19 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/07/2012
VATICANO
Soddisfazione del Vaticano per la "promozione" dell'Europa alle sue misure antiriciclaggio
Il rapporto Moneyval esprime un giudizio positivo soprattutto sulle misure antiriciclaggio e chiede di rafforzare il regime di vigilanza. Mons. Balestrero: "per la Santa Sede questo percorso rappresenta, anzitutto, un impegno morale e non strettamente tecnico". E' "un passo definitivo, ponendo le fondamenta di una 'casa'". "Ora vogliamo costruire compiutamente un "edificio" che dimostri la volontà della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano di essere un "partner" affidabile nella comunità internazionale".

Città del Vaticano (AsiaNews) - "Soddisfazione per i risultati raggiunti, temperata dalla consapevolezza di ciò che si deve ancora compiere": è il giudizio che il Vaticano dà sulle conclusioni del rapporto Moneyval di valutazione sulle misure di prevenzione del riciclaggio del denaro e del finanziamento del terrorismo adottate dalla Santa Sede/Stato della Città del Vaticano (nella foto: la sede dello Ior).

Il giudizio è stato espresso oggi da mons. Ettore Balestrero, sottosegretario per i Rapporti con gli Stati, in quanto capo della delegazione della Santa Sede nella Sessione plenaria di Moneyval - il Comitato di esperti del Consiglio d'Europa per la valutazione delle misure di lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo - che ha approvato il primo Rapporto di valutazione sulle misure adottate, in tali materie, dal Vaticano.

"Per la Santa Sede - ha detto mons. Balestrero che ha tenuto un briefing - questo percorso rappresenta, anzitutto, un impegno morale e non strettamente tecnico. Come afferma Papa Benedetto XVI nel Motu Proprio del 30 dicembre 2010, 'molto opportunamente la comunità internazionale si sta sempre più dotando di principi e strumenti giuridici che permettano di prevenire e contrastare il fenomeno del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo'. E' pertanto giusto che la Santa Sede condivida tali sforzi, adottando e 'facendo proprie' tali regole, utili anche 'allo svolgimento della propria missione'".

"Come chiarito nella richiesta di valutazione da parte di Moneyval, effettuata dalla Segretaria di Stato, la Santa Sede è convinta che il proprio impegno sul piano morale debba essere accompagnato dalla conformità e dall'effettiva attuazione degli standard internazionali per la lotta del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. La conformità e l'attuazione effettiva degli standard internazionali sono del resto ciò che rende concreto l'impegno morale".

"Il Rapporto pubblicato oggi rappresenta quindi non la fine, bensì una pietra miliare nel nostro costante impegno di coniugare l'impegno morale con l'eccellenza tecnica. Abbiamo, pertanto, compiuto un passo definitivo, ponendo le fondamenta di una "casa", ossia di un sistema di lotta al riciclaggio ed al finanziamento del terrorismo, che sia solido e sostenibile. Ora vogliamo costruire compiutamente un "edificio" che dimostri la volontà della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano di essere un "partner" affidabile nella comunità internazionale".

In concreto, il Vaticano ottiene un giudizio positivo ("largamente conforme" o "conforme") in nove delle 16 raccomandazioni centrali del Gafi, Gruppo d'azione finanziaria di intervento, soprattutto in materia di riciclaggio. Ma restano questioni da risolvere, soprattutto sui controlli. In particolare Moneyval  "invita la Santa Sede a rafforzare il proprio regime di vigilanza".

A giudizio di padre Federico Lombardi, direttore della Sala stampa della Santa Sede, il giudizio di Moneyval sul Vaticano costituisce "un momento storico, ma sono molte le cose da fare. Ma il confronto del Vaticano con un mondo esterno di persone competenti, rappresenta un fatto storico. Certo, leggendo il rapporto rimane molto lavoro da fare".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
22/05/2013 VATICANO
Il Vaticano prosegue l'azione per la prevenzione e il contrasto del riciclaggio
19/05/2014 VATICANO
"Rafforzamento significativo" dei controlli del Vaticano contro riciclaggio e crimini finanziari
30/12/2010 VATICANO
Papa: nuove leggi per la trasparenza, l’onestà e la responsabilità in campo finanziario
11/07/2013 VATICANO
Nuove norme penali in Vaticano: stretta per i delitti contro i minori, il riciclaggio e la corruzione
10/04/2014 VATICANO
Papa: la "dittatura del pensiero unico" sopprime "la libertà delle coscienze, il rapporto della gente con Dio"

In evidenza
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”
ASIA
Pasqua: il silenzio degli innocenti e il bavaglio
di Bernardo CervelleraLe violazioni alla libertà religiosa e l'atteggiamento ipocrita dell'Occidente su questo argomento rischiano di trascinare il mondo in un caos mai visto prima. Ma anche nel silenzio – della morte accettata per amore o inflitta dal potere – Dio opera. Una speranza indistruttibile sorge al mattino di Pasqua e una piccola apertura del cuore basta per invadere in un attimo tutta la vita. Buona Pasqua.
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate