerdoti, a quelle persone consacrate e a quei fedeli laici che hanno pregato e digiunato per il ravvedimento del Rev. Yue Fusheng, per la santità dei Vescovi e per l'unità della Chiesa in Cina, in particolare nell'amministrazione apostolica di Harbin.

    4) Tutti i cattolici in Cina, Pastori, sacerdoti, persone consacrate e fedeli laici, sono chiamati a difendere e a salvaguardare ciò che appartiene alla dottrina e alla tradizione della Chiesa. Anche nelle presenti difficoltà essi guardano con fiducia al futuro, confortati dalla certezza che la Chiesa è fondata sulla roccia di Pietro e dei suoi Successori.

    5) Confidando nell'effettivo desiderio delle Autorità governative cinesi di dialogare con la Santa Sede, la medesima Sede Apostolica auspica che dette Autorità non favoriscano gesti contrari a tale dialogo. Anche i Cattolici cinesi attendono passi concreti nello stesso senso, primo fra tutti quello di evitare le celebrazioni illegittime e le ordinazioni episcopali senza mandato pontificio, che creano divisione e recano sofferenza alle comunità cattoliche in Cina e alla Chiesa universale.

    È motivo di apprezzamento e di incoraggiamento l'ordinazione del Rev. Taddeo Ma Daqin a Vescovo Ausiliare della diocesi di Shanghai, avvenuta sabato 7 luglio corrente. La presenza da parte di un Vescovo, che non è in comunione con il Santo Padre, era inopportuna e mostra mancanza di sensibilità verso un'ordinazione episcopale legittima.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2012 HONG KONG - CINA
    Il card. Zen e i cattolici di Hong Kong marciano contro le violazioni della libertà religiosa in Cina
    La protesta si è tenuta davanti all'ufficio del governo centrale di Hong Kong. Richiesto il rilascio di mons. Ma Daqin, vescovo ausiliare di Shanghai e di tutti cattolici cinesi. Ordinato lo scorso 7 luglio, il prelato è rinchiuso da giorni nel seminario di Sheshan per le sue dimissioni dall'Associazione Patriottica. Pechino censura tutti i siti internet con notizie inerenti al caso di mons. Ma.

    11/07/2012 CINA – VATICANO
    La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
    Il sito ufficiale del Consiglio ha pubblicato oggi una nota, controfirmata dall’Associazione patriottica, accusando il vescovo di aver violato "in modo grave" il regolamento sulle ordinazioni episcopali. Ad Harbin, fonti di AsiaNews denunciano “difficoltà” per due sacerdoti della Chiesa ufficiale che si erano opposti all’ordinazione del 6 luglio scorso.

    11/07/2012 CINA - VATICANO
    Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
    Il comunicato è stato firmato da AP e Consiglio dei vescovi cinesi. In esso non si menziona mai la parola "scomunica" nei confronti di p. Fusheng nominato vescovo di Harbin senza il benestare del Papa. Per l'AP il documento vaticano non favorisce l'unità, la comunione e il sano sviluppo della Chiesa in Cina. Fonti locali denunciano l'utilizzo di toni pretestuosi e fuorvianti per ingannare i cattolici della Chiesa ufficiale.

    10/07/2012 VATICANO - CINA
    Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
    Mons. Ma Daqin, che ha rifiutato l'imposizione delle mani da un vescovo scomunicato e si è dimesso dall'Associazione patriottica rivendica la libertà religiosa che la costituzione cinese garantisce, ma i regolamenti sulle religioni la tradiscono. Il rifiuto dell'Associazione patriottica ha motivi teologici (l'Ap è "incompatibile con la dottrina cattolica"), ma anche pastorali e sociali. Per mesi i pastori sono tenuti lontano dalle loro diocesi, portati a banchettare a spese del governo, mentre i loro fedeli devono combattere con la povertà. I vescovi "opportunisti" come sale scipito. Il valore dei fedeli laici per la riconciliazione con il papa.

    04/07/2012 CINA - VATICANO
    I cattolici di Harbin resistono all'ordinazione episcopale voluta dal Partito, ma non dal papa
    Le autorità cinesi hanno precettato sei vescovi in comunione col papa per costringerli alla consacrazione di p. Yue Fusheng il 6 luglio. Ma i sacerdoti della diocesi fuggono per non partecipare alla cerimonia. Non si trova un coro che canti nella liturgia. La cattedrale sotto il controllo della polizia. Il 7 luglio, all'ordinazione del vescovo coadiutore di Shanghai, vi sarà un vescovo scomunicato. Un sacerdote: Il governo mescola il vero e il falso, il giusto e l'ingiusto. É la battaglia dell'Apocalisse.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®