16 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/09/2011
SIRIA
Siria, il Paese scivola verso la guerra civile. L'opposizione si arma
di JPG
Continuano le divisioni fra i vari gruppi di opposizione fuori dei confini e all'interno; si discute sull'opportunità di un intervento straniero. Fra gli oppositori cresce il favore verso l'opzione militare. La battaglia di Rastan.

Damasco (AsiaNews) – Le divisioni dell'opposizione al regime del presidente Bashar Al-Assad continuano; anzi, aumentano. I principali temi di disaccordo riguardano il dilemma "rivoluzione pacifica oppure lotta armata", e le modalità dell'appoggio o dell'intervento di altri Paesi. Da parte dell'opposizione interna vi sono stati appelli ad accettare il ruolo direttivo del "Consiglio Nazionale Siriano", formato ad Istanbul lo scorso mese d'agosto. Ma il 29 settembre lo scrittore Michel Kilo, greco-ortodosso, da anni rispettata figura dell'opposizione, uno degli ispiratori del "Comitato Nazionale per il Cambio Democratico" recentemente formato in Siria, ha dichiarato all'Agence France-Presse locale che molti oppositori dell'interno rifiutano le direttive del "Consiglio Nazionale Siriano". Secondo Kilo, il suddetto Consiglio è favorevole all'intervento (militare) straniero in Siria, intervento rifiutato secondo lui dalla maggioranza dell'opposizione interna.

L'altro tema è quello della lotta armata. Un crescente numero di oppositori crede che sia necessaria per ottenere la caduta dell'attuale regime, perché sei mesi di "rivoluzione pacifica" non sembrano aver avuto successo. Di fatto, la lotta armata è già in atto in diversi punti della geografia siriana, specialmente nella provincia di Homs, e concretamente nella cittadina di Rastan, dove si sono riuniti numerosi militari che hanno "disertato" per motivi di coscienza. Gli scontri sono durati diversi giorni. Ieri sera l’agenzia stampa statale Sana diceva che "dopo un'operazione congiunta dell'esercito e delle forze dell'ordine a Rastan numerosi terroristi armati sono stati liquidati ed altri arrestati con le loro armi, munizioni ed esplosivi", mentre sono morti sette militari, tra i quali due ufficiali, e sono stati feriti altri 32 militari, tra i quali sette ufficiali. Sana, inoltre, smentisce che l'aviazione militare sia intervenuta, contrariamente a quello affermato da diversi media non siriani.

Tra il regime e l'opposizione è in atto anche una vera guerra verbale, per esempio quella riguardo alla morte, negli ultimi giorni, di diverse personalità del mondo scientifico e militare nella città di Homs; il regime dice che sono stati vittime dei "terroristi armati", mentre le fonti dell'opposizione accusano membri dei servizi segreti e della milizia pro-Assad dei "Shabiha". La televisione siriana ha pure fatto vedere e sentire, il 29 settembre, la confessione di un "terrorista" pentito, il quale ha detto di essere stato complice di uno di quelli assassini. Ormai, la "confessione" di qualcuno di quei "pentiti" fa parte della programmazione quotidiana dei telegiornali damasceni oltre ai funerali militari di quelli che sono caduti in difesa del regime.

La "guerra verbale", da parte del regime, si realizza pure attraverso un "Esercito Elettronico Siriano", costituito da qualche mese con l'appoggio del governo e formato da "volontari" che lottano sulla rete per "difendere la Patria" contro le "bugie" che circolano per opera di certe televisioni (cioè "Al-Jazeera", "Al-Arabiya", ecc.) o di websites e informazioni di Facebook. C'è pure, destinato a difendere la Siria nei Paesi arabi, un nuovo website (Arabsyria.com).

Continua anche la polemica delle cifre. Mentre l'ONU dice che, da marzo, in Siria sono stati uccisi più di 2.700 civili (tra i quali un centinaio di bambini), la dottoressa Butheina Chaaban, consigliera del presidente Assad per la politica e l'informazione, risponde che sono stati uccisi 700 militari e membri delle forze dell'ordine e 700 "ribelli", ma non dice niente dei morti che non sono né militari, né poliziotti, né "ribelli", ma semplici cittadini che hanno avuto la sfortuna di abitare in un quartiere oppure in un villaggio bombardato dall'artiglieria; oppure di partecipare a funerali che sono stati occasioni di interventi militari.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/12/2011 SIRIA
Osservatori della Lega Araba a Damasco. Nuovo bagno di sangue a Homs
28/09/2011 SIRIA
Vertice islamo-cristiano a Beirut sulla Siria: no alla deriva islamica radicale
di JPG
07/09/2011 SIRIA
La Siria e il "no" alla Lega araba: è in gioco il panarabismo
di JPG
12/09/2011 SIRIA - LIBANO
Assad, forse un’intesa con la Lega Araba. Beshara Rai applaudito da Damasco
di JPG
30/12/2011 SIRIA
Siria: proteste contro il capo degli osservatori implicato nel genocidio in Darfur

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate