31 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/06/2012
EGITTO
Speranze e timori della comunità internazionale sul neo presidente egiziano Morsi
Il capo di Stato ha iniziato le consultazioni per la formazione del governo. Washington “continuerà” il processo di “transizione”. Israele chiede il rispetto degli accordi di pace. Dalla Palestina richieste di sostegno all’insegna del “vincolo di sangue”. Gli auguri dei Paesi arabi e del Golfo; il silenzio dell’Arabi Saudita.

Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) - Il neo presidente egiziano Mohammed Morsi, leader del partito Giustizia e Libertà (Fratelli musulmani), ha iniziato oggi le consultazioni per la formazione del nuovo governo, dopo mesi di instabilità politica. Il primo capo di Stato eletto dal popolo - ha battuto lo sfidante Ahmed Shafiq, vicino ai militari ed ex premier sotto il regime di Mubarak, con il 51,3% delle preferenze - ha promesso di essere "presidente di tutti gli egiziani". Il giuramento ufficiale dovrebbe avvenire il prossimo 30 giugno. Nel primo intervento alla nazione, diffuso ieri poco dopo l'ufficializzazione del voto, egli ha ricordato che "senza il sangue dei martiri" non sarebbe mai stato eletto e conferma che "la rivoluzione continua". Morsi si è rivolto direttamente "al grande popolo d'Egitto" chiamato a "rafforzare l'unità nazionale" e ha più volte precisato l'intenzione di rappresentare "tutti" i cittadini, comprese le minoranze religiose primi fra tutti i cristiani copti. "In quanto egiziani, musulmani e cristiani, siamo predicatori e fondatori di civiltà - ha aggiunto - e, a Dio piacendo, continueremo a esserlo in futuro".

Intanto la comunità internazionale saluta il neo presidente egiziano, rivolgendogli auguri di rito per l'incarico che si appresta a ricoprire. Tuttavia, oltre le formalità di facciata e la prassi della diplomazia emergono differenze, timori, rinnovate speranze e inviti al mantenimento della "stabilità" e della pace nella regione. Da Washington ai Paesi del Golfo, in molti attendono di scoprire le prime mosse del Cairo, le scelte del capo di Stato espressione del movimento islamista e la lotta di potere che si gioca dietro le quinte fra esercito e Fratelli musulmani.

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha telefonato a Morsi per congratularsi, sottolineando inoltre che Washington "continuerà a sostenere la transizione dell'Egitto verso la democrazia" e "sarà al fianco del popolo" perché venga esaudita la promessa contenuta nella rivoluzione iniziata lo scorso anno. Obama ha aggiunto il proposito di collaborare all'insegna del rispetto reciproco, per promuovere "i molti interessi comuni" che legano l'America e l'Egitto. Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon si è congratulato col neo presidente per l'elezione, dicendosi sicuro che il Paese lavorerà per "realizzare le aspirazioni del suo popolo", che chiede "democrazia, diritti umani, prosperità e stabilità".

L'Egitto è stata la prima nazione araba a firmare un trattato di pace con Israele; l'elezione di un esponente dei Fratelli musulmani, da sempre contrari, getta più di un ombra sul futuro della Regione anche se la leadership ha voluto rassicurare l'Occidente circa il rispetto degli accordi presi. In una nota il premier Benjamin Netanyahu afferma di rispettare "i risultati" e conferma il proposito di "continuare la cooperazione col governo egiziano sulle basi degli accordi di pace". Il primo ministro di Hamas Ismail Haniyeh, con base nella Striscia di Gaza, si aspetta dall'Egitto il ruolo di "guida" nella "causa palestinese" perché il popolo possa "conquistare la libertà". Il presidente dell'Autorità della Palestina Mahmoud Abbas si augura "il successo" di Morsi nel suo lavoro al "servizio" del popolo egiziano e auspica piena collaborazione fra il Cairo e Ramallah per il benessere dei due popoli uniti da "vincoli di sangue".

L'elezione di Morsi viene guardata con attenzione nel mondo musulmano, fra i Paesi del Golfo e in tutta l'area del Medio oriente. L'Iran saluta il voto e afferma che "la sua vittoria è parte di un 'Risveglio islamico' nel Medio oriente". Teheran rende omaggio ai "martiri" della rivoluzione egiziana e auspica il "continuo successo" del suo popolo sottolineandone la "vibrante presenza nel mondo politico e sociale". In Iraq si parla di "un passo in avanti fondamentale nella giusta direzione", nel proposito di "rafforzare la democrazia in Egitto". Per la Turchia l'elezione di Morsi "riflette il volere del popolo", ma ora egli dovrà affrontare "sfide importanti".

Dai Paesi del Golfo emergono reazioni improntate, in grande maggioranza, alla cautela. Il governo degli Emirati Arabi Uniti rispetta "la scelta del popolo egiziano, in un contesto di cammino democratico". Il Bahrain auspica la creazione di "un'atmosfera di libertà e democrazia", mentre il governo della Giordania si aspetta che il nuovo presidente egiziano possa portare "stabilità". Dal Qatar, insieme agli auguri di rito, arrivano apprezzamenti "per il ruolo del Consiglio supremo delle Forze armate e dei giudici" che hanno saputo mantenere un "approccio democratico" e rendere "un successo" le recenti elezioni.

In un vortice di auguri - sinceri o di circostanza, più o meno interessati - si distingue il silenzio del governo del principale produttore di petrolio al mondo. Non sono giunte, sinora, prese di posizione ufficiali dell'Arabia Saudita, le cui relazioni con i Fratelli musulmani sono da sempre ridotte ai minimi termini. Per gli esperti Riyadh sarà costretta a intrattenere rapporti col nuovo presidente egiziano, anche se il movimento islamista che lo sostiene è inviso al regno saudita, accusato di tradire la purezza dell'islam.

Mohammed Morsi, 60 anni, ha studiato ingegneria negli Stati Uniti. Per la sua appartenenza al movimento islamista egli ha trascorso diversi anni in carcere durante i primi anni del governo Mubarak. Dopo la caduta del regime, Morsi ha collaborato a fondare il partito Giustizia e Libertà, espressione politica del movimento islamista vincitore delle elezioni parlamentari, annullate di recente, con oltre il 50% dei voti. Egli ha sostituito nella corsa alla presidenza egiziana Kairat al-Shater, archittetto della campagna elettorale dei Fratelli musulmani a cui è stato impedito di candidarsi perché ex detenuto.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/06/2012 EGITTO
Mohammed Morsi, dei Fratelli musulmani, vince le elezioni presidenziali in Egitto
28/08/2013 EGITTO
Minya: scuole, chiese e orfanotrofi bruciati per cancellare ogni traccia dei cristiani
17/05/2013 EGITTO - ISLAM
Magistrati islamisti e accuse di blasfemia la nuova arma per colpite i cristiani e laici
14/08/2013 EGITTO
Egitto, Fratelli Musulmani assaltano 22 chiese cristiane
11/04/2013 EGITTO
Cristiani e musulmani marciano insieme contro l'egemonia islamista

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate