01/04/2011, 00.00
VATICANO - LIBIA
Invia ad un amico

Sirte, muoiono otto civili sotto i bombardamenti. Vicario apostolico: “Pregate per la Libia”

Intervistato da AsiaNews, Mons. Martinelli, sottolinea che la popolazione sta soffrendo a causa dell’operazione militare Nato contro il regime di Gheddafi. Nelle città colpite mancano acqua, cibo e carburante. Il prelato dichiara che la Chiesa resta al servizio del popolo libico e dei molti migranti cristiani presenti nel Paese. “Se lo scopo è quello di difendere la vita civile – afferma - la stanno invece distruggendo”.
Tripoli (AsiaNews) – I bombardamenti Nato in Libia fanno altre otto vittime fra i civili a Sirte, soprattutto donne e bambini, e oltre 40 morti fra le file dei militari di Gheddafi. Lo conferma ad AsiaNews mons. Giovanni Innocenzo Martinelli, vicario apostolico di Tripoli. “Gli effetti della guerra si fanno sentire – racconta il prelato – nella città iniziano a scarseggiare  acqua, cibo e carburante”. Mons. Martinelli sottolinea che le bombe stanno stremando la popolazione.

“Oggi – continua – vi sono stati oltre 50 aborti nell’ospedale di Tripoli, a causa dei traumi della guerra”. Secondo l’arcivescovo “una bomba non può distruggere un sito militare chirurgicamente, ma ha conseguenze imprevedibili, può colpire persone innocenti, abitazioni e ospedali. Se lo scopo è quello di difendere la vita civile la stanno invece distruggendo”.

Nonostante i combattimenti e le esplosioni, mons. Martinelli spiega che la Chiesa è molto presente e continua il suo lavoro, soprattutto fra i molti migranti cristiani rimasti in Libia per prestare il loro servizio negli ospedali e nelle opere sociali.  “La gente – afferma - viene in chiesa, quelli che ci sono sentono il bisogno di rifornirsi spiritualmente, di stare insieme.  Oggi oltre 200 persone hanno partecipato alla messa che celebriamo ogni venerdì, giorno di festa per i musulmani”.  

Il prelato sottolinea che a tutt’oggi la Chiesa non soffre in modo diretto, vi è soprattutto tristezza per quanto sta accadendo. “Noi siamo al servizio del popolo libico – spiega -  oltre alle religiose che lavorano nel campo sociale e ospedaliero, ci sono anche tante ragazze filippine cristiane che lavorano negli ospedali. Per loro è una sofferenza dover vivere e servire la popolazione in questa realtà difficile nei vari ospedali della Libia”. Secondo il prelato il ruolo della Chiesa in questa guerra è quello di dare testimonianza di un servizio di amore e carità, soprattutto verso i feriti e coloro che soffrono.

Sul piano degli aiuti umanitari, mons. Martinelli sottolinea che al momento la politica internazionale non permette interferenze. “La Libia è considerato un Paese ricco, tuttavia la Chiesa accetta offerte soprattutto per i migranti stranieri, che grazie ad aiuti indiretti sono riusciti a fare ritorno nei loro Paesi”. 

Mons. Martinelli lancia un appello e invita tutti i cristiani e pregare per la Libia. “Solo la forza della preghiera può dare una scossa all’uomo nella sua volontà di perseguire nella guerra e nella violenza”. Riprendendo le parole pronunciate dal papa lo scorso 27 marzo all’Angelus, il prelato afferma che “la guerra deve terminare, o almeno deve esserci una tregua. Affinché le parti in causa possano incontrarsi per accordarsi per la fine delle ostilità, sensibilizzando soprattutto l’Unione africana”. (S.C.)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Si cerca una soluzione politica. Vescovo di Tripoli: non dimenticate Gheddafi
05/05/2011
La popolazione di Tripoli ha paura delle bombe. Il no di Gheddafi al dialogo
23/06/2011
Vescovo di Tripoli: La Nato bombarda una chiesa copta. Vittime fra i civili
01/06/2011
Aumentano i raid Nato su Tripoli. Tre morti e oltre 150 feriti
24/05/2011
Crisi economica e sete di denaro le vere ragioni della guerra in Libia
23/05/2011