17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/06/2017, 09.18

    IRAN

    Teheran, i dati premiano le riforme di Rouhani: l’economia iraniana segna un +8,3%



    I dati dell’Ufficio centrale di statistica confermano la crescita del Paese dalla rimozione (parziale) delle sanzioni. Il Pil passa da 16,6 miliardi di dollari a 18,04. Decisivo l’aumento delle esportazioni nei prodotti petroliferi. Indici positivi anche per il settore agricolo, industria e manifattura. Attesa per i dati della Banca centrale.

    Teheran (AsiaNews) - Nell’ultimo anno fiscale (marzo 2016-17) l’economia iraniana ha registrato un vero e proprio exploit, facendo registrare un più 8,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È quanto emerge dagli ultimi dati forniti dall’Ufficio centrale di statistica (Sci) della Repubblica islamica, a conferma dell’efficacia delle riforme attuate dal presidente Hassan Rouhani, trionfatore alle elezioni del 19 maggio scorso che gli hanno assicurato un secondo mandato.

    Il Prodotto interno lordo (Pil) per i prodotti non petroliferi ha raggiunto quota 17,19 miliardi di dollari. Se si considerano anche i proventi legati al greggio il dato sale a 18,04 miliardi di dollari, con un balzo significativo rispetto ai 16,6 miliardi dell’anno precedente.

    Il tema economico ha ricoperto un ruolo di primo piano in campagna elettorale, diventando oggetto di un aspro dibattito fra i candidati con scambi di accuse incrociate. Le ultime rilevazioni attestano l’efficacia dell’operato del leader moderato, artefice dello storico accordo sul programma atomico, che ha determinato un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche dell’Occidente.

    Analisti ed esperti sottolineano che la crescita economica è legata a doppio filo all’aumento dell’esportazione di greggio e di altri derivati del petrolio, frutto dell’apertura di alcuni mercati, in particolare di Europa e Russia. Escludendo i proventi derivanti dall’oro nero, la crescita economica ha fatto registrare un saldo più che positivo, con un +6,3%.

    Secondo i dati forniti dal governo di Teheran, la produzione di petrolio grezzo ha raggiunto i 3,8 milioni di barili al giorno alla fine dell’anno fiscale, con una crescita marcata rispetto ai 3 milioni scarsi del periodo precedente. Il dato era ancora più basso nel periodo in cui erano in atto le sanzioni, quando la produzione è scesa ai 2,5 milioni di barili al giorno e le esportazioni erano limitate a poco meno di un milione, dirette verso i pochi Paesi compratori in Asia.

    Oltre al petrolio, il saldo positivo si registra anche nel settore agricolo con un aumento del 5% secondo il dato fornito dagli esperti dello Sci. Espansione fino all’11,3% per il comparto industriale, che comprende anche le miniere, la manifattura, l’energia e il settore edile. Per i servizi la crescita nell’anno fiscale marzo 2016-2017 (che corrisponde al calendario iraniano) è del 7,1%.

    Ora l’attesa si sposta sugli esperti della Banca centrale dell’Iran, che prende in esame periodi diversi rispetto a quelli dello Sci e per questo i dati possono (spesso) discordare. In ogni caso anche per la Bci il saldo positivo pare confermato, con gli ultimi dati risalenti al dicembre 2016 che parlano di crescita dell’11,9%. Il dato si ferma però all’1,9% se si escludono i proventi derivanti dal petrolio.

    Di contro, sono inferiori le stime di crescita - pur mantenendo sempre un saldo positivo - previste dagli esperti del Fondo monetario internazionale (Fmi); le previsioni per il 2017 parlano di più 3,3%, che toccherà il 4,3% nell’anno seguente. Il fondo ha fissato a + 6,5% la crescita per il 2016.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/05/2017 12:40:00 IRAN
    Rouhani: economia, Riyadh e Washington, le sfide interne e globali del confermato presidente

    Migliaia di persone in piazza hanno celebrato la vittoria del candidato moderato, confermato per un secondo mandato. Il programma di riforme condizionato ai successi in campo economico e alla lotta alla corruzione. Il voto delle municipali nei grandi centri premia i candidati riformisti e moderati.

     



    20/05/2017 10:41:00 IRAN
    Elezioni in Iran: Hassan Rouhani vince il secondo mandato

    Ha ottenuto il 57% dei voti. Grande partecipazione degli iraniani: ha votato il 70% degli elettori. Sconfitto il conservatore Ebrahim Raisi.



    13/05/2017 11:28:00 IRAN
    Presidenziali in Iran: Rouhani contro tutti nell’ultimo dibattito tv prima del voto

    Scambi di accuse e battute al vetriolo nel confronto fra i candidati. Il leader uscente ha criticato Raisi perché “sfrutta la religione” per il consenso. Del sindaco di Teheran ha ricordato le violenze contro gli studenti. Secca la replica dei rivali: Rouhani colpevole della crisi economica e del fallimentare accordo sul nucleare. 

     



    21/04/2017 08:55:00 IRAN
    Presidenziali in Iran: sarà sfida a due fra Rouhani e Raisi. Escluso Ahmadinejad

    Il Consiglio dei Guardiani della Costituzione ha approvato sei nomi su un totale di 1600 aspiranti presidenti. Respinta la candidatura di 130 donne; anche per il 2017 sarà una partita fra soli uomini. Economia e accordo nucleare i temi caldi della campagna elettorale. Bloccata la corsa al terzo mandato per l’ex presidente ultraconservatore, considerato figura “che divide” da Khamenei. 



    13/04/2017 09:57:00 IRAN
    Iran: l’economia, più dell’islam, ago della bilancia nelle elezioni presidenziali

    Al voto il 19 maggio. Dal 1979 il leader uscente ha sempre ottenuto un secondo mandato. A sfidare Rouhani un fedelissimo del grande ayatollah, Ebrahim Raisi, e Hamid Baghaei, ex numero due di Ahmadinejad, che annuncia la propria candidatura fra lo stupore generale. Gli sfidanti accusano Rouhani di aver affossato l’economia; il presidente risponde con dati che indicano “progressi”.

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®