21 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/06/2017, 09.33

    ISLAM-M.ORIENTE

    Terrorismo e migranti: un dialogo necessario fra musulmani e cristiani (Terza parte)

    Samir Khalil Samir

    L’ondata di migranti che cercano rifugio in Europa non accenna a esaurirsi. Fra loro, i musulmani sono quelli che si adattano con maggior fatica a uno stile di vita giudicato “decadente”. L’integrazione implica accettazione della scala dei valori dell’occidente, fra cui la dignità della donna è al primo posto. I cristiani non devono “difendersi dall’invasione islamica”, ma incontrare e testimoniare la fede nella carità e nell’amore.

    Roma (AsiaNews) – I musulmani che vengono in Europa a cercare rifugio fanno fatica a integrarsi nella cultura occidentale. Per questo è importante aiutarli ad assimilare i valori dell’occidente soprattutto quelli legati alla dignità della donna, senza alcun compromesso. I cristiani, a loro volta, sono chiamati a testimoniare la loro fede e la loro accoglienza. Il dialogo sulla religione è una conseguenza dell’amore vissuto e offerto. Pubblichiamo qui la Terza parte dell’analisi di p. Samir Khalil Samir, gesuita, islamologo sull’urgenza del dialogo fra cristiani e musulmani. Per la Seconda parte vedi qui; per la Prima parte qui.

     

    5. Accogliere i Musulmani in Europa e aiutarli ad integrarsi

    La crisi del mondo islamico e la reazione violenta all’interno del mondo arabo e oltre, hanno provocato migliaia di morti e milioni di migranti, la maggioranza dei quali cerca asilo in Europa. Sono ormai circa 8 milioni gli emigranti che desiderano venire in Europa, e il flusso non si fermerà. La maggioranza di loro sono musulmani, provenienti non solo dal mondo arabo, ma anche dall’Africa e da altre parti. Inoltre, sono spesso dei musulmani di ambiente modesto, con una cultura non molto sviluppata. I ricchi musulmani, che hanno studiato all’università, offrono meno problemi.

    Ora, c’è un fatto evidente in tutto il mondo: il musulmano ha grosse difficoltà ad integrarsi in Occidente. Il motivo è chiaro: essendo l’islam un progetto globale (religioso, politico, militare, economico, sociale, modo di vestire, di mangiare, di relazionarsi agli altri, ecc.), chi viene in Occidente non può sottomettersi spontaneamente alle leggi, alle norme e alle usanze di quest’altro mondo. Per il musulmano di oggi la shari’a è ciò che governa tutta la vita. Disobbedire alle norme della shari’a è il crimine più grave. Quanto alle norme occidentali, sono spesso viste come cattive o addirittura peccaminose. Per questo motivo, il musulmano non vede perché dovrebbe adottare usanze e comportamenti che, a suo parere, sono decadenti, anzi contrarie alla Legge divina rappresentata dalla shari’a islamica.

    Per questo motivo fin dal primo istante, è essenziale far capire all’emigrato musulmano la differenza culturale che esiste tra i due mondi; e spiegare all’emigrato musulmano che le sue norme, anche se sono sacre per lui, non hanno valore in Occidente. Se vuole vivere qui, deve obbligatoriamente sottomettersi ai valori del Paese, anche se gli sembrano scorrette. Lo stesso vale per l’Occidentale che vuol vivere in un Paese musulmano: deve sottomettersi alle norme di tale Paese, anche se gli sembrano erronee.

    Se vogliamo evitare problemi e conflitti in futuro, questo è un punto fondamentale. Spesso, il comportamento strano del musulmano è giustificato da lui a partire dalla sua cultura islamica, la quale è vista da lui come il “sommo bene”, come il modello perfetto visto che - secondo il suo pensiero - è stato stabilito da Dio stesso.

    Questa “educazione” non è automatica, né avviene in modo spontaneo. Si deve trasmetterla, a cominciare dai bambini, ma spiegandola come una necessità, come un obbligo assoluto, se vogliono vivere in questo Paese. È necessario spiegare che non intendiamo che le norme del nostro Paese siano migliori delle norme altrui, ma semplicemente che ogni Paese ha la propria cultura e norme, che sono (per definizione) “normative”. Se l’interessato non le accetta, è libero; ma deve allora andarsene, per vivere laddove le sue norme sono normative.

    Uno dei punti più sensibili è il rapporto uomo-donna: non è lasciato al parere di ognuno; l’assoluta parità di diritti e doveri tra l’uomo e la donna è una norma assoluta. Contravvenire a questa norma è un delitto! Questo punto è particolarmente difficile da accettare o semplicemente da praticare, perché si oppone a una norma assoluta, stabilita dal Corano e diffusa in tutta la cultura islamica. Perciò appare al musulmano come totalmente inaccettabile ed erroneo. Ma non si può cedere su questo punto.

    6. Annunziare il Vangelo ai Musulmani, sottolineando il Dio Amore e la fraternità universale

    Infine, di fronte a questi musulmani che arrivano in massa, ci sono due atteggiamenti possibili: uno è vedere questa realtà come un’invasione; l’altro di vederla come un appello e una missione. Il primo atteggiamento non serve a nessuno, né a me, né all’altro. Il secondo può cambiare molte cose. Vedere automaticamente gli emigrati come “invasori” è certamente non cristiano. È ovvio che nelle situazioni in cui si trovano la maggioranza di loro, nei Paesi bombardati, con le loro case distrutte, le scuole e gli ospedali cancellati, ecc., ognuno di noi cercherebbe una soluzione più umana alla sua vita. Questo tanto più che la guerra continua, con la sua disumanità! Inoltre, in questi Paesi (Siria, Irak, e tanti Paesi africani), si sa che il governo non farà gran ché per restaurare tutto ciò che è stato distrutto. Non hanno altra scelta che di cercare una soluzione altrove, nei Paesi materialmente più organizzati.

