20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/11/2017, 12.50

    IRAN - RUSSIA

    Summit fra Iran, Russia e Azerbaijan: vicino l’accordo sul mar Caspio



    Favorirebbe gli investimenti e la cooperazione fra i Paesi. Mosca proietta il proprio potere sul Caucaso e l’Asia centrale.

    Teheran (AsiaNews/Jamestown Foundation) – Un summit tripartito fra Russia, Iran e Azerbaijan ha posto le basi per risolvere uno dei problemi più delicati dell’era post-Sovietica: la definizione delle aree di controllo nel mar Caspio. Tenutosi a Teheran lo scorso 1 novembre, il vertice ha aperto le porte a un accordo in cui includere i vicini Kazakhstan e Turkmenistan.

    Prima della caduta dell’Urss, il mar Caspio era diviso fra l’Unione sovietica e l’Iran, e Mosca ne controllava la porzione più ampia. Dal 1991, i cinque Stati litoranei si contendono la gestione della superficie marittima senza riuscire a raggiungere un punto d’accordo definitivo.

    Di recente, la situazione sembra essere cambiata in favore di un’intesa: molte delle problematiche geopolitiche che ostacolavano la discussione non sussistono più, soprattutto grazie all’accordo del 2014 che vieta l’utilizzo del mare da parte di navi di Stati terzi.

    Tutti i Paesi bagnati dal mar Caspio beneficerebbero dal raggiungimento di un patto: oltre a stabilire una cornice legale per gli investimenti dall’estero e la costruzione di oleodotti transcaspici, esso aprirebbe ad intese bilaterali e multilaterali sulla protezione della delicata ecologia marina. Provvedimenti necessari a salvare lo storione – da cui proviene il caviale – e a contrastare il bracconaggio.

    Così, una nuova proposta dal Cremlino sembra ora trovare consenso fra gli Stati interessati. I negoziatori russi premono per stabilire esclusive zone economiche costiere per 50-80 chilometri dalla costa, e una zona comune per tutti i Paesi per il resto della superficie acquea.

    Con la sua superiore presenza nelle acque del Caspio, il primo eventuale beneficiario dell’accordo è proprio il Cremlino. Risolvere il problema del mar Caspio significherebbe inoltre eliminare un motivo di irritazione e favorire la cooperazione fra questi Paesi, portando all’espansione della posizione russa non solo in Iran – ambizione più volte ribadita dal presidente Vladimir Putin – ma anche in Azerbaijan, Kazakhstan e Turkmenistan.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2017 15:38:00 TURKMENISTAN
    Bloccata la costruzione del più grande gasdotto turkmeno. Peggiora la crisi del Paese

    La “linea D” avrebbe dovuto attraversare Uzbekistan, Tajikistan e Kyrgyzstan per poi giungere nella Cina. Avrebbe dovuto trasportare in Cina circa 30 miliardi di metri cubi di gas turkmeno all’anno.



    06/04/2017 15:49:00 ASIA CENTRALE
    Il futuro dell’Asia Centrale: molte opportunità, ma serve cooperazione

    I cinque Paesi divisi da questioni irrisolte del periodo sovietico e dispute di frontiera. Russia e Cina condividono l’influenza economica e politica. Nuove iniziative, anche da Ue e Usa. Opportunità di ritrovare rilievo regionale, se non globale, ma i Paesi devono cooperare.



    27/02/2008 CINA - IRAN - RUSSIA
    L’Iran vende gas alla Cina e spezza l’embargo occidentale
    La cinese Cnooc sfrutterà i ricchi giacimenti di gas di Pars settentrionale. Gli sforzi Usa per isolare Tehran permettono a Cina e Russia di concludere lucrosi accordi senza concorrenza. Mosca vuole integrare la “griglia” energetica di Tehran nella propria, per rifornire tutta l’Asia centrale.

    19/03/2008 RUSSIA - ASIA CENTRALE
    L’accordo Gazprom-Asia centrale scatenerà aumenti del gas
    Esperti prevedono che l’alto prezzo offerto dalla Gazprom per il gas di 3 Stati dell’Asia Centrale farà crescere i prezzi mondiali. A soffrirne saranno soprattutto gli Stati poveri come il Tagikistan, ma anche Europa e Cina.

    20/10/2011 RUSSIA
    Paesi ex sovietici di nuovo uniti da trattato di libero scambio
    Con la benedizione del premier Putin, da sempre nostalgico dell’Urss, 8 su 11 nazioni firmano un accordo di libero scambio da cui sono però esclusi gas e petrolio. Mosca lo usa subito per accelerare il suo ingresso nel Wto.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®