16 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/01/2017, 08.38

    SRI LANKA – CINA

    Sri Lanka del sud: scontri e feriti nelle proteste contro un porto cinese



    Colombo sta portando a termine un accordo con Pechino per la concessione della durata di 99 anni di un’area costiera. Il progetto costringerà allo sfratto la popolazione locale. Il piano di investimenti rientra nella strategia cinese della “One belt, One road”.

    Colombo (AsiaNews/Agenzie) – Diverse persone sono rimaste ferite nel sud dello Sri Lanka durante uno scontro con la polizia, mentre manifestavano contro la costruzione di un porto cinese e dell’adiacente scalo industriale. Il progetto costringerà allo sfratto migliaia di abitanti locali, anche se il governo dello Sri Lanka ha promesso che verranno date loro nuove terre.

    Mentre la popolazione lamenta che l’area diventerà di fatto una colonia cinese, la polizia ha arrestato in tutto 41 persone per danni a proprietà pubbliche. Gli arrestati sono già comparsi davanti al giudice e posti sotto custodia cautelare.

    Le proteste sono avvenute nell’area di Hambantota, a 240 chilometri a sud della capitale, dove le autorità di Colombo stanno portando a termine un accordo di concessione della zona portuale della durata di 99 anni. L’azienda partner dell’intesa è all’80% di proprietà cinese.

    L’investimento è solo l’ultimo di una serie di infrastrutture che Pechino sta costruendo per compiere la sua strategia della “One belt, One road”, una cintura di porti e autostrade in tutta l’Asia del sud e centrale che consentirebbe alle merci cinesi di arrivare fino al cuore dell’Europa.

    Contro la requisizione dei terreni dei locali era scesa in strada tutta la popolazione. Gli agenti hanno lanciato lacrimogeni contro i manifestanti, che tentavano di far rimandare una cerimonia pubblica cui doveva prender parte il primo ministro Ranil Wickeremesinghe.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/05/2015 CINA
    Pechino torna alla pianificazione sovietica per salvare il Partito
    La strategia economica cinese accentua il ruolo delle imprese controllate dallo Stato. Il presidente Xi: “Il Partito comunista cinese deve controllare l’economia se vuole governare il Paese in eterno”. Grandi profitti anche per le aziende private vicine alle elite del Partito. L’iniziativa rafforza il controllo sulle regioni interne e contiene le forze centrifughe. Pechino può assorbire l’eccesso di produzione del Paese. La teoria dei “tre non-cambiamenti”. L’emarginazione del premier Li Keqiang che voleva liberalizzare il mercato.

    15/10/2016 09:11:00 BANGLADESH – CINA
    Xi Jinping in Bangladesh: Partner fondamentale per la nuova Via della seta

    Il presidente cinese è stato accolto ieri in pompa magna. Egli è il primo leader di Pechino a visitare il Paese dopo 30 anni. Firmati 27 accordi commerciali per un totale di quasi 24 miliardi di dollari. La rinnovata intesa serve a Dhaka per raggiungere i Paesi a medio reddito entro il 2021. Serve anche alla Cina per sviluppare la strategia “One Belt, One Road”. 

     



    23/03/2016 15:25:00 NEPAL – CINA
    Accordo di transito tra Nepal e Cina: finisce il controllo dell’India sui commerci di Kathmandu

    Il premier nepalese K P Sharma Oli e il cinese Li Keqiang hanno firmato una serie di accordi. Il più importante è il trattato che sancisce il diritto di transito sul suolo cinese delle merci nepalesi. Kathmandu si svincola dalla dipendenza dai porti indiani per il commercio internazionale dei suoi beni. L’accordo premia anche la strategia cinese “One belt, One road”, con cui Pechino vuole espandere il suo mercato fino in Europa e Africa.



    31/10/2003 CINA
    Riflessioni sul Colloquio "Europei cattolici - Cina", Lovanio 2003


    22/07/2015 KYRGYZSTAN - USA
    Bishkek interrompe l’accordo di assistenza con gli Usa. Pechino e Mosca in vista
    L’attivista Azimjan Askarov è stato premiato la scorsa settimana dal Dipartimento di Stato Usa. Analisti sostengono che le relazioni si sono incrinate da quando il Paese dell’Asia centrale è entrato nella Eurasian Economic Union a maggio. Si rafforza la collaborazione tra Russia e Cina nell’area.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®