26 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/10/2016, 12.59

    PAKISTAN

    Pakistan, al vaglio due leggi a favore delle minoranze e contro le conversioni forzate

    Peter Jacob

    Si tratta del disegno di legge che crea una “Commissione per i diritti delle minoranze” e la “Legge per la protezione delle minoranze 2016”. Quest’ultima ammette tra i reati le conversioni forzate. I promotori sono “consapevoli dei problemi sociali”, come le conversioni estorte alle donne indù e cristiane che vengono rapite, violentate e ridotte in schiavitù dai musulmani.

    Islamabad (AsiaNews) – A settembre il presidente dell’Assemblea nazionale ha accolto per la discussione due disegni di legge che affrontano il delicato tema delle minoranze religiose, che potrebbero essere tradotte in legge dal Parlamento. Una riguarda l’istituzione di una “Commissione per i diritti delle minoranze del Pakistan”; l’altra è la “Legge per la protezione delle minoranze 2016”, che definisce come reato le conversioni forzate.

    La legge che crea la Commissione pone le basi di un istituto indipendente, autorizzato a deliberare sulle questioni che riguardano i diritti umani. Per esempio, prevede un organo formato da 11 membri di diverse religioni, etnie, sesso ed età, e cosa più importante, che non escluda membri che rappresentano la comunità di maggioranza. Tutto questo perché l’obiettivo è integrare la cittadinanza superando le divisioni religiose. Oltre che rappresentativa, la Commissione dovrebbe essere un organo effettivo per ridurre le violazioni dei diritti umani: una questione che si ritrova in tutto lo schema della legge, e non solo nella sua composizione.

    Ci si aspetta che nel dibattito i parlamentari e la società civile tengano a mente di affrontare ogni difetto e rendano il disegno di legge degno di gettare le fondamenta di questa istituzione attesa per lungo tempo. Ad esempio, la sezione 25 del disegno di legge indica in un anno il limite di tempo dato a questa commissione per evidenziare le difficoltà che devono essere rimosse per adempiere alle funzioni, dati gli obiettivi. Una clausola provvisoria potrebbe essere di ostacolo ai poteri procedurali di una istituzione che si evolve. Questa dovrebbe estendere il rispetto dei diritti umani in un ambiente ostile. Pertanto questi limiti dovrebbero essere rimossi. Inoltre è stato suggerito che la realizzazione dell’eguaglianza dei diritti tra i cittadini necessita di una precisa menzione tra gli obiettivi della Commissione.

    Il disegno di legge che affronta il tema delle conversioni forzate è una bozza ben articolata. Prendiamo la sezione 4, che stabilisce che “un minore che vuole cambiare la propria religione prima di aver raggiunto la maggiore età (18 anni) non deve essere giudicato per il suo proposito di cambiare credo e nessuna azione deve essere intrapresa contro di lui per tale dichiarazione o azione fatta dal minore”. In due frasi, sebbene ci sia un margine di apprezzamento per la realtà concreta, la sezione rispetta i requisiti di due principi della legge internazionale: la libertà di religione e credo e il miglior interesse del minore.

    Sembra che coloro che hanno redatto la legge siano consapevoli del numero di casi riportati di conversioni forzate che coinvolgono minori, di solito donne che vengono rapite, violentate e costrette a contrarre matrimonio e alla fine ridotte in schiavitù. Inoltre, vi è la minaccia di essere accusati di apostasia nel caso in cui una persona convertita a forza vi si opponga in seguito. Tali violazioni che comportano l’abuso della religione alimentano processi sociali di più ampio estremismo religioso e l’esclusione delle minoranze. Pertanto il disegno di legge è uno sviluppo ben accolto.

    Le leggi contro le conversioni forzate in Sri Lanka e in alcuni Stati dell’india sono guidate dalla paura delle comunità maggioritarie di perdere i propri membri per l’aumento delle fedi di minoranza. Il Pakistan non corre tale pericolo. La composizione demografica del Pakistan suggerisce la necessità di preservare le sue minoranze religiose in declino.