    Detto questo, dobbiamo pensare in quanto credenti cristiani. Il Vangelo di Matteo finisce con queste parole di Gesù ai discepoli: “Andate dunque, e fate discepoli di tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutte le cose che io vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Matteo 28, 19-20; cfr Marco 16, 15-16).

    Non si tratta di fare propaganda, si tratta semplicemente, per ciascuno di noi, di essere fraterno, di testimoniare affetto e amicizia, di esercitare amore e carità. È questo il messaggio del Vangelo. Se si può approfondire la relazione, anche con scambi di idee sulla visione musulmana e quella cristiana, tanto meglio. Non si tratta né di propaganda, né di proselitismo. Ma non dobbiamo esitare a parlare di Cristo e del Vangelo, ed eventualmente paragonarci con la concezione islamica, se la conosciamo.

    Se si può aiutare alcune famiglie a mandare i figli in una scuola cattolica, sarà anche l’occasione per loro di scoprire un pochino che cos’è il cristianesimo.

    D’altra parte, le feste cristiane sono occasioni d’incontro e di scambio. Ugualmente, se si crea l’amicizia con qualche famiglia musulmana, certamente v’inviteranno a partecipare alle feste musulmane, in particolare per il Ramadan.

    Insomma, si tratta di partire dalla convinzione che loro non sono i nostri nemici, ma i nostri fratelli. Se Dio li manda nel nostro Paese, ci sarà anche un motivo di metterci alla prova: siamo veri cristiani, pronti a condividere la nostra fede, fonte della nostra gioia? A condividere la meraviglia che rappresenta il Vangelo? Allo stesso modo, lui condividerà con me il suo Corano, che considera come l’ultimo messaggio di Dio all’umanità.

    In una parola, non dobbiamo aver paura dei musulmani. Sono come noi. Ma non hanno avuto la fortuna di conoscere Cristo, la Vergine Maria e il Vangelo. Hanno diritto a tutto questo: non possiamo tenere questo per noi soli. Ma è ovvio che se voglio condividere il Vangelo con qualcuno, devo essere io il primo a conoscerlo e a viverlo!

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/06/2017 08:28:00 ISLAM-M.ORIENTE
    Terrorismo e migranti: un dialogo necessario fra musulmani e cristiani (Prima parte)

     Fra cristiani e musulmani vi è un buon rapporto in Libano, Siria, Giordania. Le difficoltà sono nate e cresciute con l’Arabia saudita e il suo islam wahhabita, oltre che con i Fratelli Musulmani in Egitto. Il sunnismo di questi è simile a quello di al Qaeda e di Daesh. Il contributo dei cristiani alla cultura araba sulla modernità, sull’educazione, sul ruolo della donna nella società. La cultura araba comune tra cristiani e musulmani in Oriente.



    16/06/2017 10:58:00 ISLAM-M.ORIENTE
    Terrorismo e migranti: un dialogo necessario fra musulmani e cristiani (Seconda parte)

    Alla crisi dell’islam, salafiti, wahhabiti e Fratelli Musulmani rispondono con un ritorno alle origini dell’islam e con una guerra contro i “miscredenti”. Il loro credo è simile a quello di Al Qaeda e Daesh. La guerra fra sunniti e sciiti. Il proselitismo dell’Arabia saudita e la diffusione delle moschee integraliste. Da modello da imitare, l’Europa è divenuta un esempio di “decadenza” da combattere.



    20/06/2017 10:49:00 MEDIO ORIENTE-EUROPA
    Terrorismo e migranti: le leadership in Medio Oriente ricattano l’Europa

    Gli attentati nelle capitali europee mirano a destabilizzare la politica estera di Paesi come Gran Bretagna, Germania, Francia. La posizione “neutrale” dell’Italia non le garantisce l’immunità. L’impegno ad affrontare l’immigrazione con una strategia a lungo termine di convivenza. Ma anche lavorare perché i Paesi di origine dei migranti abbiano sviluppo economico e politico. La profezia di Benedetto XVI nella “Caritas in Veritate”.



    05/08/2016 13:11:00 ISLAM - EUROPA
    Medio oriente: la crisi è culturale, parola di Coranista

    La crisi del Medio oriente nasce dal fatto che si è mescolato il Corano con gli hadith (i detti di Maometto). L’autore, un giovane musulmano siriano “né sunnita, né sciita”, segue il movimento dei Coranisti, che rigetta le Hadith (i detti del profeta), pieni di violenza e legati non strettamente al messaggio religioso del Corano. Tutti i coranisti sono esuli all’estero perché la società sunnita li reputa “miscredenti”. Un islam variegato che si apre all’ecumenismo: Non ci può essere costrizione nella religione.



    29/10/2014 MEDIO ORIENTE - ISLAM
    Solo i cristiani possono mostrare ai musulmani la “folle utopia” dello Stato islamico
    Superstizioni rituali, deportazioni, violenze, giustizia sommaria e indottrinamento sono i cardini su cui poggia il potere dei terroristi. Essi vogliono creare una “città perfetta” di natura teocratica e regressiva. Ma le utopie generano mostri - comunismo, nazismo - e terrore. Ai cristiani il compito di indicare ai musulmani il “vero volto” della loro religione e gli “elementi di violenza”.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®