07/06/2013, 00.00
SIRIA - LIBANO
Invia ad un amico

Sulle chiese di Al-Qusair i segni della guerra contro Assad e dell'odio religioso dei ribelli

Dopo un anno di assedio la città è ridotta a un villaggio di 500 abitanti. Case e abitazioni sono ormai un cumulo di macerie. Fuggiti tutti i 3mila cristiani che per secoli hanno convissuto con i musulmani. Il monastero di S. Elia dissacrato dalle milizie islamiste.

Beirut (AsiaNews) - La battaglia fra ribelli ed esercito per la conquista di Al-Qusair ha distrutto la città, ridotta ormai a un cumulo di macerie. Degli 30mila abitanti, di cui 3mila cristiani, presenti prima dell'inizio della guerra civile, solo 500 restano nelle proprie abitazioni. Dalle immagini diffuse dalla Bbc le vie appaiono deserte. La maggioranza parte delle case e degli edifici pubblici sono crollati sotto i colpi di mortaio, o sono stati trasformati in depositi di armi dalle milizie anti-Assad, che per oltre un anno hanno occupato la città.  

L'assedio non ha risparmiato nemmeno moschee e chiese, per secoli esempio della convivenza pacifica fra musulmani e cristiani. Diversi edifici ortodossi sarebbero state dissacrate dagli stessi ribelli islamici durante la loro permanenza, come confermano alcuni testimoni a Lyse Doucet, inviata della Bbc e prima giornalista straniera ad essere entrata ad Al-Qusair. La corrispondente dell'emittente britannica descrive lo stato di abbandono del santuario greco-cattolico di S. Elia, simbolo della comunità cristiana locale. In questi mesi i ribelli si sono accaniti contro l'edificio, che appare crivellato di colpi di artiglieria.  Sul pavimento giacciono sparsi decine di oggetti di culto. Alle pareti sono ancora appese alcune icone e statue, ma la maggior parte risulta sfregiata e mutilata, segno di una distruzione pianificata e non casuale.

Intervistato da AsiaNews, p. Simon Faddoul, presidente di Caritas Libano, spiega che da oltre un anno non si hanno notizie della comunità cristiana di Al-Qusair. "La maggior parte di loro - afferma - è fuggita quando la città è caduta in mano ai ribelli nel 2012. A differenza dei musulmani, pochi cristiani hanno varcato il confine con il Libano. La maggior parte delle famiglie ha preferito cercare rifugio in altre città o villaggi". (S.C.)

 

Monastero Greco-Ortodosso di S. Elia

Monastero S. Elia - Interno

Monastero S. Elia - Altare

Monastero S. Elia - altarino profanato

Monastero S. Elia - Messale profanato

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Presidente Caritas: Invece delle armi, inviate aiuti alla popolazione siriana
27/03/2013
Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"
28/05/2013
Beirut, l'ombra di al-Qaeda dietro l'attacco suicida contro l'ambasciata iraniana
19/11/2013
Madre di Ghouta: Per mio figlio meglio l’esercito che il giogo jihadista
26/09/2018 11:51
Caritas Siria,i profughi affamati di Ghouta chiedono più amore che cibo
17/08/2018 08:50