05/12/2016, 11.01
MYANMAR
Invia ad un amico

Scontri nello Stato Shan: distrutta la chiesa di San Francesco Saverio a Mung Koe

La parrocchia è stata colpita dai bombardamenti dell’esercito governativo, che nel nord-est del Paese combatte milizie di etnia Kachin e Shan. Il vescovo: “È rimasto in piedi solo il campanile. I sacerdoti, le suore e i fedeli sono fuggiti in Cina”.  

Naypiydaw (AsiaNews) – Il 3 dicembre scorso un attacco aereo dell’esercito governativo ha distrutto la chiesa di San Francesco Saverio a Mung Koe, nello stato Shan (nord-est del Myanmar). Mons. Philip Za Hawng, vescovo della diocesi di Lashio, dove la parrocchia si trova, ha scritto un messaggio in cui afferma: “Tutta la chiesa è stata distrutta, ad eccezione del campanile. Il fumo che si è alzato era visibile da molto lontano fino a mezzogiorno. Quella chiesa era costruita in cemento armato ed era stata consacrata nel 2006”.

La chiesa di San Francesco Saverio si trova in uno dei territori teatro dello scontro fra l’esercito governativo (Tatmadaw) e le milizie etiche ribelli degli Stati Kachin e Shan, confinanti con la Cina. Queste ultime sono due delle 135 etnie di cui il Myanmar è composto, che hanno sempre faticato a convivere in maniera pacifica con il governo centrale e la sua componente di maggioranza birmana. Divampata nel giugno 2011 dopo 17 anni di relativa calma, la guerra fra Tatmadaw e Kachin ha causato decine di vittime civili e almeno 120mila sfollati, che vivono in 167 campi profughi.

Da alcune settimane si è intensificata l’avanzata del Tatmadaw nei territori del nord-orientali. Le truppe di Naypyidaw utilizzano attacchi aerei e terrestri per colpire le postazioni delle milizie etniche, causando un numero indefinito di morti e arrestando civili in modo indiscriminato. L’arcivescovo di Yangon, il card. Charles Bo, ha più volte fatto appello a tutto il Paese affinché si cerchi la pace.

La distruzione della parrocchia della diocesi di Lashio, scrive mons. Za Hawng, ha costretto “i sacerdoti e le suore, insieme con i parrocchiani, a trovare rifugio oltre il confine cinese. Anche i residente della città sono scappati”. Da settimane il governo cinese ha predisposto alcune tendopoli per ospitare i profughi che provengono dal Myanmar (circa 3mila). I sacerdoti e le suore, continua il vescovo, “tornano ogni tanto in città per nutrire il bestiame, nei momenti di tregua negli scontri. Le strutture della parrocchia sono molto vicine al confine cinese”. Il luogo, spiega il presule, è interessato dai combattimenti perché “poco dopo la costruzione della chiesa è stato edificato un centro di comando dell’esercito governativo al lato opposto della strada”. Il messaggio di mons. Za Hawng finisce con un appello: “Chiunque legga queste righe, per favore preghi per la pace in Myanmar”.

La diocesi di Lashio è nata dall'opera di missionari italiani del Pontificio istituto missioni estere (Pime).

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Arrestati e sotto processo i due cristiani Kachin sequestrati dall’esercito birmano
26/01/2017 10:39
Shan, raccontano ai media il raid alla chiesa di san Francesco Saverio: scomparsi due cattolici
03/01/2017 13:31
Condanna e carcere per due pastori Kachin. Attivista cattolica: puniti per aver detto la verità
27/10/2017 12:03
Vescovo di Lashio: La mia diocesi, ferita dalla guerra e dalla droga
09/12/2016 15:08
Kachin, l’esercito minaccia i leader cristiani: 'Stop alle comunicazioni coi ribelli'
21/06/2018 08:53