3 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012
CINA
Sparito il marito che ha denunciato l'aborto forzato subito da sua moglie
Da settimane era pedinato e minacciato da poliziotti e malviventi. Secondo le autorità Deng Jiyuan è un "traditore" perché ha parlato coi media stranieri sulla violenza della legge del figlio unico.

Pechino (AsiaNews/Scmp) - Il marito della donna che poche settimane fa a Zengjia (Shaanxi) è stata costretta all'aborto forzato di un feto di sette mesi, è scomparso da due giorni. Da oltre una settimana egli e i suoi familiari subivano controlli, pressioni e violenze. Si pensa a una vendetta del governo locale perché essi hanno denunciato la violenza ai media internazionali.

Deng Jiyuan, il 29enne padre del piccolo abortito, è stato seguito per giorni da poliziotti e teppisti a casa, all'ospedale, dove sua moglie è ricoverata, fino alla toilette. Le pressioni sono iniziate quando Deng ha cercato di andare a Pechino per partecipare a una trasmissione online sull'aborto. L'uomo è stato minacciato e picchiato diverse volte. Le pressioni sono aumentate quando la famiglia ha dato un'intervista al settimanale tedesco Stern. Due giorni dopo, domenica scorsa 24 giugno, almeno 40 persone sono arrivate all'ospedale gridando e portando striscioni che minacciavano tutta la famiglia con la scritta "Picchia forte i traditori e buttali fuori da Zengjia". Uno dei parenti, che ha cercato di fotografare il gruppo, è stato malmenato.

Il  2 giugno scorso l'agenzia per il controllo della popolazione ha obbligato Feng Jianmei, di 22 anni, ad abortire al settimo mese. Feng e Deng hanno già una figlia di cinque anni e un secondo figlio è proibito dalla legge. Gli impiegati del family planning l'hanno minacciata a pagare una multa di 40mila yuan (circa 4mila euro, quattro anni di salari) o di subire l'aborto. Ma anche l'aborto dopo il sesto mese è proibito. Il loro caso ha suscitato critiche e denunce da tutta la Cina, soprattutto dopo che su internet sono apparse le foto della donna, stravolta dall'aborto, con a fianco sul letto il cadavere del piccino abortito e sanguinante.

Dopo lo scalpore sui media, le autorità di Ankang (sotto cui è il villaggio di Zengjia) hanno confermato le violenze su Feng Jianmei. Essi hanno pure sospeso i tre impiegati che hanno ordinato l'aborto forzato e hanno dato alla famiglia il permesso di avere un altro figlio. Il marito della donna, Deng Jiyuan ha commentato però con amarezza: "Il governo non dovrebbe avere il potere di dirci quando e come dobbiamo avere un figlio".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/05/2013 CINA
Zhejiang, "confessa" la madre del neonato salvato dal tubo della fogna
12/07/2012 CINA
Ankang, risarcita la coppia costretta a subire un aborto forzato
09/07/2012 CINA
Fujian, aborto forzato per iniezione al settimo mese. La famiglia denuncia il governo
di Wang Zhicheng
12/06/2012 CINA
Donna cinese costretta ad abortire al settimo mese. Continua il massacro della legge del figlio unico
di Wang Zhicheng
31/05/2014 CINA
Cina, l'alleggerimento del "figlio unico" porterà oltre 2 milioni di neonati in più all'anno

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate