2 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/10/2011
FILIPPINE
Ucciso missionario del Pime a Kidapawan
P. Fausto Tentorio è stato assassinato davanti alla parrocchia di Arakan. Da oltre 32 anni nelle Filippine, il missionario lavorava a stretto contatto con gli indigeni, minacciati dalla crescente industria mineraria. P. Tentorio è il terzo missionario del Pime ad essere ucciso a Mindanao.

Zamboanga (AsiaNews) – Un missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime) è stato ucciso questa mattina nell’isola di Mindanao (Filippine).

P. Fausto Tentorio, 59 anni, da oltre 32 anni nelle Filippine, è stato ucciso stamane da uno sconosciuto, mentre si preparava a partire dalla parrocchia di Nostra Signora del Perpetuo soccorso ad Arakan, in North Cotabato. Come ogni lunedì, aveva un incontro con i sacerdoti della diocesi nella casa del vescovo. L’assassino si è avvicinato a lui e lo ha ucciso con due colpi alla testa. Non si conosce ancora l’autore né il movente dell’uccisione. Secondo testimoni egli indossava un casco di sicurezza ed era impossibile vederlo in viso. Dopo l’assassinio, il killer si è allontanato sicuro con una motocicletta.

P. Tentorio lavorava da tempo fra i gruppi tribali della diocesi, vivendo con loro. La sua evangelizzazione comprendeva anche l’impegno per garantire sopravvivenza e diritti a queste popolazioni spesso derubati delle terre ed emarginate.

Leonardo Revoca, ex parrocchiano di p. Tentorio e consigliere comunale ad Arakan ha sottolineato l’impegno del missionario per fermare la diffusione dell’industria mineraria, che sta distruggendo la vita delle popolazioni indigene.

Il superiore Pime delle Filippine, p. Gianni Re, non ha voluto per ora rilasciare alcuna dichiarazione. Ha solo detto: “Sono profondamente addolorato. P. Fausto era uno dei miei più cari amici”.

P. Tentorio, nato a S. Maria di Rovagnate (Lecco), era entrato nel Pime dal seminario della diocesi di Milano. I suoi compagni di studio lo ricordano come una persona semplice e affabile.

P. Fausto Tentorio è il terzo missionario del Pime ad essere ucciso nelle Filippine e nell’isola di Mindanao. Nel 1985 p. Tullio Favali è stato ucciso a Tulunan, nella diocesi di Kidapawan, da un gruppo di guardie private armate; nel 1992, p. Salvatore Carzedda, impegnato nel dialogo con i musulmani, è stato ucciso a Zamboanga. Nel 2007, p. Giancarlo Bossi era stato rapito da un gruppo di fuoriusciti del Moro Islamic Liberation Front, ma è stato rilasciato dopo oltre due mesi di cattività. Nel 1998 è stato rapito anche p. Luciano Benedetti. I suoi rapitori, un gruppo musulmano, lo hanno liberato dopo circa 2 mesi.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/01/2012 FILIPPINE
Un politico e il capo della polizia dell’Arakan fra i possibili mandanti dell’omicidio Tentorio
12/11/2012 FILIPPINE
Kidapawan, la mano dell'esercito dietro l'assassinio di p. Fausto Tentorio
19/10/2011 FILIPPINE
Sacerdote filippino: P. Tentorio mi ha aiutato a scoprire la mia vocazione
di Simone Cantarini
18/10/2011 FILIPPINE
I tribali di p. Tentorio pregano e dormono accanto alla sua bara
18/10/2011 FILIPPINE - ITALIA
Il Pime sulla morte di p. Fausto Tentorio
Articoli del dossier
FILIPPINE
I missionari Pime delle Filippine ricordano p. Fausto Tentorio
FILIPPINE
Sacerdote filippino: P. Tentorio mi ha aiutato a scoprire la mia vocazione
FILIPPINE - ITALIA
Il Pime sulla morte di p. Fausto Tentorio
FILIPPINE
I tribali di p. Tentorio pregano e dormono accanto alla sua bara
FILIPPINE - ITALIA
L’Anno della Fede e il martirio di p. Fausto Tentorio
FILIPPINE
Missionario Pime: p. Tentorio, padre, fratello e amico per migliaia di tribali senza voce
FILIPPINE - ITALIA
Sgomento fra i familiari di p. Fausto Tentorio, ucciso nelle Filippine

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate