24 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/02/2014, 00.00

    IRAN

    Teheran festeggia i 35 anni dalla rivoluzione di Khomeini, mentre si prepara a dialoghi "costruttivi" sul nucleare



    Rouhani parla alla folla in piazza Azadi e minimizza la possibilità di una guerra contro Teheran. Ma le frange più estremiste lo accusano di fare troppe concessioni agli Stati Uniti.

    Teheran (AsiaNews) - Centinaia di migliaia di persone si sono riversate oggi nelle strade della capitale iraniana per celebrare i 35 anni dalla rivoluzione capeggiata dall'ayatollah Ruhollah Khomeini, che ha portato alla caduta dello scià e alla fondazione della repubblica islamica.

    Parlando davanti alla folla radunata in piazza Azadi, il nuovo presidente iraniano, il moderato Hassan Rouhani, ha ricordato che la prossima settimana a Vienna vi sarà il prosieguo dei dialoghi sul nucleare con il gruppo P5+1 (Usa, Russia, Gran Bretagna, Francia, Cina e Germania). Egli ha detto che spera in dialoghi "onesti e costruttivi" e ha minimizzato l'ipotesi di un attacco militare contro l'Iran.

    Fino a pochi mesi fa tale attacco - da parte degli Stati Uniti e/o Israele - sembrava imminente, giustificato dal timore che il programma nucleare iraniano avesse come scopo la produzione di armamenti nucleari. Ma in novembre, dopo l'elezione di Rouhani avvenuta in giugno, si è aperto un clima di maggior apertura: Teheran ha accettato di diminuire alcune attività nei siti nucleari; in cambio la comunità internazionale ha allentato il regime di sanzioni che sta provando a fondo le fibre economiche del Paese.

    L'allentamento della tensione è vista come una vittoria di Rouhani, dopo quasi un decennio di emarginazione dell'Iran durante la presidenza di Mahmoud Ahmadinejad, caratterizzato da pesante opposizione e violenti discorsi contro Usa e Israele.

    Finora Rouhani sembra avere l'appoggio del capo supremo, l'ayatollah Alì Khamenei. Ma le frange più estremiste del Paese accusano il nuovo presidente di fare troppe concessioni agli Stati Uniti.

    Il ministro iraniano degli esteri, Javad Zarif, ha detto che i prossimi dialoghi sul nucleare a Vienna saranno "difficili" e che "la sfida più grande è la mancanza di fiducia". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/04/2016 15:09:00 IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.



    02/05/2016 12:05:00 IRAN
    Teheran, al nuovo parlamento sempre più riformisti e più donne

    Dopo il secondo turno delle elezioni di tre giorni fa, i riformisti possono contare su 133 seggi; i conservatori su 125, che per la prima volta perdono la maggioranza. Vi sono anche 17 donne, in maggioranza riformiste. Una deputata è stata bloccata dal Consiglio dei Guardiani per aver stretto la mano ad un uomo. I dubbi su Khamenei.



    20/04/2016 08:57:00 IRAN-USA
    Kerry e Zarif per attuare l’accordo nucleare. Negli Usa c’è chi frena

    L’incontro è avvenuto nella sede Onu di New York. Gli Usa non hanno ancora tolto il divieto nell’uso del dollaro per l’Iran. In questo modo Teheran non può ricevere crediti per 100 miliardi accumulati in questi anni. Allo stesso tempo, banche e compagnie europee sono timorose nell’aprire contratti con Teheran perché temono multe da parte degli Stati Uniti.



    05/08/2013 IRAN
    Giura Hassan Rohani, nuovo presidente iraniano: Dialogo, non sanzioni
    Toni molto moderati e concilianti nel suo discorso di giuramento. Nel suo governo diversi tecnocrati moderati e con lauree negli Usa. La Casa Bianca si definisce "un partner volenteroso". A causa delle sanzioni Onu e di quelle unilaterali di Usa e Ue, la situazione economica dell'Iran è disastrosa. Per Netanyahu a Teheran è cambiato il presidente, ma non è cambiato lo scopo del Paese: distruggere Israele.

    14/01/2015 IRAN - USA
    Riprendono i dialoghi sul nucleare iraniano: i freni negli Usa e in Iran
    Kerry e Zarif si incontrano già oggi a Ginevra. Negli Usa una frangia repubblicana - insieme a Israele - vorrebbe mantenere la pressione su Teheran. In Iran le Guardie rivoluzionarie rivendicano l'orgoglio del programma nucleare. Rouhani: Avere missili, ma non industrie e agricoltura rende debole il Paese. Guardie rivoluzionarie sospettate di corruzione.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®