29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/01/2016, 00.00

    IRAN – STATI UNITI

    Teheran rilascia i marinai Usa, scongiurata una crisi diplomatica



    Il governo iraniano ha liberato i 10 militari americani che avevano sconfinato nelle acque del Golfo per un errore tecnico dovuto a macchinari guasti. La Guardia rivoluzionaria li identifica come “marines”, ma conferma la scarcerazione. Washington si scusa, i repubblicani attaccano la “debolezza” di Obama.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Il governo di Teheran ha confermato la liberazione dei 10 marinai americani (nove uomini e una donna) fermati nelle acque del Golfo su due motovedette che avevano sconfinato nelle acque territoriali iraniane. Un generale della Guardia rivoluzionaria ha letto in televisione un documento in cui si annunciava la scarcerazione: “I dieci marines non stavano spiando e non sono entrati in maniera intenzionale nelle nostre acque”. Il governo Usa si sarebbe scusato in via informale per l’accaduto, mentre la Marina americana ha aperto un’indagine per “fare chiarezza sull’errore grossolano”.

    La detenzione del gruppo di militari statunitensi, dicono gli analisti, aveva il potenziale per innescare una nuova e serissima crisi diplomatica. In ballo c’è infatti la rimozione delle sanzioni Usa nei confronti dell’Iran, misure economiche che hanno messo in ginocchio il Paese. Queste dovrebbero essere annullate con un voto unanime del Congresso americano dopo l’accordo sul nucleare di Teheran.

    Il Pentagono conferma l’accaduto e sottolinea la “buona volontà” degli iraniani: “Non abbiamo indicazioni di violenza, i nostri inquirenti faranno luce sull’accaduto”. Il gruppo, ancora in un porto mediorientale non identificato, riprenderanno il mare appena spunta il nuovo giorno “per la loro stessa sicurezza”. Alla base di tutto ci sarebbero delle radio rotte e la necessità di creare un ponte per ottenere informazioni sulla rotta.

    A contrastare l’apparente buonsenso dei militari è intervenuta la politica americana. Nel momento in cui avveniva l’incidente, infatti, il presidente Usa Barack Obama pronunciava al Congresso riunito il suo ultimo discorso sullo stato della nazione prima delle presidenziali di novembre 2016. Obama ha sottolineato la necessità di aprire nuovi canali di dialogo con l’Iran e ha chiesto di non demonizzare il mondo islamico, citando tra l’altro anche papa Francesco: “L’odio non prevarrà”.

    I candidati repubblicani alla presidenza, tra cui Donald Trump e Marco Rubio, hanno invece usato la vicenda dei marinai come pungolo contro il leader democratico. Il miliardario Trump ha sottolineato la “debolezza di Obama, che invece di parlare dei pasdaran fa loro le coccole”, mentre Rubio – che punta sul voto ispanico – ha dichiarato: “Teheran sta testando i confini di questa amministrazione” per capire fino a che punto può spingersi.

    Il generale Hassan Firouzabadi, uno dei “falchi” dell’esercito iraniano, ha risposto: “Questi deputati americani che ogni giorno tirano fuori un nuovo ostacolo contro l’Iran sembrano non avere le giuste informazioni. Spero che l’incidente [con i marinai], che probabilmente non sarà l’ultimo errore delle forze armate americane in questa regione, sia di lezione per questi membri del Congresso abituati a lapidarci”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/04/2010 CINA – IRAN – STATI UNITI
    Iran e yuan allentano la tensione fra Cina e Usa
    In una lunghissima telefonata, Hu Jintao e Barack Obama decidono una linea comune sul nucleare iraniano. Gli analisti avvertono: “Pechino potrebbe sacrificare Teheran in cambio di una tregua sulla questione valutaria”.

    12/11/2014 CINA - USA
    Cina e Stati Uniti: accordo sul clima, ma "entro il 2030"
    Il vertice Apec si è concluso nella capitale cinese con una insolita conferenza stampa congiunta di Obama e Xi Jinping. I due Paesi, responsabili del 45% dell'inquinamento di tutto il mondo, si impegnano a diminuire le emissioni di gas serra, ma fissano i paletti per il prossimo decennio. E il governo cinese censura le informazioni sulla qualità dell'aria.

    28/01/2010 USA - IRAN - COREA DEL NORD
    Obama: Monito a Corea del Nord e Iran sulla minaccia nucleare
    Nel suo discorso sullo stato dell’Unione, il presidente americano sottolinea che “il pericolo più grande per il popolo americano” è che le armi nucleari finiscano nelle mani di terroristi. Isolare ancora di più Pyongyang e Teheran, con sanzioni ancora più aspre. Obama promette l’uscita delle truppe Usa dall’Iraq entro l’agosto 2010 e dall’Afghanistan entro il 2011. Ma il nucleo del suo discorso era legato ai problemi interni degli Usa, soprattutto all’economia. Nel 2010 occorre creare posti di lavoro.

    21/03/2009 IRAN – STATI UNITI
    Iran, Khamenei detta le condizioni per il dialogo con Obama
    Il leader spirituale iraniano chiede cambiamenti nella politica Usa prima di aprire i canali diplomatici. L’alleggerimento delle sanzioni e lo scongelamento dei capitali il primo passo concreto. L’apparente chiusura di Khamenei intende evitare spaccature nel fronte interno del Paese.

    07/11/2012 STATI UNITI – ASIA
    Il mondo si congratula con Obama, ma l’Asia mette qualche freno
    Nel coro (scontato) delle felicitazioni internazionali per la vittoria del democratico spiccano un editoriale del China Daily – “avremo nuovi scontri commerciali con questa amministrazione” – insieme alle minacce iraniane e dei gruppi estremisti del Pakistan. Fratelli musulmani molto tiepidi, Europa davvero entusiasta.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®