22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/02/2012, 00.00

    CAMBOGIA

    Tribunale dei Khmer rossi: in appello, ergastolo per il compagno Duch



    In primo grado il direttore della prigione S-21, dove sono morte decine di migliaia di cambogiani, aveva subito una condanna a 30 anni. Per i giudici i crimini commessi "sono i peggiori nella storia dell'uomo". Egli è l'unico ad aver ammesso le proprie colpe. Centinaia di sopravvissuti al regime hanno ascoltato la lettura della sentenza.
    Phnom Penh (AsiaNews) - Il tribunale Onu per i crimini di guerra in Cambogia ha respinto oggi l'appello presentato dai legali di Kaing Guek Eav - meglio conosciuto come compagno Duch - commutando in ergastolo la pena a 30 anni di galera inflitta in primo grado. Nel proclamare la sentenza Kong Srim, presidente della Corte, ha sottolineato che i giudici hanno deciso di "comminare la pena del carcere a vita" perché i "crimini commessi [...] sono indubbiamente fra i peggiori registrati nella storia dell'uomo". E per questo l'ex comandante della famigerata S-21, il carcere di Tuol Sleng a Phnom Penh, merita "la pena più elevata possibile". Centinaia di cambogiani - molti dei quali sopravvissuti al genocidio perpetrato dai Khmer rossi - hanno assistito al verdetto finale del procedimento.

    Il 69enne compagno Duch, il solo ad aver ammesso le proprie colpe e aver chiesto perdono, dopo un lungo cammino che l'ha spinto anche a convertirsi al cristianesimo, è stato arrestato nel 2010 e condannato a 30 in primo grado. Nella S-21 sono morte fra le 15mila e le 17mila persone, per fame, stenti, torture o esecuzioni sommarie. Egli ha appellato la sentenza, affermando che era "solo" un ufficiale di seconda fascia, costretto a seguire gli ordini impartiti dai leader Khmer rossi nel "timore di venire ucciso". Tuttavia, i giudici non hanno creduto alle sue parole e hanno aumentato l'iniziale pena a 35 anni, poi ridotta a 30, comminando il carcere a vita.

    Alla caduta del regime dei Khmer rossi il 7 gennaio 1979, con l'invasione di Phnom Penh delle truppe vietnamite, solo sette persone sono riuscite a fuggire dalla prigione, riuscendo a salvarsi e raccontare poi i drammi patiti in carcere. Fra questi vi era il famoso artista Van Nath, che è riuscito a salvarsi dipingendo ritratti di Pol Pot, del compagno Duch e altri leader dei movimento maoista. Le sue celebri opere hanno inoltre documentato un drammatico spaccato della vita nelle celle e delle quotidiane torture inflitte a uomini, donne, bambini e neonati massacrati senza pietà alcuna. Egli è morto il 5 settembre 2011 all'età di 66 anni (cfr. AsiaNews 07/09/2011 Phnom Penh: morto Vann Nath, l’artista che ha dipinto le atrocità dei Khmer rossi).

    La Cambogia porta ancora le ferite della dominazione dei Khmer rossi guidati dal sanguinario Pol Pot, che ha governato il Paese dal 1975 al 1979 seminando morte e distruzione. In pochi anni il regime ha eliminato - per fame o nei famigerati Killing Fields, campi di sterminio alle porte di Phnom Penh - quasi due milioni di persone (circa un quarto della popolazione). Molte delle vittime erano intellettuali, medici, insegnanti ed esponenti dell’elite culturale. Al momento è in corso un secondo processo contro altri tre leader Khmer rossi: Nuon Chea, conosciuto con il soprannome di “Fratello numero due”; Khieu Samphan, ex capo di Stato della Kampuchea Democratica; Ieng Sary, ex ministro degli Esteri del regime.

    Tuttavia i critici sottolineano che il Tribunale Onu, criticato per corruzione e inefficienze, ha colpito - in parte - solo i simboli del regime ma non ha garantito vera giustizia al popolo cambogiano. Pol Pot è morto nel 1998 per malattia e non ha mai subito processi né incriminazioni per le atrocità commesse sotto il suo comando. Inoltre, molti dei vecchi funzionari di secondo piano e vecchi quadri del movimento maoista sono ancora oggi liberi e in molti casi ricoprono importanti ruoli di governo.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/11/2009 CAMBOGIA
    Phnom Penh, si avvia a conclusione “l’inutile processo” al compagno Duch
    In settimana le requisitorie dei pm e l’arringa della difesa, a seguire la sentenza. Rappresentate della pubblica accusa sottolinea i “successi” del procedimento. Fonti di AsiaNews ribattono che “non darà alcun risultato”: il governo “teme l’analisi dei fatti”, perché minaccia “la pace sociale”.

    30/03/2009 CAMBOGIA
    Prima udienza nel processo contro un leader khmer rosso
    Alla sbarra il compagno Duch, che deve rispondere di crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Egli è il solo leader del vecchio regime ad aver ammesso le proprie responsabilità, chiedendo perdono alle vittime. Il dibattimento durerà diversi mesi prima di giungere al verdetto finale.

    29/06/2009 CAMBOGIA
    Processo ai Khmer rossi: la testimonianza di un sopravvissuto
    Vann Nath ha raccontato le drammatiche condizioni dei detenuti nel carcere di Tuol Sleng, dove sono stati massacrati 17 mila cambogiani. Dei sette sopravvissuti, solo tre sono ancora vivi. All’udienza era presente anche il compagno Duch, direttore della prigione. Egli è il solo leader khmer rosso ad aver chiesto perdono.

    02/04/2009 CAMBOGIA
    Duch: da Khmer rosso a cristiano. Il solo a chiedere perdono
    La presa di coscienza è frutto della sua conversione al cristianesimo. Missionario del Pime: la richiesta di perdono rappresenta un “elemento nuovo” per la storia cambogiana, che è alla ricerca di “rapporti umani sui quali ricostruire il tessuto sociale”.

    31/07/2007 CAMBOGIA
    Finalmente davanti a un tribunale uno dei capi dei Khmer Rossi
    Il tribunale internazionale sta interrogando Kaing Khek Lev, più noto col nome di battaglia Duch, che era capo di uno speciale reparto della polizia segreta. E’ l’unico arrestato dei leader del regime maoista di Pol Pot, che tra il 1975 ed il 1979 uccise due milioni di persone.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®