31/05/2018, 08.56
INDIA
Invia ad un amico

Uttarakhand, un poliziotto salva un musulmano dagli indù. Minacciato di morte (Video)

L’agente Gagandeep Singh è di religione sikh. L’incidente è avvenuto vicino ad un tempio indù nella città di Ramnagar. Radicali indù volevano linciare il musulmano perché in compagnia di una ragazza indù. Il fedele islamico accusato di “love jihad”, cioè di sedurre ragazze indù per convertirle.

Lucknow (AsiaNews/Agenzie) – Ha salvato un giovane musulmano da una folla di indù che voleva linciarlo e per questo riceve minacce di morte. È la vicenda di Gagandeep Singh, un poliziotto di religione sikh dell’Uttarakhand, diventato un eroe sui social media per aver protetto un ragazzo dalla furia di nazionalisti radicali indù. Fonti della polizia lamentano però che da quando l’agente è diventato famoso e ha attirato l’attenzione dell’opinione pubblica, egli è in pericolo di vita.

L’incidente è avvenuto il 23 maggio vicino ad un tempio indù nella città di Ramnagar, nel distretto di Nainital. Qui il giovane musulmano aveva appuntamento con la sua ragazza di religione indù. Una folla di radicali appartenenti all’organizzazione ultranazionalista Vishwa Hindu Parishad e alla sua ala giovanile militante Bajrang Dal hanno chiesto all’uomo di mostrare la carta d’identità. Scoperta la sua confessione religiosa, lo hanno accusato di “love jihad” e volevano linciarlo. Con il termine “love jihad” i nazionalisti definiscono la presunta cospirazione da parte dei fedeli dell’islam di forzare le donne indù alla conversione ai dettami del Corano attraverso pratiche di seduzione.

Coprendolo con il suo corpo, il poliziotto Singh ha impedito l’assalto. Per questo da molti è stato definito un “eroe modello”. Da parte sua, egli ha detto: “Stavo solo facendo il mio lavoro. Avrei fatto lo stesso anche se non avessi indossato l’uniforme. Tutti gli indiani dovrebbero fare altrettanto”.

Il suo gesto però non è piaciuto ai nazionalisti, che lo hanno accusato di “comportamento indecente”. I colleghi che lavorano insieme a Gagandeep Singh riferiscono che dopo le minacce, egli è stato mandato in congedo.

Ad esporsi contro l’agente, anche alcuni politici locali di spicco. Tra questi, Rakesh Nainwal, leader del Bjp (Bharatiya Janata Party), che afferma: “È sbagliato che queste persone (uomini musulmani) portino le ragazze indù nei nostri luoghi di culto, nonostante sappiano che si tratta di un tempio e di un luogo sacro”. Secondo un altro esponente del Bjp, il musulmano avrebbe offeso il sentimento religioso degli indù.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Madhya Pradesh, musulmano ucciso per il sospetto di macellare vacche sacre
21/05/2018 08:52
India, linciato per la carne di vacca: la condanna degli intellettuali, mentre Modi rilancia l’Hindutva
08/10/2015
Le “vacche sacre” “più preziose di un essere umano”: il discorso dell’odio dell’Hindutva
07/10/2015
Agra: contro la "love jihad", vietare i telefoni cellulari alle ragazze indù
02/09/2014
Leader cristiano al Karnataka: Fermate i radicali indù, pericolosi per le minoranze
06/03/2015