05/08/2005, 00.00
ONU - CINA - USA
Invia ad un amico

Usa e Cina: no all'allargamento del Consiglio di Sicurezza proposto dal G4

Le due potenze si oppongono alla proposta di allargamento presentata da Brasile, Germania, India e Giappone, ciascuno dei quali vuole un seggio permanente.

New York (AsiaNews/Agenzie) – Pechino e Washington si sono accordate per bloccare il progetto di espansione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite elaborato dal Gruppo dei 4 (G4). Brasile, Germania, Giappone e India vogliono, ciascuno per motivi diversi, un seggio permanente dentro al Consiglio di Sicurezza, ma l'idea è osteggiata da Usa e Cina. Wang Guangya, ambasciatore cinese presso le Nazioni Unite, ha dichiarato di aver raggiunto l'accordo con l'ambasciatore americano John Bolton il 2 agosto: le due potenze hanno unito gli sforzi per fare sì che la proposta di allargamento del numero di membri permanenti del Consiglio di Sicurezza non venga votata dai 2/3 dei delegati all'Assemblea Generale, il quorum necessario per far passare la riforma. "La proposta del G4 avrebbe un effetto disgregante sui 191 membri dell'Onu", ha dichiarato Wang. "Abbiamo deciso  - ha continuato - di lavorare insieme (Cina e Usa) per tutelare i nostri interessi  – cioè per salvaguardare l'unità dell'Onu, di ogni gruppo regionale, perché tale unità non venga rovinata dalla riforma".

Dopo 10 anni di dibattito, lo scorso marzo il segretario generale dell'Onu Kofi Annan ha chiesto agli Stati membri una decisione entro settembre per l'allargamento del Consiglio di sicurezza. Finora nessuna delle attuali proposte sul tavolo sembra poter ottenere i 2/3 dei voti dell'Assemblea generale.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Cina dice no all'allargamento del Consiglio di sicurezza Onu
03/06/2005
Pechino plaude la decisione Onu di inviare 26mila soldati in Darfur
02/08/2007
Iran, oggi la decisione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica
06/03/2006
La Cina appoggia l'Africa per un seggio permanente al Consiglio di sicurezza
18/01/2006
Taipei cancella la "Repubblica di Cina" e chiede un seggio all'Onu come "Taiwan"
14/09/2006