16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/03/2011, 00.00

    IRAN

    Teheran reprime le proteste contro gli arresti di Mousavi e Kharroubi



    Le milizie Basij attaccano i dimostranti con bastoni, armi da fuoco e gas lacrimogeni. Decine di arresti. Manifestazioni a Teheran e nelle piazze di altre grandi città dell’Iran. Un video da Shiraz. L’Onda verde vuole che tutti i leader vengano liberati. Un'altra manifestazione è programmata per il 15 marzo. Parlamentari hanno domandato che Mousavi e Kharroubi siano processati e impiccati.
    Teheran (AsiaNews) – Usando bastoni, armi da fuoco e gas lacrimogeni, milizie Basij e polizia in tenuta anti-sommossa si stanno scontrando con migliaia di dimostranti iraniani chiamati oggi a raccolta per contestare l’arresto illegale dei loro leader, e in particolare contro gli arresti domiciliari di Mir Hossein Mousavi e Mehdi Kharroubi, oppositori di Ahmadinejad.
     
    Scontri si registrano in diverse piazze di Teheran (Ferdousi, Vali Asr, Enghelab, Azadi…) e viali (Jamalzadeh, Behboudi, Navab, Kargare Shomali, e davanti all’università di Teheran).
     
    I giovani dell’Onda verde - che hanno scosso il regime degli ayatollah dopo le elezioni pilotate del giugno 2009 - si erano dati appuntamento nella capitale oggi alle 17 per marciare da piazza Imam Hossein alla piazza Azadi, gridando slogan come ““Ya Hossein, Mir Hossein” e “Ya Mehdi, Sheikh Medi”. Gli organizzatori hanno invitato a fare manifestazioni anche in altre piazze delle maggiori città iraniane.  
     
    Fonti locali confermano che in corso vi sono manifestazioni e scontri a Mashhad, Tabriz, Karaj e Shiraz (v. il video). A Mashhad si registrano almeno 10 arresti, e diversi anche a Teheran.
     
    L’Onda verde ha già in programma un’altra manifestazione a livello nazionale, fissata per il 15 marzo, festa iraniana del ChaharShanbe Souri.
     
    Sulla scia della rivoluzione dei gelsomini che sta trasformando l’Africa del Nord, lo scorso 14 febbraio migliaia di sostenitori di Mousavi e Kharroubi hanno marciato per le strade di Teheran, scontrandosi con le forze di sicurezza. Secondo l’opposizione, la polizia ha arrestato almeno 1500 persone; secondo il governo solo 10.
     
    Le manifestazioni di oggi e quelle che verranno chiedono al regime di lasciare liberi tutti gli arrestati.
     
    Ieri Kaleme, un sito dell’opposizione, ha diffuso la notizia che Mousavi e Kharroubi erano stati trasferiti nella prigione di Heshmatieh a Teheran, sotto il controllo dell’esercito. Assieme ai due leader sono state arrestate anche le loro mogli, Zahra Rahnavard e Fatemeh Karroubi.
     
    Il governo non ha confermato la notizia, ma l’agenzia semiufficiale Fars ha riportato le dichiarazioni del pubblico ministero generale Mohseni Eje’i, secondo cui i due leader sono agli arresti domiciliari e non in carcere, ma in completo isolamento.
     
    Secondo Kaleme, le figlie di Mousavi hanno tentato varie volte di contattare i loro genitori, ma senza successo. In più, nei giorni scorsi le luci dell’appartamento erano sempre spente.
     
    Il figlio di Mehdi Kharroubi ha invece citato un vicino di casa che gli ha confermato di aver visto nei giorni scorsi otto camionette della sicurezza che hanno portato via i suoi genitori verso una destinazione sconosciuta.
     
    Fino ad ora il regime di Teheran, su indicazione della guida suprema, Ali Khamenei, non aveva mai arrestato i due oppositori di Ahmadinejad, ma nelle scorse settimane vari fondamentalisti hanno chiesto il loro arresto.
     
    Dopo gli scontri del 14 febbraio, nel tentativo si sedare nuove manifestazioni, diversi parlamentari iraniani hanno chiesto che Mousavi e Kharroubi siano processati e condannati all’impiccagione.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/05/2011 MEDIO ORIENTE
    Il G8 promette aiuti economici alla “primavera araba”
    Almeno 20 miliardi di dollari Usa, soprattutto a Tunisia e Egitto. Gli aiuti condizionati allo sviluppo democratico. In passato il G8 ha finanziato le dittature cadute, e ha promesso aiuti che non sono mai giunti a destinazione. Condanna della violenza in Siria e Bahrein e ultimatum a Gheddafi.

    22/02/2011 CINA – MEDIO ORIENTE
    Le rivoluzioni “colorate” del Medio Oriente e i timori di Pechino
    La Cina ha paura delle recenti rivoluzioni che stanno scuotendo gran parte dei regimi dei Paesi arabi. Nel timore di rivolte le maggiori autorità comuniste cinesi ostentano riforme sociali per le classi più disagiate e reprimono qualsiasi tentativo di solidarietà con i manifestanti arabi. Potranno tenersi lontani dalla Cina i venti del cambiamento che stanno soffiando dall’Africa e dal Medio Oriente? Pubblichiamo di seguito un’analisi di Willy Lam, giornalista dell’agenzia di informazione Jamestown Foundation di Washington.

    15/02/2011 IRAN
    A Teheran un morto e decine di feriti. Pugno di ferro sulle manifestazioni per le riforme
    L’ondata di protesta dopo Egitto e Tunisia scuote anche il regime degli ayatollah. L’opposizione scende in piazza, sfidando il governo, che risponde con una violenta repressione.

    17/08/2017 09:49:00 IRAN
    Kharroubi ricoverato: in sciopero della fame per chiedere un processo pubblico

    Accetterebbe il verdetto anche se non si aspetta un “processo giusto”. Le sue condizioni di salute, peggiorate a luglio, sono deteriorate dopo un giorno di digiuno da cibo e acqua. Il leader riformista è ai domiciliari dal 2011 senza accusa formale e vive sotto il costante controllo delle guardie.



    30/01/2010 IRAN
    Folla a Qom grida “Morte a Khamenei”, in ricordo di Montazeri
    Nonostante rigidi controlli e posti di blocco, un gruppo di persone si è radunata a 40 giorni dalla morte dell’ayatollah defunto. Non si placa la pressione dell’Onda verde, anche se aumenta la repressione.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®