24 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/12/2006, 00.00

    COREA SUD – NORD

    Seoul denuncia attività nucleare sospetta in Corea del Nord



    Un parlamentare d’opposizione parla di attività frenetica in un tunnel presso il monte Mantap, dove ha avuto luogo il test atomico del 9 ottobre scorso. A Pechino, colloqui a 6 sul disarmo atomico ancora senza frutto.
    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Attività sospette sono state registrate in un’area remota della Corea del Nord, la stessa in cui il regime ha effettuato il suo primo test atomico il 9 ottobre scorso. Lo ha denunciato ieri un parlamentare sudcoreano.
     
    Chung Hyung-keun, del partito di opposizione Grand National, ha spiegato nel corso di una riunione con i leader politici nazionali che “sin dall’inizio del mese, registriamo un’attività frenetica in un tunnel nei pressi del monte Mantap, a Punggyeri”. L’area, a 350 chilometri a nord-est da Pyongyang, è la stessa in cui il regime ha sperimentato l’atomica all’inizio di ottobre 2006.
     
    Chung ha aggiunto che “alcuni lavori di ingegneria su larga scala vanno avanti nel posto. Secondo i responsabili dei servizi di sicurezza occidentali, quello può essere il luogo dove il regime vuole effettuare un secondo test nucleare”.
     
    I commenti del parlamentare arrivano proprio mentre a Pecino si chiudono senza frutto i colloqui a 6 sul disarmo nucleare di Pyongyang Pechino. I colloqui, disertati dalla Corea del Nord per più di un anno, cercano di convincere in maniera pacifica Pyongyang a rinunciare al suo progetto nucleare e smantellare i reattori in uso.
     
    Secondo l’inviato americano ai colloqui, Cristopher Hill, i negoziatori coreani e statunitensi lavorano insieme per rendere di nuovo effettivo l’accordo congiunto siglato dalle 6 potenze – Cina, Russia, Giappone, Stati Uniti e le 2 Coree - nel settembre 2005. Questi garantiscono al governo nordcoreano aiuti umanitari e garanzie politiche in cambio del totale disarmo.
     
    Tuttavia, secondo un rappresentante di Seoul presente ai colloqui, la Corea del Nord “rifiuta ogni trattativa, se prima gli Stati Uniti non concedono la riapertura dei conti congelati al regime presso le banche di Macao”. Per Washington, quei conti servono a riciclare denaro ed a contraffare valuta Usa.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/09/2005 COREA DEL NORD
    Ancora incertezze al tavolo dei "colloqui a sei" sul nucleare


    19/01/2007 NORD COREA – USA
    Pyongyang, “progressi” con gli Usa sul nucleare
    Secondo il negoziatore nordcoreano, i colloqui bilaterali di Berlino hanno portato ad un accordo con Washington. Gli Usa non confermano e sottolineano che i dialoghi a 2 servono a preparare il tavolo del disarmo nucleare.

    13/02/2007 CINA – NORDCOREA
    Accordo “quasi completo" nei dialoghi sul nucleare di Pyongyang
    Secondo fonti diplomatiche, i colloqui a 6 in corso a Pechino avrebbero già prodotto un accordo, che sarà firmato oggi. Il testo prevede ingenti forniture di petrolio in cambio della chiusura dei reattori nucleari. Critiche fra gli addetti ai lavori.

    14/12/2006 COREA SUD – NORD
    Seoul: “Sul nucleare, pronti alla diplomazia”
    Il nuovo ministro degli Esteri di Seoul ne parla alla sua prima conferenza stampa ufficiale.

    26/09/2005 COREA DEL NORD
    Accordo sul nucleare di Pyongyang: faticoso, con qualche speranza

    Un minimo, buon risultato dopo quasi 3 anni di colloqui e di tensioni.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®