12/03/2014, 00.00
NEPAL - TIBET - CINA
Invia ad un amico

Tibetani in Nepal nel mirino delle autorità: raid e arresti sommari

di Christopher Sharma
Per non irritare la Cina, il governo di Kathmandu ha autorizzato la polizia a sorvegliare in maniera costante la comunità tibetana residente nel Paese. Perquisizioni notturne e limitazioni agli spostamenti durante gli anniversari "sensibili". Attivista per i diritti umani: "Proibito persino pregare insieme".

Kathmandu (AsiaNews) - Per compiacere il governo cinese, le autorità nepalesi hanno arrestato un gruppo di tibetani che lo scorso 10 marzo hanno manifestato contro Pechino in occasione dell'anniversario della fallita insurrezione anti-comunista del 1959. Lo confermano fonti di polizia: gli arrestati sono stati identificati come Jumpa, Sonam Tashi, Sonam Chodung, Kansang Poldon, Mingma, Apa, Jigned Lama, Suzil Lama, Tanzim Padma e Padma Dolma. La polizia non ha comunicato le accuse mosse contro i rifugiati o il luogo della loro detenzione.

A seguito proprio della fallita insurrezione anti-cinese, oltre al Dalai Lama anche un grande numero di tibetani ha lasciato il proprio Paese per stabilirsi in India e in Nepal. Qui vivono circa 20mila tibetani, che il governo tiene sotto stretto controllo per evitare problemi con Pechino: quasi tutti sono internati in 18 campi profughi, per la maggior parte nella valle di Kathmandu. Il Nepal e la Cina hanno iniziato da circa un decennio un percorso di ri-avvicinamento economico, politico e diplomatico: Kathmandu teme di perdere le ricche commesse dell'imprenditoria cinese e quindi cerca in ogni modo di evitare tensioni.

In quest'ottica, il governo - guidato dal Congress - ha proibito ai tibetani di celebrare l'anniversario. La polizia ha pattugliato i campi per circa un mese, effettuando perquisizioni a sorpresa anche di notte. Nonostante questa situazione, alcuni rifugiati della zona di Hattisar sono riusciti a issare le bandiere tibetane e a urlare slogan anti-cinesi.  

Tsering Lama, attivista per i diritti umani dei tibetani in Nepal, dice: "Molti non sono riusciti a dormire per i raid degli agenti nei campi e persino nelle stanze da letto. Gli agenti sono arrivati a guardare la gente dalle finestre e a bussare all'improvviso per effettuare delle perquisizioni. In più, ci hanno di fatto chiusi dentro i campi senza la possibilità neanche di pregare insieme. Questa è una violazione dei nostri diritti". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rappresentante del Dalai Lama: Lo spirito dei tibetani resta forte, Pechino ci ascolti
10/03/2014
Sichuan, internet bloccato per l’anniversario della rivolta nazionale tibetana
11/03/2017 12:07
La Cina attacca il Dalai Lama: sulla reincarnazione profana il buddismo tibetano
10/03/2015
In Cina diventa una festa il ricordo della repressione del Tibet nel 1959
19/01/2009
Il ritiro del Dalai Lama, “atto d’amore per il Tibet”
11/03/2011