23 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/02/2017, 12.22

    MYANMAR

    Un ex militare dietro l’omicidio dell’avvocato musulmano. I dubbi sulla versione ufficiale

    Francis Khoo Thwe

    Per l’ufficio di presidenza il mandante dell’assassinio di Ko Ni è Aung Win Khaing, ex alto ufficiale dell’esercito. Egli avrebbe colpito per “destabilizzare” la nazione in un periodo di forti tensioni etniche e confessionali. Fonte di AsiaNews: “La gente si chiede chi sia il vero mandante”. Anomale promozioni post delitto.

     

    Yangon (AsiaNews) - Una vicenda che “continua a dominare le cronache nel Paese”, ma i cui contorni restano ancora “incerti”, tanto che è difficile accertare le “reali responsabilità” e la “vera matrice” che si cela dietro il delitto. È quanto riferisce ad AsiaNews dietro garanzia di anonimato una fonte birmana, commentando gli ultimi sviluppi nel caso dell’assassinio dell’avvocato musulmano. Nei giorni scorsi, intanto, l’ufficio della presidenza del Myanmar ha rivelato che sarebbe stato un ex ufficiale dell’esercito ad assoldare il killer che ha ucciso a fine gennaio Ko Ni, costituzionalista di primo piano e consulente della Lega nazionale per la democrazia (Nld), il partito di Aung San Suu Kyi, al potere nel Paese.

    Secondo quanto riferisce l’entourage del capo di Stato, Aung Win Khaing - questo il nome dell’ex militare che avrebbe tramato per assassinare il celebre avvocato musulmano - avrebbe agito con l’obiettivo di “destabilizzare” la nazione. Un attacco diretto allo Stato, in un momento in cui nell’ex Birmania si registra una progressiva escalation di  gravi tensioni etniche e confessionali.

    “Anche dall’ufficio del presidente - racconta la fonte di AsiaNews - confermano la notizia secondo cui dietro la morte vi sarebbe un alto militare. Tuttavia, la gente comune continua a chiedersi chi sia in realtà il vero mandante, quali siano i retroscena dell’omicidio”. In un contesto in cui si fatica a credere alle versioni ufficiali, emergono altri particolari interessanti: “Alcuni colleghi dell’assassino hanno ora assunto cariche di grande responsabilità nel Paese. Fra questi vi sarebbe anche il poliziotto capo fra i primi a intervenire sulla scena del delitto”.

    La vittima, il 63enne Ko Ni, era un avvocato musulmano conosciuto nel Paese per il suo attivismo in ambito giuridico. Una delle sue molte battaglie, forse quella più importante e che gli è costata la vita, era dedicata ai tentativi di riforma della Costituzione imposta nel 2008 con un referendum farsa dai militari.

    Egli è stato ucciso a colpi di pistola all’aeroporto internazionale di Yangon. Rientrava in Myanmar dopo aver partecipato in Indonesia a un forum interreligioso sulla tolleranza e la riconciliazione. Lo scorso anno, in un’intervista incentrata sulla riforma costituzionale, aveva sottolineato che “è impossibile” modificare la Carta vista la “persistente” opposizione dei militari. Ecco perché, ha aggiunto, “scriverne una nuova è la soluzione migliore per dare al Paese una Carta democratica”.

    L’ufficio del presidente del Myanmar Htin Kyaw afferma che i sospetti si concentrano attorno all’ex tenente-colonnello Aung Win Khaing, che ha rassegnato le dimissioni dall’esercito nel 2014. Egli avrebbe consegnato 100 milioni di Kyats (poco più di 73mila dollari) al fratello maggiore  Aung Win Zaw, il quale ha poi ingaggiato l’esecutore materiale dell’omicidio, il 53enne Kyi Lin. Nella sparatoria del 29 gennaio è morto anche un guidatore di taxi; sono stati proprio i colleghi della seconda vittima a bloccare l’attentatore.

    “Aung Win Khaing, che avrebbe pagato per il crimine - aggiunge la nota presidenziale - è tuttora latitante. Egli ha prestato servizio nell’esercito, col grado di tenente-colonnello, sino al 2014”. Il 45enne ex militare avrebbe lasciato i gradi per “motivi personali”.

    In queste ore sia i vertici dell’esercito che la polizia non hanno voluto commentare in via ufficiale le novità nell’inchiesta fornite dall’ufficio del presidente. Intanto dalle telecamere a circuito chiuso dell’aeroporto di Yangon emerge un filmato in cui si vede l’ex ufficiale Aung Win Khaing nella sala arrivi, intento a controllare l’orario dei voli, pochi minuti prima della morte di Ko Ni.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/03/2017 08:52:00 MYANMAR
    Ko Ni aveva trovato una “scappatoia” per abolire la Costituzione. I militari lo hanno ucciso

    È quanto afferma un collaboratore dell’avvocato musulmano, assassinato a fine gennaio. Sarebbe bastato un unico voto in Parlamento, a maggioranza semplice, per “abolire” la Carta e “adottarne una nuova”. La morte un “segnale” dell’esercito a chi opera per una riforma. “Clima di paura” all’interno della Nld. 

     



    02/02/2017 11:57:00 MYANMAR
    Yangon, arrestato il mandante dell'uccisione di Ko Ni, l’avvocato musulmano amico di Aung San Suu Kyi

    Myint Swe, il mandante dell'assassinio, bloccato vicino al confine con la Thailandia. La Nld parla di omicidio politico e “attacco terroristico” al Paese. Per l’Onu è un “atto di rappresagli”. Condoglianze anche dal movimento radicale buddista Ma Ba Tha. Fonti di AsiaNews: “Si era impegnato nella riscrittura della Costituzione, per questo è stato ucciso”. 

     



    27/02/2017 10:56:00 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi: la morte dell’avvocato musulmano “grande perdita” per il Myanmar

    Dopo quasi un mese di silenzio la Nobel per la pace e ministro degli Esteri parla dell’assassinio di Ko Ni. Per la leader Nld è un “martire” che ha speso la vita per migliorare il Paese. Tuttavia, nell’ultimo periodo egli non aveva risparmiato critiche nemmeno al partito di governo per la crescente “islamofobia”.

     



    30/01/2017 08:47:00 MYANMAR
    Yangon: ucciso Ko Ni, avvocato musulmano birmano pro diritti umani e consulente della Nld

    E' stato freddato all’aeroporto cittadino, con colpi di pistola alla testa.A sparare sarebbe stato il 53enne Kyi Lin, originario di Mandalay. Ignote, al momento, le ragioni dell’omicidio. Esperto di diritto costituzionale, era finito in carcere durante le proteste del 1988. Di recente si era schierato contro le violenze sui Rohingya. 

     



    14/10/2010 THAILANDIA – MYANMAR
    Immigrati birmani: vittime di sfruttamento e abusi, per la crescita dell'economia thai
    Da oltre un mese 500 lavoratori protestano perché vittime di proteste e intimidazioni. Essi non ricevono lo stipendio e hanno subito la confisca dei documenti. Alla regolarizzazione, si aggiunge il problema legato all’educazione dei figli, spesso costretti a tornare nel Paese d’origine. L’opera della Chiesa cattolica con gli immigrati della provincia di Samut-Sakom.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®