27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/06/2012, 00.00

    UZBEKISTAN

    Tashkent, Testimone di Geova uzbeka rischia l’espulsione



    La donna costretta ad abbandonare la madre, malata e bisognosa di cure. Il provvedimento per presunte irregolarità in materia di cittadinanza. In realtà sarebbe una ritorsione legata alla fede professata. Lo scorso anno è stata condannata due volte a pesanti pene pecuniarie. Nel mirino delle autorità anche una cristiana battista.

    Tashkent (AsiaNews/F18) - Le autorità uzbeke minacciano di espellere una 37enne Testimone di Geova e i suoi due figli, per violazioni alla legge sulla cittadinanza e in materia di immigrazione. Attivisti pro diritti umani e membri della società civile, interpellati da Forum 18, ribattono però che dietro alla cacciata vi sarebbero motivi legati alla religione professata dalla donna. Proprio per questioni di fede, nel 2011 Yelena Tsyngalova ha subito due pesanti condanne a pene pecuniarie che hanno inciso (e molto) sul bilancio familiare. Intanto fonti cristiane del Paese dell'Asia centrale rivelano l'apertura di un'inchiesta a carico di una giovane cristiana, per un presunto "attraversamento illegale" del confine per rinnovare il passaporto.

    Yelena Tsyngalova è nata e cresciuta in Uzbekistan, insieme ai due figli di 18 e 13 anni, eccettuata una breve parentesi dal 1995 al 1996 in Russia dove ha abitato con l'ex marito. La donna ha acquisito la doppia cittadinanza russo-uzbeka, un fatto non permesso dalle autorità di Tashkent. Per il governo il "permesso di soggiorno" è irregolare e va "deportata" in Russia, dove però non ha parenti né amici. Ad aggravare la situazione, il fatto che debba abbandonare la madre - anziana e molto malata - nella capitale uzbeka senza avere persone di riferimento che possano prendersi cura di lei. Il biglietto aereo con relativo decreto di espulsione, datato 12 giugno, è stato cancellato ma - precisano i funzionari - si tratta solo di un rinvio: l'ordine è definitivo ed esecutivo.

    In realtà, secondo conoscenti e attivisti, dietro il provvedimento vi sarebbero motivi legati alla fede religiosa professata. L'appartenenza alla comunità dei Testimoni di Geova in passato le ha creato diversi problemi, in seguito ai quali era stata condannata due volte da tribunali locali. Nella testimonianza raccolta da Forum 18 emerge che nel 2011, in ben due occasioni, Yelena Tsyngalova ha subito una sanzione amministrativa di 2.486.750 soms - pari a 1.045 euro, quasi 50 volte il salario medio in Uzbekistan - per esercizio illegale della fede religiosa. La prima volta la donna ha pagato, mentre la seconda condanna (non essendoci beni o preziosi da porre sotto sequestro) è stata ridotta a 21 euro. Un fedele sottolinea che Yelena "ha pagato la multa e pensava che la vicenda fosse chiusa"; a maggio, invece, il governo le autorità hanno notificato il decreto di espulsione.

    Per una vicenda legata a presunte irregolarità in un viaggio all'estero, emerse durante il rinnovo del passaporto, la 25enne cristiana battista uzbeka Tereza Rusanova - che vive da tre anni a Bishkek, capitale del Kirghizistan - rischia l'incriminazione e una condanna al carcere. Il dibattimento in aula dovrebbe iniziare entro la fine di giugno. Fonti locali sottolineano che l'ufficiale di frontiera che ha arrestato la donna al momento dell'attraversamento, in passato aveva già sequestrato materiale religioso cristiano - fra cui Bibbie e libri di preghiera - a un fedele che rientrava nel Paese di origine.

    Le autorità uzbeke negano che nel Paese vi siano casi di violazione alla libertà religiosa. Di fatto, però, ciascuna comunità per esercitare questo diritto deve chiedere il permesso allo Stato. E le autorità di  Tashkent rilasciano le concessioni a loro piacimento. Fra le comunità più colpite nel recente passato vi sono i cristiani protestanti, gruppi cattolici, fedeli musulmani e Testimoni di Geova, con processi mirati e condanne (cfr. AsiaNews 11/02/2012 Tashkent, due Testimoni di Geova rischiano altri 5 anni di lavori forzati).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/08/2008 UZBEKISTAN
    Tashkent, è reato incontrarsi in casa per pregare
    Lo Stato nomina gli imam islamici, decide sull’insegnamento religioso e chi può andare in pellegrinaggio alla Mecca. Gli altri gruppi religiosi ottengono con difficoltà il riconoscimento. Condanne a 2-3 anni di carcere per i Testimoni di Geova per essersi riuniti.

    06/07/2012 UZBEKISTAN
    Dopo quattro anni di carcere, Testimone di Geova uzbeko condannato ad altri 30 mesi
    Abdubannob Ahmedov doveva uscire di prigione il 23 luglio. I termini di custodia prolungati per presunte “violazioni alle regole del carcere”. Cristiana battista rischia fino a tre anni di galera, in base all’accusa di “insegnamento illegale della religione”. Continua la stretta delle autorità uzbeke sulle religioni.

    03/09/2007 UZBEKISTAN
    “Illegali” i cristiani battisti e i testimoni di Geova
    Sistematiche le persecuzioni contro i cristiani battisti, puniti anche soltanto perché pregano insieme. I testimoni di Geova temono che la loro fede sia presto proibita, “come nel periodo sovietico”.

    13/12/2014 UZBEKISTAN
    Dai media di Stato uzbeki una campagna contro la libertà di culto e le religioni
    I giornali ufficiali continuano la campagna contro comunità e fedeli; nel mirino protestanti e testimoni di Geova. Fra le varie accuse, quella di trasformare "i bambini in zombie". Alle vittime delle calunnie non è concesso diritto di replica. In un caso gli articoli diffamatori hanno portato al licenziamento di quattro cristiani.

    21/06/2010 UZBEKISTAN
    Le autorità uzbeke costringono cristiani e Testimoni di Geova all’illegalità
    Lo denunciano membri di Chiese e gruppi religiosi cui la necessaria autorizzazione statale è negata con pretesti o col silenzio. Senza autorizzazione, è punito persino riunirsi per pregare. La lunga inutile battaglia della Central Protestan Church.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    POLONIA – CINA – GMG
    “Il nostro sogno è portare la Gmg in Cina. Nonostante gli ostacoli del governo”



    La foltissima delegazione del mondo cinese a Cracovia per la XXXI Giornata mondiale della Gioventù non perde la speranza: “Il governo ha fatto e fa tante cose per scoraggiarci. Ma non potranno vincere per sempre. E un giorno il Papa celebrerà i giovani in Cina”. La gioia e lo stupore di essere in Polonia: “Al di là del lato religioso è un viaggio meraviglioso: nel nostro Paese oramai viviamo chiusi un carcere culturale, passiamo il tempo a contarci le dita. Qui invece c’è tutto il mondo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®