23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/03/2005, 00.00

    iraq

    Sondaggio: gli iracheni non vogliono la sharia nella Costituzione



    Protezione dei diritti umani e libertà religiosa e d'espressione i valoro più richiesti nella nuova Carta.

    Baghdad (AsiaNews) – La Costituzione irachena deve assicurare l’identità musulmana dell’Iraq ma non deve introdurre la sharia, la legge islamica. E’ il risultato di un sondaggio realizzato in Iraq dall’International Republican Institute di Washigton nelle ultime settimane e reso noto pochi giorni fa.

    La ricerca riguarda 1967 individui in 15 delle 18 province del Paese, escluse due a maggioranza sunnita (Al-Anbar, la zona di Ramadi; Ninive, quella di Mosul), e quella curda di Dohuk.

    Il sondaggio evidenzia che per il 22,3% degli iracheni l’assicurazione dell’identità islamica del Paese deve essere il punto più importante nella futura costituzione. Seguono la protezione dei diritti umani (13,8%), la libertà di praticare liberamente la propria religione (10,8%) e la libertà d’espressione (8,9%). L’attuazione della sharia è chiesta solo dal 4,4% della gente.

    Secondo i risultati del sondaggio, l’Iraq sta andando “nella giusta direzione” per il 61,5% degli intervistati; non è così per il 23,2% di loro. La percentuale dei pessimisti sul futuro del paese era molto più alta a ottobre scorso, quando superava con il 45,3% il 41,9 % di chi vedeva positivamente il futuro dell’Iraq. Interessante a questo riguardo le risposte nelle zone sunnite dove il 32,7% degli intervistati oggi si dichiara ottimista per l’avvenire dell’Iraq; prima delle elezioni di gennaio tale fascia era solo del 12%.

    Tra i vari dati, il 53,2% degli iracheni interpellati temono per la sicurezza personale, il 65,7% si dicono fiduciosi per il futuro. Il 43% smentisce che viveva meglio prima della guerra anglo-americana contro Saddam Hussein.

    Il problema attuale più sentito dalla popolazione è la mancanza di energia elettrica (19,6%) e la sanità (17,5%). Il 10,7% considera la presenza delle truppe straniere il problema più grave per il Paese.

    Gli esponenti politici iracheni ricevono scarso apprezzamento dalle persone intervistate: il 72,9% afferma che non ci sono partiti o figure politiche con il quale condivide valori o ideali, mentre le personalità religiose sono le più ascoltate nel processo politico, con un indice di gradimento del 7,81 su 10.

    Gli intervistati danno larga fiducia all’Assemblea nazionale provvisoria che deve redigere la nuova costituzione: il 70% afferma che il parlamento - riunitosi ieri per la prima volta - rappresenterà il popolo iracheno nella sua totalità. (LF)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/01/2005 iraq
    Inizia il voto per gli iracheni all'estero

    Primi a votare gli emigrati in Australia: "La mia scheda per la democrazia".



    14/03/2005 IRAQ
    Rappresentante curdo: "Si prepara un nuovo Iraq per tutti"

    Saywan Barzani è ottimista anche dopo gli attriti tra blocco curdo e alleanza sciita sulla formazione del nuovo Governo. Tra le questioni in sospeso: il ritorno a Kirkuk dei deportati curdi.



    19/08/2008 IRAQ
    Kirkuk, leader cristiani e musulmani pregano per la pace nel Paese
    Nel Kurdistan iracheno leader cristiani, sunniti, sciiti e kurdi hanno pregato insieme nella mosche sunnita di al Rashid per chiedere “la fine delle violenze”. Segnali di speranza che testimoniano la volontà comune di ricostruire il Paese, nonostante continuino attentati e omicidi mirati.

    10/12/2004 iraq
    Iraq, prorogata la presentazione delle liste elettorali

    Gli ulema condannano gli attentati contro le chiese, ma pensano che i sunniti non andranno a votare, mentre Allawi nega di volere elezioni scaglionate e Al Sadr non fa parte della lista di Al Sistani.



    28/08/2008 IRAQ
    Iraq, 650 medici raccolgono l’appello del governo e rientrano in patria
    Il sistema sanitario ha attraversato una crisi profonda a causa della fuga del personale medico. Oggi arriva un piccolo segnale di speranza, anche se restano le difficoltà: a fronte della necessità di 100mila sanitari, sono solo in 16mila, fra medici e paramedici.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®