18/05/2006, 00.00
AFGHANISTAN
Invia ad un amico

Sono a Kabul le suore di Madre Teresa

Inaugurata la casa delle Missionarie della Carità nella capitale afghana; le quattro religiose hanno già cominciato l'impegno verso i bambini di strada.

Kabul (AsiaNews) – Quattro suore di Madre Teresa sono arrivate a Kabul, hanno aperto la loro casa e iniziato a raccogliere i bambini più bisognosi dalla strada. Da un anno si attendeva il loro ingresso nel Paese e lo scorso 10 aprile si è costituita la comunità. Padre Giuseppe Moretti, Superiore della missio sui iuris dell'Afghanistan, ha benedetto la loro casa il 9 maggio. Le Missionarie della Carità non hanno al momento linea telefonica ed è p. Moretti a raccontare ad AsiaNews che la loro presenza fino ad ora "non ha suscitato nessuna opposizione, come invece qualcuno immaginava".

Le suore, tutte di  nazionalità diversa, girano per la città con il loro sari bianco e azzurro, tra i burqa azzuri delle donne afgane. Il loro abito è un chiaro segno di appartenenza religiosa. Molti temevano che questo avrebbe creato problemi con gli integralisti islamici, in un Paese al 99% musulmano.

"Hanno cominciato già a dedicarsi ai bambini, la cui condizione nel Paese è a livelli gravissimi, prendendo con sé alcuni ragazzi dalla strada" racconta p. Moretti. Il sacerdote è sicuro che "le suore di Madre Teresa, verranno rispettate e amate come le Piccole sorelle di Gesù, che da 46 anni operano con discrezione negli ospedali e sono ben volute dagli afghani".

Proprio una delle Piccole sorelle di Gesù, una suora giapponese che lavora nel reparto pediatrico in un grande ospedale di Kabul, riferisce di un segnale positivo. "Ieri, in occasione della festa delle infermiere, il direttore dell'ospedale - un musulmano - ha invitato lo staff ad avere Madre Teresa come esempio; ha detto che come lei bisogna prendersi cura di tutti con lo stesso impegno, al di là delle razze e delle religioni".

Già mesi fa AsiaNews aveva registrato un altro importante segnale della stima e del rispetto che anche i musulmani nutrono per le Missionarie della Carità. Ad ottobre scorso lo stesso ambasciatore afghano in Pakistan, incontrando le suore di madre Teresa ancora in attesa del visto per entrare in Afghanistan, aveva assicurato che sarebbe stato 'un onore' il poterle aiutare. (MA)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sr Nirmala testimone di Cristo fra gli indù del suo paese natale
07/03/2004
“Quando Madre Teresa salvò la mia vocazione”
04/09/2010
Lettera di Natale di Sr Prema, delle Missionarie della Carità
22/12/2020 12:49
Jharkhand, nuova stretta sulle Ong cristiane. Vescovo di Ranchi: un attacco alla Chiesa
31/05/2019 12:53
Corte suprema lascia in carcere una suora di Madre Teresa. Sr. Prema: ‘Preghiamo per tutti’
01/02/2019 12:37