    Sanjay Pervani, promotore dei disegni di legge, e i suoi consulenti legali meritano di essere elogiati per il loro duro lavoro, come per aver compreso le varie sfumature delle questioni interne, delle leggi nazionali e internazionali.

    A febbraio, quando è stato presentato il Piano di azione per i diritti umani, il governo federale si è impegnato a far avanzare la legislazione sulla creazione di una Commissione nazionale per le minoranze. In realtà il governo aveva già trasgredito l’ordinanza della Corte suprema del 2014, che imponeva di formare un consiglio per monitorare il rispetto dei diritti delle minoranze e la formazione di una linea politica.

    Ora che l’opposizione si mostra pronta a condividere questa scelta, il governo deve cogliere l’opportunità di una veloce approvazione del disegno di legge. Il Pakistan è già il fanalino di coda rispetto agli altri Paesi della regione asiatica. Inoltre, le istituzioni per i diritti umani dimostrano un enorme potenziale nell’aiutare i Paesi nella transizione o nelle riforme socio-politiche.

    Nonostante tutte le difficoltà, di recente le Commissioni nazionali e provinciali sullo status delle donne e le Commissioni sul diritto di informazione hanno fatto importanti passi avanti nelle rispettive aree. L’istituzionalizzazione dei diritti delle minoranze non solo riabiliterà le minoranze in quanto “uguali”, ma potrà anche contrastare lo squilibrio esistente e la discriminazioni sulla base alla religione. Il prossimo passo sarà fare nomine appropriate e tempestive, che è una sfida non attribuibile alla mancanza di risorse umane competenti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/11/2016 11:34:00 PAKISTAN
    Sindh, “positiva e incoraggiante” l’approvazione della legge contro le conversioni forzate

    La normativa è stata proposta da un gruppo islamico e approvata all’unanimità. Attivisti cristiani e musulmani sottolineano i risvolti positivi. Previste pene per i trasgressori e per chi celebra matrimoni forzati. Il processo da adire entro 90 giorni dalla denuncia; minori che si convertono prima dei 18 anni non saranno giudicati.



    19/04/2012 PAKISTAN
    Devono tornare dai mariti musulmani le tre ragazze indù costrette a convertirsi
    Lo ha deciso la Corte suprema pakistana. Le tre erano state rapite in febbraio nella provincia del Sindh e costrette a sposare uomini musulmani. Familiari denunciano le pressioni dei potenti gruppi musulmani. Le giovani sono state minacciate di morte.

    09/01/2017 11:55:00 PAKISTAN
    Sindh, il governo respinge la legge contro le conversioni forzate. Cristiani e indù: grande delusione

    A novembre la norma era stata approvata all’unanimità dall’Assemblea provinciale. Rendeva illegali le conversioni estorte al di sotto dei 18 anni e nel matrimonio. Ogni anno 1000 ragazze sono costrette a ripudiare la propria fede. Tra i deputati che hanno redatto la legge, 13 hanno ricevuto minacce di morte.



    23/12/2004 INDIA
    Orissa: governo e integralisti indù contro i cristiani

    Il vescovo di Balasore si appella al governo centrale. Polizia e media diffondono notizie false sulle conversioni forzate per giustificare violenze contro i cristiani.



    24/05/2016 14:54:00 PAKISTAN
    Lahore, nuova legge sul divorzio per i cristiani “elimina le discriminazioni” matrimoniali

    L’Alta corte ha deciso di ripristinare la legge del 1869, emendata nel 1981 dal generale Zia. La modifica permetteva alle coppie cristiane di divorziare solo in caso di adulterio. La legge del 1981 “incatenava” le donne in matrimoni violenti o poligami. I cristiani che volevano sciogliere il matrimonio erano costretti a convertirsi all’islam.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®