Skin ADV
11 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/06/2012, 00.00

    CINA

    Sparito il marito che ha denunciato l'aborto forzato subito da sua moglie



    Da settimane era pedinato e minacciato da poliziotti e malviventi. Secondo le autorità Deng Jiyuan è un "traditore" perché ha parlato coi media stranieri sulla violenza della legge del figlio unico.

    Pechino (AsiaNews/Scmp) - Il marito della donna che poche settimane fa a Zengjia (Shaanxi) è stata costretta all'aborto forzato di un feto di sette mesi, è scomparso da due giorni. Da oltre una settimana egli e i suoi familiari subivano controlli, pressioni e violenze. Si pensa a una vendetta del governo locale perché essi hanno denunciato la violenza ai media internazionali.

    Deng Jiyuan, il 29enne padre del piccolo abortito, è stato seguito per giorni da poliziotti e teppisti a casa, all'ospedale, dove sua moglie è ricoverata, fino alla toilette. Le pressioni sono iniziate quando Deng ha cercato di andare a Pechino per partecipare a una trasmissione online sull'aborto. L'uomo è stato minacciato e picchiato diverse volte. Le pressioni sono aumentate quando la famiglia ha dato un'intervista al settimanale tedesco Stern. Due giorni dopo, domenica scorsa 24 giugno, almeno 40 persone sono arrivate all'ospedale gridando e portando striscioni che minacciavano tutta la famiglia con la scritta "Picchia forte i traditori e buttali fuori da Zengjia". Uno dei parenti, che ha cercato di fotografare il gruppo, è stato malmenato.

    Il  2 giugno scorso l'agenzia per il controllo della popolazione ha obbligato Feng Jianmei, di 22 anni, ad abortire al settimo mese. Feng e Deng hanno già una figlia di cinque anni e un secondo figlio è proibito dalla legge. Gli impiegati del family planning l'hanno minacciata a pagare una multa di 40mila yuan (circa 4mila euro, quattro anni di salari) o di subire l'aborto. Ma anche l'aborto dopo il sesto mese è proibito. Il loro caso ha suscitato critiche e denunce da tutta la Cina, soprattutto dopo che su internet sono apparse le foto della donna, stravolta dall'aborto, con a fianco sul letto il cadavere del piccino abortito e sanguinante.

    Dopo lo scalpore sui media, le autorità di Ankang (sotto cui è il villaggio di Zengjia) hanno confermato le violenze su Feng Jianmei. Essi hanno pure sospeso i tre impiegati che hanno ordinato l'aborto forzato e hanno dato alla famiglia il permesso di avere un altro figlio. Il marito della donna, Deng Jiyuan ha commentato però con amarezza: "Il governo non dovrebbe avere il potere di dirci quando e come dobbiamo avere un figlio".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/05/2015 CINA
    Il figlio unico: la violenza dello Stato cinese contro donne e bambini
    La famigerata legge viene ogni tanto “aggiustata”, ma non eliminata. E sta creando disastri demografici, mancanza di manodopera, invecchiamento della popolazione, squilibri fra maschi e femmine con tratta delle donne e schiavismo sessuale. Ma il governo non l’abolisce perché con essa si controlla tutta la popolazione. Il Partito mantiene “il potere nelle sue mani versando il sangue di donne e bambini innocenti della Cina”. La testimonianza di Reggie Littlejohn alla Commissione esecutiva sulla Cina del Congresso Usa.

    29/05/2013 CINA
    Zhejiang, "confessa" la madre del neonato salvato dal tubo della fogna
    La ragazza di 22 anni ha detto che non aveva i soldi per procurarsi l'aborto. Ha seguito ogni momento del salvataggio senza rivelare la sua maternità. Ondata di solidarietà per il bambino: all'ospedale dove è ricoverato arrivano latte in polvere, pannolini, vestitini e domande di adozione.

    12/07/2012 CINA
    Ankang, risarcita la coppia costretta a subire un aborto forzato
    Il governo scarcera il marito di Feng Jianmei, consegna alla coppia 11.200 dollari, si scusa di nuovo in maniera formale per l'accaduto, conferma il licenziamento di due dirigenti e la sospensione di 5 funzionari del family planning. Vittoria su tutta la linea dopo l'orrore dell'aborto forzato al settimo mese di gravidanza.

    09/07/2012 CINA
    Fujian, aborto forzato per iniezione al settimo mese. La famiglia denuncia il governo
    Gli impiegati per il controllo della popolazione hanno continuato a ricattare la coppia con multe sempre crescenti, fino a decidere l'aborto. Secondo accademici, la legge del figlio unico viola i diritti umani iscritti anche nella costituzione cinese. Per i businessmen la legge è da cambiare perché manca forza lavoro a livello nazionale e la popolazione sta invecchiando sempre di più. In Cina ogni anno avvengono 14 milioni di aborti forzati.

    12/06/2012 CINA
    Donna cinese costretta ad abortire al settimo mese. Continua il massacro della legge del figlio unico
    Reggie Littlejohn: Un oltraggio che nessun governo dovrebbe permettersi. Il corpo del piccolo abortito è stato lasciato sanguinante accanto alla donna. Le foto dell'uccisione. Minaccia di multe onerose (pari a 3-5 anni di salari) o di aborto forzato. In Cina vi sono 13 milioni di aborti ogni anno. Chai Ling: Un massacro di Tiananmen ogni ora.



    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Il Patriarca Kirill e la Chiesa russa che papa Francesco incontrerà

    Ieromonaco Ioann

    Il capo della Chiesa russo-ortodossa, che incontrerà il pontefice a Cuba il 12 febbraio prossimo, sta trasformando le sue comunità offrendo vescovi sempre più giovani e una curia funzionale. L’ispirazione del modello cattolico e l'eredità di Nikodim. Il rischio della burocratizzazione e del ripiegamento su se stessi.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®