14/01/2014, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka, radicali buddisti attaccano due chiese cristiane indipendenti

Gli aggressori sarebbero 24 persone, tra cui otto monaci buddisti. Le forze dell'ordine non sono riuscite a contenere la folla, che ha distrutto gli edifici e dato fuoco a letteratura religiosa. Secondo gli aggressori, le due Chiese non hanno i permessi per restare aperte. Cresce l'intolleranza religiosa nei confronti delle minoranze religiose.

Hikkaduwa (AsiaNews) - La polizia dello Sri Lanka ha identificato 24 persone - tra cui otto monaci buddisti - responsabili dell'attacco contro due Chiese cristiane indipendenti a Hikkaduwa, località turistica nel sud del Paese. L'aggressione è avvenuta due giorni fa in pieno giorno: guidato dai religiosi buddisti, il gruppo ha organizzato una protesta fuori dai due centri religiosi, chiedendone la chiusura. La dimostrazione è presto degenerata: i manifestanti hanno rotto il cordone di sicurezza delle forze dell'ordine e hanno attaccato gli edifici.

La polizia ha ammesso di non essere riuscita a contenere la folla. Il gruppo ha assediato le due Chiese indipendenti - la Calvary Free Church e la Assemblies of God - lanciando pietre e mattoni. Dopo aver distrutto porte e finestre, essi hanno fatto irruzione dentro i centri, dando fuoco ai simboli religiosi e ai libri, incluse alcune Bibbie.

Secondo i monaci buddisti che guidavano gli assalitori, le autorità locali avevano ordinato alle due chiese di chiudere per mancanza di permessi. Tuttavia, i pastori che guidano le due comunità hanno sempre sostenuto di essere in regola e di poter quindi continuare le loro attività.

Questi attacchi alimentano un clima di crescente intolleranza religiosa nei confronti delle minoranze, generato dal ritorno di un certo nazionalismo buddista tra i singalesi, la comunità di maggioranza dello Sri Lanka. In particolare, sono due i gruppi radicali buddisti responsabili di diverse aggressioni contro musulmani e cristiani: il Bodu Bala Sena (Bbs) e il Sinhala Ravaya ("eco singalese"). La missione dei loro seguaci è di proteggere la popolazione buddista e singalese, e la sua religione.

Su una popolazione di 21,6 milioni di persone, il 73,8% è di etnia singalese. La religione ufficiale è il buddismo, praticato dal 69,1% della popolazione. Con appena il 7,9%, l'islam è la seconda religione del Paese, seguita per lo più da membri di etnia e lingua tamil.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sri Lanka, violenze contro i musulmani: dichiarato lo stato d’emergenza (Foto)
06/03/2018 12:41
Sri Lanka: fondamentalisti buddisti attaccano (anche) i cristiani
08/04/2013
Matara, 40 buddisti radicali attaccano un pastore protestante e sua moglie
17/08/2012
Colombo: a tre anni dalle violenze buddiste, risarcimenti alle vittime musulmane
26/08/2017 09:43
L'alleanza tra monaci radicali birmani e srilankesi "distruggerà il vero buddismo"
02/10/2014