27 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/03/2010
RUSSIA
Testimoni di Geova“estremisti” e “ostili”: sequestri e incendi
A Tambov sono state sequestrate bibbie, libri, computer. Continuano anche le violenze contro i membri. Una Sala del regno è stata bruciata a Budennovsk (Stavropol).

Mosca (AsiaNews) – Testimoni di Geova ancora nel mirino delle forze di polizia e della magistratura russa. Lo scorso 17 marzo un gruppo di agenti ha fatto irruzione al mattino nelle case di alcune famiglie residenti nella città di Tambov (nell’ovest del Paese). Ordinanza del tribunale alla mano, i poliziotti hanno perquisito le abitazioni e sequestrato un centinaio di libri, tra cui copie del Nuovo Testamento, computer e altro materiale elettronico e cartaceo che documenterebbe l’attività dell’organizzazione religiosa. Secondo la polizia, il materiale conteneva “incitamento all’odio religioso” e molti libri rientrerebbero nell’elenco federale dei testi estremisti, ampliato di recente dal governo con l’inserimento di nuove pubblicazione dei testimoni di Geova.
 
L’ordinanza del tribunale per la perquisizione è basata su un recente caso avviato a norma dell'articolo 282 del Codice Penale della Federazione russa: “Incitamento all’odio o all’ostilità”.  
Continuano anche le aggressioni fisiche contro i fedeli della comunità. La notte del 20 marzo un incendio è esploso in una “Sala del regno” (come si chiamano i luoghi di culto dei testimoni di Geova) nella città di Budennovsk, nella regione di Stavropol. Sospetti fondati, all’interno della comunità, parlano di incendio doloso. 
 
Accusati da tempo di promuovere uno stile di vita settario e ostile alla Federazione russa, la situazione dei testimoni di Geova è andata peggiorando dopo la sentenza di settembre scorso, quando la Corte provinciale di Rostov ha stabilito lo scioglimento dell’organizzazione, la confisca dei beni e il divieto di ogni attività a Taganrog, Neklinov e Matveevo-Kurgan per attività estremiste. 
 
Arresti, interrogatori e denunce penali ai danni dei Testimoni di Geova, tacciati come “setta” dalle “attitudini non amichevoli verso le altre Chiese”, sono diventate sistematiche in molte regioni russe. Le autorità non gradirebbero alcune pratiche dei fedeli come l’obiezione di coscienza verso il servizio militare, il rifiuto all’uso delle armi, la rinuncia alle trasfusioni di sangue e la richiesta di dedizione totale degli adepti alla vita della comunità.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/04/2010 RUSSIA
Cresce l’islamofobia dopo l’attentato al Metro di Mosca
19/11/2009 RUSSIA
“Effetto Dymovsky”: contro la corruzione della polizia di Putin
05/10/2009 RUSSIA
Anche per la Corte dell’Altai i Testimoni di Geova sono "estremisti" da condannare
17/09/2009 RUSSIA
Il tribunale di Rostov mette al bando i Testimoni di Geova: estremisti religiosi
11/01/2010 RUSSIA
Il governo russo conferma le condanne verso i Testimoni di Geova

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate