31 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/03/2005
iraq
Sondaggio: gli iracheni non vogliono la sharia nella Costituzione
Protezione dei diritti umani e libertà religiosa e d'espressione i valoro più richiesti nella nuova Carta.

Baghdad (AsiaNews) – La Costituzione irachena deve assicurare l’identità musulmana dell’Iraq ma non deve introdurre la sharia, la legge islamica. E’ il risultato di un sondaggio realizzato in Iraq dall’International Republican Institute di Washigton nelle ultime settimane e reso noto pochi giorni fa.

La ricerca riguarda 1967 individui in 15 delle 18 province del Paese, escluse due a maggioranza sunnita (Al-Anbar, la zona di Ramadi; Ninive, quella di Mosul), e quella curda di Dohuk.

Il sondaggio evidenzia che per il 22,3% degli iracheni l’assicurazione dell’identità islamica del Paese deve essere il punto più importante nella futura costituzione. Seguono la protezione dei diritti umani (13,8%), la libertà di praticare liberamente la propria religione (10,8%) e la libertà d’espressione (8,9%). L’attuazione della sharia è chiesta solo dal 4,4% della gente.

Secondo i risultati del sondaggio, l’Iraq sta andando “nella giusta direzione” per il 61,5% degli intervistati; non è così per il 23,2% di loro. La percentuale dei pessimisti sul futuro del paese era molto più alta a ottobre scorso, quando superava con il 45,3% il 41,9 % di chi vedeva positivamente il futuro dell’Iraq. Interessante a questo riguardo le risposte nelle zone sunnite dove il 32,7% degli intervistati oggi si dichiara ottimista per l’avvenire dell’Iraq; prima delle elezioni di gennaio tale fascia era solo del 12%.

Tra i vari dati, il 53,2% degli iracheni interpellati temono per la sicurezza personale, il 65,7% si dicono fiduciosi per il futuro. Il 43% smentisce che viveva meglio prima della guerra anglo-americana contro Saddam Hussein.

Il problema attuale più sentito dalla popolazione è la mancanza di energia elettrica (19,6%) e la sanità (17,5%). Il 10,7% considera la presenza delle truppe straniere il problema più grave per il Paese.

Gli esponenti politici iracheni ricevono scarso apprezzamento dalle persone intervistate: il 72,9% afferma che non ci sono partiti o figure politiche con il quale condivide valori o ideali, mentre le personalità religiose sono le più ascoltate nel processo politico, con un indice di gradimento del 7,81 su 10.

Gli intervistati danno larga fiducia all’Assemblea nazionale provvisoria che deve redigere la nuova costituzione: il 70% afferma che il parlamento - riunitosi ieri per la prima volta - rappresenterà il popolo iracheno nella sua totalità. (LF)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/01/2005 iraq
Inizia il voto per gli iracheni all'estero
14/03/2005 IRAQ
Rappresentante curdo: "Si prepara un nuovo Iraq per tutti"
19/08/2008 IRAQ
Kirkuk, leader cristiani e musulmani pregano per la pace nel Paese
15/03/2005 IRAQ
Iraq: fervono i negoziati per il nuovo governo
28/08/2008 IRAQ
Iraq, 650 medici raccolgono l’appello del governo e rientrano in patria

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate