5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/06/2007
VIETNAM
Un sondaggio tra gli adolescenti per insegnare meglio il catechismo
di JB. VU
Una parrocchia di Ho Chi Minh City ha cercato di capire come i giovani vedono l’apprendimento dei principi della fede ed ha riunito i loro genitori per discutere i risultati emersi.

Ho Chi Minh City (AsiaNews) -  L’educazione religiosa degli adolescenti è una delle tante difficoltà e sfide che i cattolici vietnamiti si trovano di fronte. Per affrontare il problema, la parrocchia di Ba Chuong, nell’arcidiocesi di Saigon ha svolto un sondaggio tra i giovani e ne ha parlato con i loro genitori.
 
“Col sondaggio sull’insegnamento del catechismo agli adolescenti - racconta ad AsiaNews Fratel Lang - abbiamo accertato che il 100% degli adolescenti ritiene davvero pesante lo studio alla scuola statale, il che rende difficile trovare il tempo da dedicare al catechismo. Il 70% dei ragazzi ha riconosciuto che studiare il catechismo ci aiuta ad essere forti nella fede e nelle convinzioni. Essi sanno che studiano catechismo per rispondere alle esigenze della famiglia ed alla tradizione della Chiesa e della parrocchia”.
 
“Attraverso lo studio del catechismo – aggiunge suor Thiet – gli adolescenti pensano che miglioreranno la loro personalità, sensibilità e conoscenza del modo di comportarsi con i loro amici. In breve, pensano al catechismo come un tema umano ma non per la fede cattolica. Per questo, tutti noi, catechisti genitori, sacerdoti e suore, vogliamo avere un orientamento educativo. Infine, ma non meno importante, abbiamo bisogno di metodologia dell’insegnamento, di capire la psicologia dell’età adolescenziale e delle preoccupazioni dei genitori verso i loro figli nella studio e nella vita”.
 
“Il sondaggio – spiega fratel Nhan – ci ha dato lezioni di esperienza. Anche se gli adolescenti pensano che imparare il catechismo è importante come lo studio alla scuola statale, danno la priorità allo studio scolastico. Questo è giusto, perché lo studio scolastico può offrire loro maggiori ‘benefici’ dello studio del catechismo. D’altronde, i loro genitori hanno avuto abbastanza ‘abilità’ per riconoscere che se mancano di fede, i loro figli sono ‘ancora salvi’, ma se mancano di preparazione scolastica non avranno speranza per i lavoro, per il futuro e non avranno da mangiare. Così numerosi genitori hanno costretto i loro figli ad andare a scuola anche la domenica e non li lasciano venire in chiesa a studiare catechismo”.
 
I genitori hanno un ruolo veramente importante per insegnare ed educare alla fede i loro figli. Gli adulti che hanno una vita di fede saranno un buon esempio per i figli. Li incoraggeranno a vivere bene, rammentando ai loro figli di imparare il catechismo. Così i sacerdoti organizzeranno gruppi di genitori per discutere sulle questioni che riguardano l’insegnamento del catechismo ai loro figli, come ha fatto la parrocchia di Ba Chuong.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/12/2007 VIETNAM
Iniziative di due parrocchie per il sostegno ai migranti di Ho Chi Minh City
09/07/2011 VIETNAM
Thanh Hóa, una campagna per rinnovare fra i laici lo spirito della Pasqua
di Thanh Thuy
06/07/2006 Vietnam
Ho Chi Minh City, la famiglia moderna "mostra al mondo l'amore di Cristo"
di JB Vu
27/03/2004 CINA
Pechino: guerra all'infiltrazione delle "ideologie straniere"
24/09/2009 VIETNAM
Protesta dell’arcivescovo di Hue per le violenze della polizia a Loan Ly

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate