28 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/03/2007, 00.00

    UNIONE EUROPEA - IRAN

    Sui marinai catturati, la Ue si schiera al fianco di Londra



    In una nota firmata da tutti e 27 i ministri degli Esteri dell’Unione europea si chiede a Teheran il rilascio immediato dei 15 marinai britannici catturati nelle acque del Golfo. In caso contrario, sono pronte misure adeguate.
    Bruxelles (AsiaNews/Agenzie) – L’Unione Europea si è schierata al fianco di Londra ed ha chiesto all’Iran di rilasciare immediatamente i 15 militari della marina britannica catturati nelle acque del Golfo e detenuti da una settimana. In caso contrario, sono pronte “misure adeguate”.
     
    In una nota firmata dai 27 ministri degli Esteri della Ue, si legge che l’Unione “deplora gli arresti compiuti dall'Iran” ed esprime “sostegno incondizionato” al governo britannico. In questo modo, l’Unione risponde in maniera negativa alle richieste di neutralità espresse dal ministro degli Esteri di Teheran.
     
    Anche il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha auspicato il raggiungimento di una rapida soluzione della vicenda.
     
    La diretta opposizione degli Stati europei colpisce in maniera profonda il governo iraniano, che nell’Ue (ed in particolar modo in Italia e Germania) vede il suo primo partner commerciale. Un’interruzione dei rapporti economici con l’Unione, abbinata alle sanzioni americane, sarebbe disastrosa per Teheran.
     
    Tuttavia, il governo di Ahmadinejad non sembra volersi piegare, e continua a chiedere le scuse formali di Londra per “l’invasione” delle proprie acque territoriali. Da parte sua, la Gran Bretagna sostiene che i marinai sono stati rapiti e ne richiede il rilascio incondizionato.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/01/2012 IRAN
    L’Iran lancia un nuovo missile balistico: giochi di guerra a Ormuz
    Una prova di forza contro la possibilità di un intervento della flotta Usa. Teheran ha minacciato di chiudere lo stretto di Ormuz, vitale per il trasporto del greggio, se ci saranno nuove sanzioni a causa del suo programma atomico.

    06/05/2017 10:05:00 IRAN - UE
    Dopo l’accordo sul nucleare cresce del 300% l’export iraniano nella Ue

    Nel 2016 le esportazioni dalla Repubblica islamica verso l’Europa hanno toccato quota 5,494 miliardi. Un balzo in avanti deciso rispetto agli 1,235 dell’anno precedente. Cresce anche il dato relativo al commercio (+79%). Allo studio tecnologia e finanziamenti da Bruxelles per tagliare le emissioni di carbone.



    31/08/2006 iran - Onu
    Teheran continua il suo programma nucleare mentre scade l'ultimatum dell' Onu

    Scelte provocatorie e dichiarazioni di fuoco prima della scadenza. Mentre si prospettano possibil sanzioni, Teheran cerca di dividere Europa da Usa.



    29/12/2011 IRAN - SIRIA
    Cresce sempre di più la tensione con Teheran. Fino alla guerra?
    L’Iran minaccia di chiudere lo stretto di Ormuz, dove passa il 40% del petrolio mondiale. Usa e Ue vigilano e meditano un inasprimento delle sanzioni contro il programma nucleare iraniano. Ma vi sono senatori e studiosi che invitano gli Usa ad attaccare Teheran. Gli aiuti italiani ai profughi siriani (o agli insorti?).

    18/10/2007 UZBEKISTAN - UNIONE EUROPEA
    Sanzioni UE sospese: “un premio inopportuno”
    E’ il commento di attivisti per i diritti umani, critici verso l’Ue che ha sospeso le sanzioni contro il regime uzbeko. Ricordano i molti detenuti politici e l’uso sistematico della tortura. Analisti: c’è la volontà di incrementare i rapporti con un Paese ricco di energia.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®