30 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/07/2008
GIAPPONE
Toyota lancia l’auto ibrida a pannelli solari
I pannelli alimenteranno il circuito dell’aria condizionata all’interno della vettura. La soluzione serve a soddisfare la crescente richiesta di mezzi “ecologici”, ma resta la difficoltà di trasformare l’energia solare in combustibile per la vettura.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – La Toyota, gigante giapponese dell’industria automobilistica, ha installato dei pannelli solari su alcuni modelli della nuova Prius (v. foto), la prima autovettura ibrida prodotta dalla compagnia. La decisione della casa nipponica intende soddisfare la sempre maggiore richiesta di auto “ecologiche” e ovviare al problema dell’aumento del prezzo dei carburanti.

Secondo il quotidiano giapponese Nikkei i nuovi modelli saranno dotati di pannelli solari sul tettino, i quali forniranno dai 2 ai 5 kilowatt di elettricità; essi serviranno ad alimentare il circuito di aria condizionata per le versioni “lusso”. Resta comunque difficile la trasformazione di energia solare in combustibile per la vettura, ma va sottolineato il significato simbolico alla base della decisine presa dai progettisti e che intende abbattere in tutti i modi le “emissioni inquinanti”.

Anche questa terza edizione della Prius sarà alimentata da due motori, uno elettrico e l’altro a benzina. Il portavoce della Toyota non ha voluto quantificare la spesa prevista per l’installazione dei pannelli – realizzati dalla multinazionale giapponese Kyocera  – e il numero dei veicoli che verranno prodotti con questa soluzione all’avanguardia. La Prius resta comunque la prima auto ibrida prodotta su larga scala: entrata in commercio nel Paese del Sol Levante nel 1997 e nel 2000 nel resto del mondo, ad oggi vanta un milione di esemplari venduti.

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/11/2012 GIAPPONE
Toyota richiama altre 2,77 milioni di vetture
10/02/2010 GIAPPONE
Tokyo: mercato dell’auto in ginocchio, Honda e Toyota ritirano milioni di vetture
06/08/2004 georgia
Problemi ambientali per l'oleodotto da Baku a Ceyhan
09/03/2015 EMIRATI ARABI UNITI
Inizia il volo Solar Impulse 2, il giro del mondo senza carburanti
13/04/2005 GIAPPONE - CINA
Il Giappone sfida la Cina sui giacimenti di gas

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate