23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/07/2017, 14.05

    IRAN

    Teheran: la sfida delle guidatrici iraniane al velo obbligatorio



    Si oppongono al divieto nonostante le multe e i sequestri. Acceso dibattito sullo spazio “privato” o “pubblico” dell’auto. Per il vicecapo della magistratura solo le parti invisibili dell’auto, come il bagagliaio, sono private. Nonostante le restrizioni, le donne sono parte attiva della società.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Sempre più donne iraniane si ribellano alle regole restrittive a loro imposte, come l’obbligo di indossare l’hijab [velo in arabo, ndr] alla guida. Nonostante vengano spesso fermate, multate e sia loro sequestrata temporaneamente l’automobile, a Teheran molte guidatrici continuano a tenere il velo sulle proprie spalle.

    L’atto di ribellione delle iraniane ha dato il via a un acceso dibattito nel Paese riguardo all’ambito “privato”, dove le donne avrebbero maggior libertà nel loro abbigliamento, o “pubblico” della vettura, dove invece il velo è obbligatorio. Secondo Hadi Sadeghi, vicecapo della magistratura, la parte “invisibile” dell’auto (ovvero il bagagliaio) è da considerarsi spazio privato, ma non le parti “visibili”.  Le sue parole hanno scatenato ampia ironia online, mentre il dibattito è arrivato alle agenzie stampa statali.

    Hossein Ahmadiniaz, avvocato, ha sostenuto in una dichiarazione all’agenzia stampa Irna che è un compito del parlamento definire il concetto di spazio privato, e non della polizia. A questo proposito, il parlamentare Yahya Kamalpour ha commentato: “Lo spazio all’interno delle vetture è privato, e la polizia non ha alcun diritto di entrare in esso senza un ordine giudiziario”.

    A discapito delle restrizioni, le donne sono una parte sempre più attiva della società iraniana. Al momento, ci sarebbero delle donne fra le proposte per posizioni ministeriali. A quanto riferisce Ilna, Zahra Shojaee e Shahindokht Molaverdi sarebbero fra le indicate per il ministero dell’istruzione.

    Lo scorso 9 luglio, la compagnia area nazionale Iran Air ha nominato per la prima volta una donna, Farzaneh Sharafbafi, come amministratore delegato. Sharafbafi è anche la prima donna iraniana ad avere un dottorato in studi aerospaziali. Inoltre, a fine giugno un decreto ministeriale ha aperto all’uguaglianza di genere nel campo petrolifero. Ieri, la voce dell’ex-calciatore Ali Karimi si è aggiunta a quella del suo collega Masud Shojaei a favore dell’ingresso delle donne negli stadi. A quanto riferisce Radio Free Europe/Radio Liberty, a volte alcune donne hanno sfidato il divieto travestendosi da uomini.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/07/2017 13:14:00 ARABIA SAUDITA
    Il Regno saudita apre alla ginnastica per le bambine nelle scuole pubbliche

    Lo ha annunciato il ministero all’istruzione, che precisa che l’introduzione dell’educazione fisica avverrà nel rispetto della sharia. Per i conservatori, essa è “immodesta” e contro la “natura” femminile. Mancano le strutture e le istruttrici. Per superare le reticenze degli oppositori, le autorità saudite sostengono l’argomentazione della salute.



    27/09/2017 08:40:00 ARABIA SAUDITA
    Riyadh, abolito il divieto: le donne potranno guidare

    La nuova legge entrerà in vigore il prossimo 24 giugno. Il divieto è il simbolo della repressione femminile nel regno. Le donne colte alla guida venivano arrestate e punite con 10 frustate. La gioia delle attiviste e le critiche degli ultra-conservatori. Riyadh mira a favorire l’accesso femminile al lavoro, limitato dalle difficoltà di spostamento.



    21/07/2017 10:39:00 IRAN
    Parlamentari per l’abolizione della legge di cittadinanza che discrimina le donne

    Solo gli uomini possono dare la cittadinanza ai figli e alla coniuge. In questo modo, migliaia di bambini rimangono privi di cittadinanza. I più vulnerabili sono i figli dei rifugiati afghani.



    10/11/2017 08:35:00 QATAR
    Doha: per la prima volta, quattro donne al consiglio della Shura

    È uno dei più importanti organi consultivi del Paese. Nel mezzo della crisi diplomatica, il Qatar apre a concessioni e riforme nelle politiche sociali. 



    23/04/2014 IRAN
    Iran, il presidente Rouhani: Basta discriminazione, uguali diritti e opportunità alle donne
    Il capo di Stato ha parlato al National Forum on Women Shaping Economy and Culture. Egli ha criticato "quelli che considerano una minaccia la presenza delle donne nella società. Secondo le leggi islamiche l'uomo non è il sesso forte e la donna non è quello debole".



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®