30 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/11/2016, 11.34

    PAKISTAN

    Sindh, “positiva e incoraggiante” l’approvazione della legge contro le conversioni forzate

    Shafique Khokhar

    La normativa è stata proposta da un gruppo islamico e approvata all’unanimità. Attivisti cristiani e musulmani sottolineano i risvolti positivi. Previste pene per i trasgressori e per chi celebra matrimoni forzati. Il processo da adire entro 90 giorni dalla denuncia; minori che si convertono prima dei 18 anni non saranno giudicati.

    Karachi (AsiaNews) – L’Assemblea della provincia del Sindh ha approvato all’unanimità la legge che punisce le conversioni forzate, con pene fino all’ergastolo. Si tratta di una vera svolta per il Pakistan, dove da tempo si discute di come arginare le conversioni estorte con la forza e garantire il rispetto di ogni confessione e la libertà di professare la propria fede senza restrizioni. Rana Mohammad Kashif, attivista musulmano e coordinatore del South Asia Partnership Pakistan, afferma ad AsiaNews: “È un atto davvero positivo per la legislatura della provincia, perchè è diretto a proteggere e promuovere i diritti delle minoranze religiose in Pakistan. Sappiamo che le conversioni forzate sono un problema in tutto il Paese, e dilagano soprattutto nel Sindh. La legge migliorerà l’immagine della provincia nella comunità internazionale e aiuterà a frenare l’esodo delle minoranze che fuggono all’estero in cerca di protezione”.

    La Criminal Law (Protection of Minorities) è stata approvata ieri. Era stata proposta lo scorso anno da Nand Kumar, parlamentare del gruppo islamico moderato e centrista Pakistan Muslim League - Functional (Pml-F). Stabilisce che “le conversioni forzate sono un’offesa ripugnante e violenta […] che deve essere eliminata per riconoscere l’importanza della tolleranza, della pace e del rispetto di tutte le religioni e delle persone, a prescindere dalla loro fede”.

    D’ora in poi, chi si macchierà del crimine di conversione forzata, frequente nei matrimoni islamici dove la donna viene obbligata ad abbracciare la fede del marito, dovrà scontare da cinque anni di carcere fino all’ergastolo. Per quanto riguarda le conversioni dei minori, nessuno dovrà essere giudicato se la scelta viene fatta prima del raggiungimento della maggiore età (18 anni). Allo stesso modo, la conversione di un minore sarà riconosciuta dopo il compimento del 18mo anno.

    Arifa Shakeel, attivista cristiana e coordinatrice della Commissione nazionale giustizia e pace (Ncjp), spiega che le “conversioni forzate delle donne sono una questione critica per il Pakistan, che richiede attenzione socio-politica. Ora il governo deve garantire la piena applicazione della normativa. In tal modo potrà essere adottata anche dalle altre province”. “Ritengo che adesso – aggiunge – le forze di polizia debbano essere sensibilizzate ed educate al male delle conversioni estorte con la violenza. Non c’è alcuna gloria nel convertire una ragazza minorenne appartenente ad una comunità emarginata”.

    Samson Salamat, presidente cristiano del Rwadari Tehreek (Movimento per la tolleranza), riferisce che “in passato ci sono stati molti casi di mancata applicazione dei meccanismi della legge. Perciò il governo del Sindh deve lavorare a stretto contatto con la società civile e gli esperti dei diritti delle minoranze”.

    A proposito della legge, Cecil Shane Chaudhry, direttore esecutivo della Ncjp, ritiene che sia “scritta in modo dettagliato. Prevede delle punizioni per i colpevoli e per coloro che si rendono complici celebrando i matrimoni. Obbliga anche al pagamento di risarcimenti per la vittima e sostegno durante il processo”. Il fatto poi che il processo si debba aprire entro 90 giorni dalla denuncia, continua, “è incoraggiante”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/01/2017 11:55:00 PAKISTAN
    Sindh, il governo respinge la legge contro le conversioni forzate. Cristiani e indù: grande delusione

    A novembre la norma era stata approvata all’unanimità dall’Assemblea provinciale. Rendeva illegali le conversioni estorte al di sotto dei 18 anni e nel matrimonio. Ogni anno 1000 ragazze sono costrette a ripudiare la propria fede. Tra i deputati che hanno redatto la legge, 13 hanno ricevuto minacce di morte.



    21/10/2016 12:59:00 PAKISTAN
    Pakistan, al vaglio due leggi a favore delle minoranze e contro le conversioni forzate

    Si tratta del disegno di legge che crea una “Commissione per i diritti delle minoranze” e la “Legge per la protezione delle minoranze 2016”. Quest’ultima ammette tra i reati le conversioni forzate. I promotori sono “consapevoli dei problemi sociali”, come le conversioni estorte alle donne indù e cristiane che vengono rapite, violentate e ridotte in schiavitù dai musulmani.



    19/04/2012 PAKISTAN
    Devono tornare dai mariti musulmani le tre ragazze indù costrette a convertirsi
    Lo ha deciso la Corte suprema pakistana. Le tre erano state rapite in febbraio nella provincia del Sindh e costrette a sposare uomini musulmani. Familiari denunciano le pressioni dei potenti gruppi musulmani. Le giovani sono state minacciate di morte.

    23/12/2004 INDIA
    Orissa: governo e integralisti indù contro i cristiani

    Il vescovo di Balasore si appella al governo centrale. Polizia e media diffondono notizie false sulle conversioni forzate per giustificare violenze contro i cristiani.



    24/05/2016 14:54:00 PAKISTAN
    Lahore, nuova legge sul divorzio per i cristiani “elimina le discriminazioni” matrimoniali

    L’Alta corte ha deciso di ripristinare la legge del 1869, emendata nel 1981 dal generale Zia. La modifica permetteva alle coppie cristiane di divorziare solo in caso di adulterio. La legge del 1981 “incatenava” le donne in matrimoni violenti o poligami. I cristiani che volevano sciogliere il matrimonio erano costretti a convertirsi all’islam.





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®