2 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012
CINA
Sparito il marito che ha denunciato l'aborto forzato subito da sua moglie
Da settimane era pedinato e minacciato da poliziotti e malviventi. Secondo le autorità Deng Jiyuan è un "traditore" perché ha parlato coi media stranieri sulla violenza della legge del figlio unico.

Pechino (AsiaNews/Scmp) - Il marito della donna che poche settimane fa a Zengjia (Shaanxi) è stata costretta all'aborto forzato di un feto di sette mesi, è scomparso da due giorni. Da oltre una settimana egli e i suoi familiari subivano controlli, pressioni e violenze. Si pensa a una vendetta del governo locale perché essi hanno denunciato la violenza ai media internazionali.

Deng Jiyuan, il 29enne padre del piccolo abortito, è stato seguito per giorni da poliziotti e teppisti a casa, all'ospedale, dove sua moglie è ricoverata, fino alla toilette. Le pressioni sono iniziate quando Deng ha cercato di andare a Pechino per partecipare a una trasmissione online sull'aborto. L'uomo è stato minacciato e picchiato diverse volte. Le pressioni sono aumentate quando la famiglia ha dato un'intervista al settimanale tedesco Stern. Due giorni dopo, domenica scorsa 24 giugno, almeno 40 persone sono arrivate all'ospedale gridando e portando striscioni che minacciavano tutta la famiglia con la scritta "Picchia forte i traditori e buttali fuori da Zengjia". Uno dei parenti, che ha cercato di fotografare il gruppo, è stato malmenato.

Il  2 giugno scorso l'agenzia per il controllo della popolazione ha obbligato Feng Jianmei, di 22 anni, ad abortire al settimo mese. Feng e Deng hanno già una figlia di cinque anni e un secondo figlio è proibito dalla legge. Gli impiegati del family planning l'hanno minacciata a pagare una multa di 40mila yuan (circa 4mila euro, quattro anni di salari) o di subire l'aborto. Ma anche l'aborto dopo il sesto mese è proibito. Il loro caso ha suscitato critiche e denunce da tutta la Cina, soprattutto dopo che su internet sono apparse le foto della donna, stravolta dall'aborto, con a fianco sul letto il cadavere del piccino abortito e sanguinante.

Dopo lo scalpore sui media, le autorità di Ankang (sotto cui è il villaggio di Zengjia) hanno confermato le violenze su Feng Jianmei. Essi hanno pure sospeso i tre impiegati che hanno ordinato l'aborto forzato e hanno dato alla famiglia il permesso di avere un altro figlio. Il marito della donna, Deng Jiyuan ha commentato però con amarezza: "Il governo non dovrebbe avere il potere di dirci quando e come dobbiamo avere un figlio".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/05/2015 CINA
Il figlio unico: la violenza dello Stato cinese contro donne e bambini
di Reggie Littlejohn
29/05/2013 CINA
Zhejiang, "confessa" la madre del neonato salvato dal tubo della fogna
12/07/2012 CINA
Ankang, risarcita la coppia costretta a subire un aborto forzato
09/07/2012 CINA
Fujian, aborto forzato per iniezione al settimo mese. La famiglia denuncia il governo
di Wang Zhicheng
12/06/2012 CINA
Donna cinese costretta ad abortire al settimo mese. Continua il massacro della legge del figlio unico
di Wang Zhicheng

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate