29 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/03/2017, 12.07

    CINA - TIBET

    Sichuan, internet bloccato per l’anniversario della rivolta nazionale tibetana



    Il bando è in vigore da ieri e durerà fino al 17 marzo. Le autorità di Pechino vogliono impedire alla popolazione tibetana di ricevere notizie di manifestazioni all’estero. In India la diaspora tibetana ha organizzato una marcia; in Nepal il governo ha proibito ogni commemorazione.

    Chengdu (AsiaNews) – Le autorità della provincia del Sichuan, nel sud-ovest della Cina, hanno bloccato l’utilizzo di internet nei giorni dell’anniversario della rivolta nazionale tibetana contro l’occupazione cinese del 1959. Il bando è entrato in vigore ieri, giorno in cui i tibetani in esilio commemorano la morte di migliaia di persone che si opponevano al regime di Pechino, e durerà fino al 17 marzo. L’obiettivo, hanno spiegato a Radio Free Asia alcuni residenti che vogliono rimanere anonimi, “è evitare che gli abitanti delle aree tibetane possano organizzare proteste contro il governo ispirandosi alle manifestazioni compiute dagli esiliati all’estero”.

    L’ordinanza n. 24 blocca l’accesso a internet in 10 contee della Kardze (in cinese Ganzi) Tibetan Autonomous Prefecture: Dartsedo (in cinese Kangding), Tawu (Daofu), Draggo (Luhuo), Kardze (Ganzi), Sershul (Shiqu), Dege (Dege), Palyul (Baiyu), Nyagrong (Xinlong), Lithang (Litang) e Bathang (Batang). Secondo un residente, “le autorità sono preoccupate che i tibetani possano creare problemi”. Un altro aggiunge che “internet è stato messo fuori servizio così i tibetani non possono vedere, sentire o leggere notizie di proteste o altre attività organizzate da coloro che si trovano in esilio”.

    Ogni anno la diaspora ricorda con marce e veglie la rivolta di Lhasa del 10 marzo 1959, quando 300mila tibetani insorsero per timore che il Dalai Lama fosse portato con la forza a Pechino. Nei successivi scontri l’esercito cinese massacrò in pochi giorni oltre 85mila tibetani, male armati e privi di addestramento militare. Il Dalai Lama fu costretto a fuggire in esilio e il governo dei tibetani esiliati si stabilì a Dharamshala, in India.

    Quest’anno le manifestazioni sono avvenute solo in India, mentre il governo di Kathmandu ha vietato ogni forma di commemorazione agli oltre 20mila tibetani che vivono in territorio nepalese.

    Per ribadire il controllo del governo, il 3 marzo scorso Pechino ha inviato a Lhasa 5mila militari e 1000 veicoli dell’esercito, che hanno marciato in parata. Il motivo, hanno dichiarato gli attivisti di Human Rights Watch (Hrw), “è scoraggiare le proteste pubbliche o l’espressione del dissenso”. Sophie Richardson, direttrice per la Cina di Hrw, afferma: “Le autorità cinesi ancora una volta interrompono i viaggi e fanno parate militari per costringere al silenzio la popolazione tibetana. Il progresso nei diritti umani avverrà solo quando il governo cinese sostituirà le sue tattiche intimidatorie con un approccio più aperto all’informazione, all’espressione e alle forme pacifiche del dissenso”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2009 CINA - TIBET
    Osservatori internazionali per fermare le falsità della Cina sul Tibet
    Legge marziale, arresti, violenze, monasteri controllati: questa è la “pace” del Tibet decantata da Wen Jiabao. Nei dialoghi Cina-Tibet occorrono osservatori internazionali e stampa per verificare le reali intenzioni di Pechino. Il ricatto economico della Cina verso tutte le diplomazie mondiali. La campagna di offese contro il Dalai Lama accresce la protesta.

    22/05/2008 TIBET – CINA
    Dharamsala: stop alle proteste anti-cinesi, rispetto per le vittime del Sichuan
    Il governo tibetano in esilio ha chiesto agli esuli sparsi in tutto il mondo di fermare ogni protesta almeno fino alla fine di maggio. Il Dalai Lama appoggia la decisione e loda “i segni di apertura” che provengono da Pechino. Attivista tibetano: non dimentichiamo chi soffre per la repressione comunista, continuiamo sulla nostra strada.

    05/06/2008 INDIA – TIBET – CINA
    Il Dalai Lama guida la preghiera per le vittime del Sichuan
    Il leader buddista ha espresso le sue condoglianze al governo cinese per il disastroso sisma, ed ha commemorato insieme al governo tibetano in esilio tutte le vittime. In Tibet, la polizia circonda i monasteri ed accusa i “separatisti” di preparare attentati.

    10/03/2015 CINA - TIBET - NEPAL
    La Cina attacca il Dalai Lama: sulla reincarnazione profana il buddismo tibetano
    Il prossimo governatore del Tibet si scaglia contro il Nobel per la pace: "Le sue dichiarazioni sulla reincarnazione sono ipocrite e contrarie alla religione. È il governo centrale cinese che riconosce e approva il vertice del buddismo". In Nepal le autorità proibiscono "ogni manifestazione" per ricordare la fallita insurrezione del Tibet.

    23/02/2009 TIBET - CINA
    Per la festa del Capodanno tibetano, le autorità cinesi bloccano internet
    Già proibito l’accesso agli stranieri, la regione è sempre più isolata dal mondo. Pechino ammassa soldati nella zona, pronti a reprimere ogni protesta.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®