21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/07/2017, 14.05

    IRAN

    Teheran: la sfida delle guidatrici iraniane al velo obbligatorio



    Si oppongono al divieto nonostante le multe e i sequestri. Acceso dibattito sullo spazio “privato” o “pubblico” dell’auto. Per il vicecapo della magistratura solo le parti invisibili dell’auto, come il bagagliaio, sono private. Nonostante le restrizioni, le donne sono parte attiva della società.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Sempre più donne iraniane si ribellano alle regole restrittive a loro imposte, come l’obbligo di indossare l’hijab [velo in arabo, ndr] alla guida. Nonostante vengano spesso fermate, multate e sia loro sequestrata temporaneamente l’automobile, a Teheran molte guidatrici continuano a tenere il velo sulle proprie spalle.

    L’atto di ribellione delle iraniane ha dato il via a un acceso dibattito nel Paese riguardo all’ambito “privato”, dove le donne avrebbero maggior libertà nel loro abbigliamento, o “pubblico” della vettura, dove invece il velo è obbligatorio. Secondo Hadi Sadeghi, vicecapo della magistratura, la parte “invisibile” dell’auto (ovvero il bagagliaio) è da considerarsi spazio privato, ma non le parti “visibili”.  Le sue parole hanno scatenato ampia ironia online, mentre il dibattito è arrivato alle agenzie stampa statali.

    Hossein Ahmadiniaz, avvocato, ha sostenuto in una dichiarazione all’agenzia stampa Irna che è un compito del parlamento definire il concetto di spazio privato, e non della polizia. A questo proposito, il parlamentare Yahya Kamalpour ha commentato: “Lo spazio all’interno delle vetture è privato, e la polizia non ha alcun diritto di entrare in esso senza un ordine giudiziario”.

    A discapito delle restrizioni, le donne sono una parte sempre più attiva della società iraniana. Al momento, ci sarebbero delle donne fra le proposte per posizioni ministeriali. A quanto riferisce Ilna, Zahra Shojaee e Shahindokht Molaverdi sarebbero fra le indicate per il ministero dell’istruzione.

    Lo scorso 9 luglio, la compagnia area nazionale Iran Air ha nominato per la prima volta una donna, Farzaneh Sharafbafi, come amministratore delegato. Sharafbafi è anche la prima donna iraniana ad avere un dottorato in studi aerospaziali. Inoltre, a fine giugno un decreto ministeriale ha aperto all’uguaglianza di genere nel campo petrolifero. Ieri, la voce dell’ex-calciatore Ali Karimi si è aggiunta a quella del suo collega Masud Shojaei a favore dell’ingresso delle donne negli stadi. A quanto riferisce Radio Free Europe/Radio Liberty, a volte alcune donne hanno sfidato il divieto travestendosi da uomini.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/07/2017 13:14:00 ARABIA SAUDITA
    Il Regno saudita apre alla ginnastica per le bambine nelle scuole pubbliche

    Lo ha annunciato il ministero all’istruzione, che precisa che l’introduzione dell’educazione fisica avverrà nel rispetto della sharia. Per i conservatori, essa è “immodesta” e contro la “natura” femminile. Mancano le strutture e le istruttrici. Per superare le reticenze degli oppositori, le autorità saudite sostengono l’argomentazione della salute.



    27/09/2017 08:40:00 ARABIA SAUDITA
    Riyadh, abolito il divieto: le donne potranno guidare

    La nuova legge entrerà in vigore il prossimo 24 giugno. Il divieto è il simbolo della repressione femminile nel regno. Le donne colte alla guida venivano arrestate e punite con 10 frustate. La gioia delle attiviste e le critiche degli ultra-conservatori. Riyadh mira a favorire l’accesso femminile al lavoro, limitato dalle difficoltà di spostamento.



    21/07/2017 10:39:00 IRAN
    Parlamentari per l’abolizione della legge di cittadinanza che discrimina le donne

    Solo gli uomini possono dare la cittadinanza ai figli e alla coniuge. In questo modo, migliaia di bambini rimangono privi di cittadinanza. I più vulnerabili sono i figli dei rifugiati afghani.



    23/04/2014 IRAN
    Iran, il presidente Rouhani: Basta discriminazione, uguali diritti e opportunità alle donne
    Il capo di Stato ha parlato al National Forum on Women Shaping Economy and Culture. Egli ha criticato "quelli che considerano una minaccia la presenza delle donne nella società. Secondo le leggi islamiche l'uomo non è il sesso forte e la donna non è quello debole".

    10/07/2015 PAKISTAN
    Pakistan: il “crimine” di essere donne e non musulmane
    L’Ong cristiana Centre for Legal Aid Assistance and Settlement (Class) ha organizzato un seminario sulla violenza contro le donne. Nel 2014 solo nel Punjab si sono consumati più di 900 omicidi d’onore, 500 sequestri e oltre 400 stupri di gruppo.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®