18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/12/2004, 00.00

    TURCHIA - UNIONE EUROPEA

    Turchia – UE: raggiunto accordo tra le ambiguità



    Bruxelles (AsiaNews/Agenzie) – Accolto come un passo storico, l'accordo siglato tra Unione Europea e Turchia lascia ancora dubbi sulla soluzione della questione cipriota. Ieri, le due parti hanno fissato al 3 ottobre 2005 l'apertura dei negoziati sull'eventuale entrata del paese musulmano nei Venticinque, dopo aver superato la crisi aperta dalla richiesta dell'UE del riconoscimento della Cipro greca da parte di Ankara.

    Secondo gli accordi, la Turchia doveva stilare una dichiarazione scritta con la quale si impegnava a firmare un documento, che estende il Protocollo dell'accordo doganale e commerciale ai 10 nuovi membri Ue, riconoscendo così implicitamente la Repubblica di Cipro; il tutto entro l'inizio dei negoziati.

    Il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan è riuscito ad uscire dall'empasse ottenendo un testo di compromesso, nel quale Ankara si impegna, con una dichiarazione verbale, a estendere anche  a Cipro il protocollo. Erdogan ha specificato che il testo non è un riconoscimento ufficiale di Cipro. "Non abbiamo ottenuto il 100% di quello che avremmo voluto - ha detto il premier turco – ma possiamo dire che l'incontro è stato un successo". L'accordo, infatti, rappresenta comunque una vittoria per la Turchia, che da anni si batte per confermare i requisiti richiesti dall'Unione.

    La questione del riconoscimento di Cipro non era mai stata una condizione per l'avvio dei negoziati; l'isola, unitasi all'UE lo scorso maggio, ha però più volte obiettato al fatto che la Turchia rifiutasse di riconoscerla a livello diplomatico. Cipro è divisa fra la comunità greca e quella turca. A livello internazionale, solo la Turchia riconosce lo stato cipriota del nord, ma non quello del sud.

    La due giorni dell'incontro UE – Turchia  ha stabilito per Ankara nuove condizioni da raggiungere prima di potersi dire membro dell'Unione Europea. In agenda: sviluppo delle strutture politiche e economiche, miglioramenti nel campo di diritti umani, rispetto delle minoranze e legislazione. Diritti della dona e libertà religiosa rappresentano le sfide più grandi per il paese; per molti turchi si tratta di una rivoluzione sociale e storica.

    Si ritiene che la Turchia non raggiungerà gli standard richiesti prima di 15 anni; per quel tempo il Paese rappresenterà il blocco più popoloso dell'Unione (più di 80 milioni di abitanti), dato che gli assicurerà un forte potere decisionale e la maggioranza dei seggi nel parlamento europeo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/12/2004 Turchia - Unione Europea
    La questione Cipro divide Turchia e Europa
    Il patriarca Bartolomeo I spera in "una decisione positiva".

    16/12/2004 turchia - unione europea
    Turchia, Bruxelles decide sull'entrata nell'Ue

    Il premier turco Erdogan: l'Europa dimostri che non è un club cristiano. La Francia, favorevole "per interesse", chiede il riconoscimento del genocidio armeno. Vescovi europei: L'Ue dimentica le offese turche alla libertà religiosa.



    05/10/2005 TURCHIA - UE
    La Turchia festeggia, ma l'Ue raffredda gli entusiasmi

    Dopo lo sblocco per il mandato negoziale sull'ingresso nell'Unione, la stampa turca canta vittoria su Francia e Austria. Ma Barroso: decideranno i referendum.



    04/10/2005 TURCHIA - UE
    Turchia – Ue: partono i negoziati per l'ingresso, ma non tutti sono soddisfatti

    L'Austria ha accettato i termini del mandato negoziale:  accessione, non più "partecipazione privilegiata". Le posizioni all'interno del Paese musulmano: la stampa ricorda i debiti dell'Europa alla Turchia; ad Ankara e Istanbul manifestazioni di protesta contro l'ingresso.



    26/07/2011 TURCHIA-CIPRO-UE
    Crisi o fine del lungo idillio tra Erdogan e l’Europa
    Motivi interni e internazionali dietro la dichiarazione del premier turco, che sospenderà ogni collaborazione con l’Unione durante la presidenza cipriota. Ankara tira a “mercanteggiare” usando il suo ruolo di potenza in una regione ricca di energia.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®