09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/08/2008, 00.00

    UZBEKISTAN

    Tashkent, è reato incontrarsi in casa per pregare



    Lo Stato nomina gli imam islamici, decide sull’insegnamento religioso e chi può andare in pellegrinaggio alla Mecca. Gli altri gruppi religiosi ottengono con difficoltà il riconoscimento. Condanne a 2-3 anni di carcere per i Testimoni di Geova per essersi riuniti.

    Tashkent (AsiaNews/F18) – Praticare una fede religiosa senza autorizzazione è un crimine penale, anche solo riunirsi in casa per pregare. La polizia irrompe durante le funzioni religiose, minaccia e malmena i fedeli impunemente e i media statali promuovono l’intolleranza religiosa. L’agenzia Forum 18 traccia un quadro della difficile situazione in Uzbekistan per chi ha una fede, anche islamica.

    Lo Stato vuole controllare tutta l’attività religiosa, anche quella islamica professata dalla quasi totalità dei circa 28 milioni di abitanti: gli imam sono nominati e controllati dallo Stato,  nonostante l’art. 61 della Costituzione dica che “Le organizzazioni e le associazioni religiose sono separate dal governo e uguali davanti alla legge. Il governo non interferisce nella attività delle associazioni religiose”. Lo Stato controlla il numero delle moschee e l’educazione religiosa, gli imam lamentano che non possono insegnare l’islam ai bambini e la polizia segreta li controlla anche tramite microfoni nascosti nelle moschee. Per il pellegrinaggio annuale dell’haji sono consentiti solo 5mila fedeli (invece di 20mila ammessi dall’Arabia Saudita), occorre l’autorizzazione statale e usare la linea aerea di bandiera per un costo di circa 200 volte la paga mensile minima. L’Uzbekistan è un Paese povero e un decreto presidenziale fissa il salario minimo al 1° settembre 2008 a 25.040 som, circa 12 euro.

    La repressione è molto aumentata dopo il massacro compiuto dall’esercito contro i civili ad Andijan nel maggio 2005. Migliaia di fedeli islamici hanno denunciato a Forum 18 che in carcere sono proibiti il digiuno per il Ramadan e la preghiera. Mentre a detenuti protestanti è proibito avere la Bibbia. Solo le comunità registrate possono stampare o importare testi religiosi e la polizia spesso confisca testi “non autorizzati”, anche la Bibbia o il Corano.

    Per le altre fedi è peggio: è reato ogni attività religiosa non autorizzata, anche solo incontrarsi in casa per pregare, punito con multe da 50 a 100 volte la paga minima mensile e carcere. Pure punita è l’attività di proselitismo e di conversione religiosa. Forum 18 riporta che polizia e insegnanti scolastici avvertono gli studenti che chi partecipa alle Chiese protestanti sarà arrestato. L’autorizzazione statale è data con difficoltà, spesso respinta perché il nuovo gruppo religioso “non è gradito” dalla popolazione della zona. Invece gruppi protestanti lamentano che tra il 2000 e il 2006 sono state proibite almeno 38 congregazioni già autorizzate. La tv statale ha lanciato vere campagne di intolleranza contro gruppi religiosi, accusati di uso di droghe e di terrorismo.

    Dal giugno 2008 è in carcere il protestante Aimurat Khayburahmanov per avere “diretto o partecipato a gruppi estremisti religiosi, secessionisti, separatisti o comunque vietati” punito con fino 15 anni di galera, per avere tenuto incontri religiosi in una casa privata.

    Sistematica la persecuzione contro i Testimoni di Geova, anche per il loro rifiuto di fare il servizio militare: per “insegnamento religioso illegale”, Irfon Khamidov è stato condannato nel maggio 2007 a 2 anni di carcere; Olim Turaev (colpevole anche di “incontri religiosi non autorizzati”) nell’aprile 2008 a 4 anni. Nel luglio 2008 per “illegale organizzazione di associazione religiosa” ci sono state le condanne di Abdubannob Ahmedov a 4 anni e Sergei Ivanov a 3 anni e mezzo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2010 UZBEKISTAN
    Pastore battista condannato a 10 anni di carcere
    Riconosciuto colpevole di traffico di ingente quantità di droga, ma i fedeli protestano che la condanna è “fabbricata”. Nel Paese è frequente il carcere e la tortura per chi pratica la sua religione senza autorizzazione.

    15/01/2010 UZBEKISTAN
    Tashkent, pesanti multe e carcere per i cristiani
    Anche nel periodo di Natale la polizia ha perseguitato gli incontri religiosi. Le multe spesso ammontano all’equivalente di anni di stipendio e per i recidivi c’è la prigione.

    13/12/2014 UZBEKISTAN
    Dai media di Stato uzbeki una campagna contro la libertà di culto e le religioni
    I giornali ufficiali continuano la campagna contro comunità e fedeli; nel mirino protestanti e testimoni di Geova. Fra le varie accuse, quella di trasformare "i bambini in zombie". Alle vittime delle calunnie non è concesso diritto di replica. In un caso gli articoli diffamatori hanno portato al licenziamento di quattro cristiani.

    14/06/2012 UZBEKISTAN
    Tashkent, Testimone di Geova uzbeka rischia l’espulsione
    La donna costretta ad abbandonare la madre, malata e bisognosa di cure. Il provvedimento per presunte irregolarità in materia di cittadinanza. In realtà sarebbe una ritorsione legata alla fede professata. Lo scorso anno è stata condannata due volte a pesanti pene pecuniarie. Nel mirino delle autorità anche una cristiana battista.

    12/05/2006 UZBEKISTAN
    Sempre più grave la persecuzione religiosa in Uzbekistan

    Principale obiettivo è il controllo completo della maggioranza islamica. Si vogliono eliminare le altre religioni. Un anno fa ad Andijan l'esercito massacrò la folla inerme.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®